Archivi tag: Politics

Neve e orbace, fascista felice!

La bianca e gelida nemica che nelle settimane passate ha visitato -tra le altre perle dell’onusto Stivale- la citta’ littoria e Divina, e’ stata domata e sgominata grazie all’uomo che da qualche mese ne guida la marcia verso luminosi e tiepidi avvenire.

Lui, l’uomo di ferro tutto d’un pezzo (chi dice “un tombino di ghisa“, chi pensa piu’ ad un lingotto da fonderia), il signor Rauti (parlandone da sposato), il Gianni camicia nera di giovanili e mai domati ardori… lui, il condottiero che dietro una santa croce (celtica) invitava i camerata al roman saluto, il virile prodotto dei lombi della Lupa… s’e’ messo in gioco direttamente, e -il badile o la pala nell’augusta mano, la carriola piena di sale al suo possente fianco- ha fronteggiato la minaccia meteorologica col piglio fiero ed altero del condottiero volitivo ed ariano.

E allora, guardatelo nella prima apparizione sul campo di battaglia quando, preso alla sprovvista dall’incoscienza e dall’ignoranza delle metriche nevose -s’aspettava millimetri ed invece ha ricevuto dagli odiati comunisti russi decine di centimetri di neve gelata- s’e’ virilmente lanciato nella maschia pugna!

Giannispazzaneve3

Osservate sopra l’improvvisato armamentario littorio che solo grazie alla forza di volonta’ e al nerbo latino del Nostro ha scalzato la breccia ghiacciata dal selciato romano! Non vi possiamo far vedere il Nostro mentre, il giorno stesso della battaglia, raccoglieva il dovuto onore in varie piazze televisive, facendo tesoro delle registrazioni e degli interventi in differita e sbatacchiando in faccia al comunista Gabrielli le sue (di lui, non di Gianni, sia ben chiaro a tutti!) responsabilita’, ma il fatto e’ oramai storia e i libri ne saran testimoni imperituri. (D’altra parte, non fu Giuseppe Goebbels a teorizzare che il reiterar e ribadire come verace d’una notizia la rendeva alfine piu’ veridica del vero?)

E dopo la prima volta, appresa la lezione, ecco il Nostro Condottiero sparger sale alle selci, che e’ come dar le perle ai porci ma con meno onusto afrore! Notate con quale attenzione il Gianni presiede e supervisiona la semina del nobile cloruro di sodio! Guatate l’orbace indossato con grazia latina, e lo sguardo perso nella contemplazione dell’incommensurabilita’ dei pippoli di sale alfin sparsi dagli schiavi negr dai poveri tecnici comunali!

Alemanno-neve-sale

Ma il clou nella battaglia contro il Generale Inverno Gianni lo raggiunge nell’ultima fase della guerra. Eccolo qua, nella emblematica sequenza che immortala il degno epigone del Vate d’Annunzio aver ragione, con tre palate nette e decise, d’un cumulo particolarmente cattivo ed antidemocratico in zona-Parioli:

Si noti come la fureria e le salmiere han lavorato alacremente ed indefessamente nei giorni tra il primo scatto e questi ultimi sigilli ad una storia ancora tutta da scrivere, acciocche’ il loro duce avesse a combattere con il migliore equipaggiamento che i nostrani opifici possono fornire ai figli della Lupa! Si osservi -perdio!- l’elmo candido e virginale, che ben si mimetizza nel nitido biancore del manto nevino, e si noti il completo pantalone-giaccone in puro ORBACE, modello “Bertolaso, on air”! Si confronti la tecnologica e rubiconda pala con il badile abborracciato della prima battaglia, e si esulti per la sonante vittoria del nostro (tralasciando le misere polacchine colla suola di cartone, omaggio alla gloriosa campagna di Russia del bel tempo che fu)!
E possa ognun di voi sbeffeggiar la mortale nemica col maschio e littorio “Me ne frego!” che Gianni ha intonato alla fine della pugna.

A noi!

(lo portano via in camica di forza)

 

Barney

 

xkcd: Wake Up Sheeple

Media_httpimgsxkcdcom_isjjy

Meravigliosa, senza alcun dubbio.

Barney

Essere stronzi e’ dono di pochi, farlo apposta e’ proprio da idioti

Gli Zen Circus tornan sempre utili quando si deve parlare di idioti, coglioni, teste di minchia e merda varia. Ecco: siccome l’argomento del pezzo e’ Sallust(r)i, direi che ci siamo. E quindi inseriamo subito la colonna sonora che da il titolo al post:

Qua c’e’ Andrea Appino che si fa in tre, nella versione originale la parte di melodia e’ del basso (tanto per dare l’idea… E la gente continua a comperare i dischi di Bosso Rossi e LegaDue…).Son terminati i motivi per leggere, ma se proprio volete potete continuare sotto.

Mi resta infatti da parlare della bestia pelata che dirige il Giornale sotto diretto mandato dell’editore (chiunque egli sia), e del perche’ egli non sara’ mai -in accordo ad “Andate tutti affanculo”- stronzo di natura, ma irrimediabilmente solo un idiota se proprio gli va bene.

Saprete tutti che ieri il lurido e untuoso figuro ha ben pensato di rendere omaggio alla giornata della memoria con un titolo che fa vomitare da quanto e’ cretino. Questa e’ la prima pagina di ieri:

La_prima_pagina_giornale1

La figura e’ presa direttamente dalla latrina elettronica del Giornale.

I motivi di tale titolo, che Sallast(r)i ha orgoglionamente ascritto al suo mono/motoneurone sarebbero che “Der Spiegel” (una specie di “Panorama” tedesco) ha fatto una copertina con la Costa Concordia semiaffondata e un titolo che esprimeva piu’ o meno il concetto “Italiani tutti Schettino”.

In sostanza, il povero idiota ci dice che ha fatto un titolo osceno per contrastare un altro titolo osceno. Si, dai… Come quando da bambini si faceva a chi pisciava piu’ lontano, o a chi resisteva di piu’ senza respirare, o -infine- a chi riusciva a dire piu’ parolacce nel minor tempo possibile. Un comportamento da grandissimo giornalista maturo, quindi. Uno slancio -addirittura!- d’amor patrio, in cui il rinsecchito amante della Santanche’ (chapeau per il fegato ad entrambi, signori!) avrebbe rischiato l’incidente diplomatico solo per difendere il buon nome del Paese, anche se il suo padrone non e’ piu’ il Leader Maximo. Un afflato di vera liberta’ di pensiero (si, si, come no?) che affranca (certo, col cazzo!) il vecchio Sallost(r)i dal giogo del cavalier Berlusconi.

Puo’ pure essere che la spiegazione qua sopra sia vera, ma ci credo pochissimo.

Secondo me i motivi per i quali Sallest(r)i ha tirato fuori quel titolo sono essenzialmente due:

  • vendere piu’ copie possibile stupendo il lettore e vellicando la camicia bruna che e’ in lui (sto parlando dei vecchi nostalgici che comperano il GIornale);
  • sbeffeggiare l’Olocausto da buon fascista codardo quale il Sallast(r)i e’ (e’ reo confesso, il rinsecchito. E ha reso ennemila volte omaggio a quanto il Duce fosse buono e bravo).

In ogni caso, che Sallost(r)i si metta l’animo in pace: anche se continua con questi titoli da merdaccia fascista, non porta’ mai essere uno stronzo naturale; tuttalpiu’ risultera’ evidenziata la sua idiota coglionaggine. Non che ce ne fosse bisogno, sia chiaro, ma se gli piace cosi’…

Attenzione: nessun Sallusti e’ stato direttamente nominato in questo post, ne’ alcuna bestia ha subito danni fisici o morali.

Barney

Liberalizzazioni

Si, Monti poteva fare di piu’.

Certo, e’ solo un inizio.

Si, va bene: a pensarci ci son sempre millanta cose da fare, sempre piu’ importanti di quelle fatte fin li’.

I-want-you1

Dico a te, testina di vitello!

Ma… Diobòno: in vent’anni di destra (tanta) e sinistra (qualche volta), cosa mincha avete fatto, voi politici del bla bla e del raddrizzamento banane?

Nulla, zero, nada. Le lenzuolate di Bersani subito rientrate? Pannicelli caldi. Le promesse del nano che si sa che contano una sega. E poi? Vuoto pneumatico.

Quindi, lamentatevi sottovoce e rodete in silenzio, politici del cavolo d’ogni razza e colore. Grazie.

 

Barney

Contare i FagiUoli in Iowa, e fare le seghe ai gatti. Sempre in Iowa…

Il titolo puo’ sembrare azzardato, ma e’ il miglior commento alla notizia del giorno: primarie repubblicane in Iowa (li’ le chiamano “caucus“, ma sembra un moccolo da seminarista e quindi io continuo a chiamarle primarie), stato in cui si vota contando i chicchi di mais (non son fagiUoli, ma poco ci manca) vinte dal candidato anti-Obama in pectore, Mr. Romney con OTTO chicchi di vantaggio su Rick Santorum. A latere, la rinuncia alla corsa presidenziale dell’unica candidata femmina degli asinelli: Michele Bachmann, che ha un nome bellissimo ma un cervello da gambero di fiume. E idee che Papa Leone XIII era un illuminato, al confronto. Volete esempi? Eccoli, in versione originale con sottotitoli in grassetto per non udenti:

  1. Dio ci stiantera’ tutti, segnatevelo! Che, vi deve fare il cazzo di disegnino??!!!: “I don’t know how much God has to do to get the attention of the politicians. We’ve had an earthquake; we’ve had a hurricane. He said, ‘Are you going to start listening to me here?’ Listen to the American people because the American people are roaring right now. They know government is on a morbid obesity diet and we’ve got to rein in the spending.
  2. Vaccini e autismo e sciechimiche e sbroc sbroc:I will tell you that I had a mother last night come up to me here in Tampa, Florida, after the debate. She told me that her little daughter took that vaccine, that injection, and she suffered from mental retardation thereafter.
  3. Picchiate col randello le vostre mogli tutte le sere, c’e’ piu’ d’un motivo… e poi lo dice Geova: “Why should I go and do something like that? But the Lord says, ‘Be submissive wives; you are to be submissive to your husbands.
  4. E ‘un dìo nulla sull’AIDS, perche’ te lo immagini da solo, no?: “I find it interesting that it was back in the 1970s that the swine flu broke out under another, then under another Democrat president, Jimmy Carter. I’m not blaming this on President Obama, I just think it’s an interesting coincidence.
  5. E le scorregge, allora? Su, via: o colorala, se ti riesce!: “Carbon dioxide is portrayed as harmful. But there isn’t even one study that can be produced that shows that carbon dioxide is a harmful gas.
  6. O seòndo te, alla Fornero dell’articolo 18 e della flessibilita’ totale chi ne l’ha detto?:If we took away the minimum wage — if conceivably it was gone — we could potentially virtually wipe out unemployment completely because we would be able to offer jobs at whatever level.
  7. I Fratelli Cervi? Mi fanno un baffo!:Before we get started, let’s all say ‘Happy Birthday’ to Elvis Presley today.” (Questa va spiegata: l’ha detto in South Carolina il 16 agosto 2011. Elvis e’ ovviamente morto da una trentina d’annetti, era nato l’8 gennaio del ’35 e mori’ il 16 agosto 1977. Cazzo, il prossimo che riceve gli auguri di buon compleanno dalla Bachmann si tocchi le palle. Pero’ faccia attenzione, che la Bachmann ha idee un po’ retrive sulla masturbazione...)

Ecco: questa qua era l’unica candidata donna alle primarie repubblicane USA.

E dio nànos! Allora, metteteci Cita, no? Ah, no, scusate: e’ stiantata la scorsa settimana…

 

Barney

Produttivita’

Leggendo la striscia quotidiana di Dilbert:

146540

m’e’ venuto in mente questo articolo qua che ho letto stasera in treno.

Poi, potrei anche azzardare uno spiegone socio-politico-economico con scappellamento a destra sui tortuosi percorsi che seguono le idee (?!???) nel mio cervello (??!!!!), ma siccome sono reduce dalla cena aziendale e domattina ho una riunione, lascio all’incauto e curioso lettore il compito di stabilire il nesso tra le due cose (Dilbert e l’articolo).

Barney

La manovra di Monti vista da Vento

Vento e’ un utente di Usenet che spesso scrive cose interessanti. La sua disamina della manovra Monti e’ da leggere; ve la copioincollo qua sotto (cosi’ mi evito pure lo sforzo di scrivere):

 

 

Vedo che molti elettori mugugnano per la manovra Monti e la ritengono poco “equa” perché impone sacrifici già a partire da redditi medio-bassi, pesta sui lavoratori e sui pensionati, reintroduce alcune tasse e ne alza altre.

La destra, che ha causato con otto anni e mezzo di governo una situazione di pre-default mandando a scatafascio i conti pubblici ed esasperando l’immobilità sociale del Paese e la disuguaglianza dei redditi, cerca ora – come puntualmente previsto da molti – di spacciarsi per vicina ai “poveri” e alla “gente comune”, e per bocca di Alfano chiede che a pagare “non siano sempre gli stessi”. Tutto questo non è solo ridicolo, è anche disgustoso. PDL e Lega Nord hanno governato questo Paese quasi ininterrottamente per 10 anni senza riuscire a creare sviluppo, posti di lavoro, senza tenere i conti in ordine, arraffando e rubando a più non posso con cricche di affaristi alla Bisignani, senza correggere in alcun modo le storture che derivano da un’enorme economia sommersa, da un’enorme corruzione, da un’enorme evasione ed elusione  fiscale.

Ora vogliono rifarsi una verginità: la Lega stando all’opposizione e facendo finta di non aver governato con larghe maggioranze parlamentari per ben otto anni e mezzo senza aver portato al nord un solo euro in più; il PDL indossando addirittura la veste dei “responsabili” che appoggiano, col cuore gonfio di pena per le tasse, il governo Monti ma minacciano di “staccare la spina” (ma non la staccheranno fin quando ci sarà una situazione di emergenza).

Il fatto che PDL e Lega abbiano fermato il crollo nei sondaggi non appena hanno lasciato il governo passando la patata bollente a Monti è agghiacciante, e prova che gran parte dell’elettorato di centrodestra è fesso e manipolabile – se mai ci fosse bisogno di altre prove. Dopo un fallimento epocale delle maggioranze berlusconiane fino ad una situazione di pre-default, basta che cambi il governo e i babbei berlusconian-leghisti si scordano che i loro eletti sono stati al governo per otto anni e mezzo e iniziano ad inveire contro il governo di turno, come se fosse saltato fuori dal nulla, come se la manovra pesantissima che deve approvare non fosse il risultato inevitabile e diretto della malagestione precedente. 

Ma il fatto che anche nell’elettorato di sinistra ci siano mugugni o addirittura aperti attacchi contro il PD è ancora più agghiacciante, perché prova che anche una parte dell’elettorato di sinistra “non ci arriva”, non riesce a capire i meccanismi della propaganda e le manovre a tenaglia di Berlusconi. Ed è pronta a votare esattamente come Berlusconi vuole, cioè con un rafforzamento di grillini (“Lunga vita a Grillo!” ha esclamato poche settimane fa appena conquistato il Molise), Di Pietro e SEL; ovvero la garanzia di poter vincere nuovamente le elezioni politiche; o per conquista della maggioranza relativa o per vittoria di un fronte avverso talmente diviso e talmente privo di una forza egemonica da permettergli di farlo a pezzi con televisioni e acquisti di parlamentari in pochi mesi.

E quindi vale fose la pena di esplicitare quello che sta accadendo. E’ inutile invocare dal PD rivolte contro la manovra di Monti. CERTO che la manovra di Monti non è “equa”, ma il punto è che una manovra di emergenza non è e non può essere “equa”: si tratta di prendere in fretta i soldi dove sono prelevabili. La rabbia dovrebbe rivolgersi verso chi ci ha condotto a questa situazione, non verso chi cerca di metterci una pezza con l’unico mezzo possibile.

Pensare che sia possibile, dopo anni ed anni di allargamento delle sperequazioni socioeconomiche e di immobilismo, che arrivi un Robin Hood che acciuffa in due mesi – perché questo è il tempo che abbiamo per evitare il default – evasori, ricchi sfondati e soldi nascosti all’estero è totalmente illusorio. E’ una stronzata che raccontano SEL, IDV e Grillini per gretto calcolo politico: freghiamo voti al PD accusandolo che “non fa muro” contro la manvora di Monti. E sapendo benissimo che dividendo nuovamente il fronte di centrosinistra Berlusconi se lo papperà in un sol boccone, ma tanto che gli frega, loro hanno i partitelli rimpinguati di voti e possono continuare nella loro opposizione in aeternum.

A sinistra manca – per lo meno in una parte consistente dell’elettorato – la consapevolezza che l’equità e la giustizia sociale si COSTRUISCONO negli ANNI, e non sono MAI possibili con un “blitz” dell’ultimo minuto dopo che la destra ha sfasciato conti pubblici e fatto esplodere le diseguaglianze di reddito – come certificato anche ieri dall’OCSE.

E la cosa buffa è che la destra lo sa B-E-N-I-S-S-I-M-O che questa dinamica le permette di rinnovare ogni volta lo schema d’azione: rapina–>quasi-default–>patata bollente ceduta a qualcuno che debba imporre in fretta e furia sacrifici–>propaganda populista contro chi ha imposto i sacrifici per salvare il Paese dal default–>ritorno al potere sull’onda del voto dei cretini.

Questo schema d’azione è possibile solo se anche gli elettori della sinistra vi si prestano, rifugiandosi nel non-voto o votando partitini minori ed estremisti in odio al partito di maggioranza relativa che “non ha fatto la rivoluzione”. E questa attitudine massimalista e frazionista è quella che ha sempre fottuto la sinistra. E permesso alla destra di continuare con il chiagne&fotti che stiamo vedendo anche in questa occasione.

O gli elettori di sinistra lo capiscono e concentrano i loro voti su una forza politica gradualista, riformista, che abbia a disposizione ANNI grazie al loro voto per cambiare stabilmente gli assetti strutturali di distribuzione del reddito e di possiiblità di ascesa sociale, oppure la destra continuerà con il suo schemino: arriviamo al potere, scassiamo i conti, proteggiamo evasori, super-ricchi e cricche, blocchiamo ogni possibilità di mobilità sociale, e poi un minuto prima che la situazione diventi insostenibile rifuggiamo di nuovo e diamo il compito a qualcuno di fare il lavoro doloroso sulla carne delle persone.

Vento

 

La mamma dell’imbecille e’ sempre incinta

Media_httpwwwrepubbli_ndygm

No, l’imbecliie non e’ Oscar Giannino.

Lui si veste molto buffo, con le babbucce di Prada che anche Benny16 ha ai piedi, e il Tamarro, e il cappello rosso. Ma non e’ per niente imbecille, e ha tutto il diritto di esprimere le sue idee. Che, lo si sappia negli ambienti di quelli con le mamme sempre pregne, non sono per niente male.

I coglioni sono quelli che l’hanno riempito di uova e pomodori, e che gli hanno impedito di parlare.

Per quel che vale, Giannino ha tutta la mia solidarieta’ di persona che non votera’ mai un candidato di destra, ne’ tanto meno uno fascista…

Barney

Be optimistic, be darwinian!

Tutti i complottardi e gli antimainstreamers danno oramai per spacciati sia l’Italia, sia l’Euro, sia la UE, e anche il Papa pare non stia benissimo…

Le analisi di questi corvi sapienti sono piene di “ve l’avevo detto da sei anni, io!”, di “massoni! Poteri forti! Goldman Sachs! Trilateral Commission! Bilderberg!”, di “e’ colpa dell’EurodiProdi!!!!!”  e via andare di puttanate varie, di -infine- fosche previsioni che differiscono solo per la data in cui dovrebbero avverarsi.

Lo spread continua a essere compulsato piu’ della Madonna Pellegrina di Santiago del Pilar, con esattamente lo stesso effetto pratico che l’adorazione della Madonna Pellegrina di Santiago del Pilar ha sulla vita di ciascuno di noi (direi zero, cosi’ a spanne…), e i tassi dei BOT/CCT/BPT sono stabilmente sopra i sette punti, anche per quelli a due mesi.

In sintesi: le cassandre la vedono particolarmente nera, e forse tutti i torti non li hanno…

Bene: in questo quadro fosco e cupo, in cui la distinzione tra cacca e cioccolata pare banale e immediata (e no: pare proprio NON sia nutella, quella roba laggiu’…) io mi sento moderatamente ottimista.

Ottimismo1

Mi sento ottimista perche’ ho un vantaggio strategico rispetto alla stragrande maggioranza della popolazione: ho una laurea in scienze biologiche. Non l’ho mai sfruttata, la mia laurea -anche perche’, diciamoci la verita’: non e’ che serva a moltissimo esser laureati in scienze biologiche…-, ma il fatto di avere studiato l’evoluzione degli esseri viventi, la selezione naturale, l’adattamento, le relazioni tra organismi differenti… mi portano a pensare che in un rapporto tra un ospite ed un parassita lo scopo di quest’ultimo non e’ mai quello di ammazzare l’ospite. Il parassita ha tutto l’interesse a tenere in vita la fonte del suo facile sostentamento.

Ecco: noi (inteso come “le persone normali”) siamo l’ospite. I parassiti sono gli speculatori, i traders, le merchant banks, gli stronzi che si autodichiarano “l’1% della popolazione”. Loro non vogliono ucciderci: vogliono sfruttarci ancora, perche’ se noi schiantiamo, schiantano anche loro. Loro hanno bisogno di qualcuno da sfruttare.

Tutto cio’ e’ confortante per due motivi. Il primo l’ho gia’ detto: i parassiti non hanno alcun interesse a uccidere l’ospite, e quindi non v’e’ pericolo di un crollo dell’Euro, ne’ della disgregazione dell’Europa che ha le sue belle radici cristiane, ne’ vi saranno invasioni di grigi/rettiliani/omini verdi al soldo del club Bilderberg, e ci risparmieremo pure le cavallette.

Il secondo motivo e’ in realta’ per me il primo: stanti cosi’ le cose, se loro non possono fare a meno di noi, noi invece sicuramente potremmo vivere meglio senza di loro. Qualsiasi organismo tende a staccarsi dai coglioni i parassiti, a meno che essi non si trasformino in simbionti che apportano qualcosa di utile all’ospite. Se il parassita rimane  un parassita, non c’e’ alcun motivo per l’ospite di sopportarlo. Allora, capite che vivere con la prospettiva di rovinare una decina di queste piccole merdine che sfruttano il 99% del mondo, di questi inutili succhiasangue evaditasse, beh… e’ molto meglio che vivere con il terrore della crisi. No?

Darwin ha vinto contro i bigotti e i cattotalebani: puo’ vincere tranquillamente anche contro Adam Smith, Karl Marx, Colbert, Vaciago e tutti i cazzo di raider di Wall Street. Basta aver fiducia, in lui e nel lungo periodo. Fidatevi di Charles: miliardi di anni di evoluzione non possono essersi sbagliati. 

Barney

 

Volete la prova che abbiamo iniziato a scavare, e siamo a buon punto? Eccovela.

Cannibalizzo spesso il blog di Yossarian, perche’ scrive bene e scrive cose interessanti.
Ieri ha raccontato della sua denuncia ai carabinieri per lo smarrimento del telefonino aziendale; e la deposizione in caserma s’e’ trasformata in qualcos’altro, quando e’ uscito fuori che Yossarian fa l’avvocato.

Se cliccate li’ sopra troverete il racconto di un’Italia disperata e abbruttita dal peso insopportabile di promesse mai mantenute, dal costo della vita che raggiunge livelli londinesi, mentre gli stipendi sono quelli di Calcutta. E caratterizzata dall’italica propensione ad arrangiarsi in tutti i modi possibili, anche i piu’ creativi/i meno legali. Perche’ siamo il paese con il piu’ alto numero di leggi al mondo, ma anche quello che ha il triplo dei cavilli semi-legali per infrangerle, quelle leggi. E spesso farla franca.

Leggete, per favore.

E leggete anche il link che Yossarian fornisce nella risposta al mio commento: c’e’ veramente di che pensare.

Barney