Archivi tag: Nick Cave

Lettera aperta all’amico grillino

Caro amico grillino. tu che alle elezioni del 2018 hai votato per Di Maio Premier (ma ti sei trovato con Conte Premier, e no: non l’hai scelto tu…) e che ti appresti a rinnovare la tua fiducia al MoVimento dopo quasi dieci mesi di governo in coabitazione forzata con i leghisti (che erano i tuoi nemici alle elezioni:

io in fondo ti capisco.

Capisco l’entusiasmo per la novità, capisco il rigetto del passato e capisco anche il prendere le distanze da quel passato, perché è prendendo le distanze che ci si distingue e ci si costruisce una verginità candida e pura, e allo stesso tempo si trova il colpevole di tutto quello che fino ad oggi è andato male: quelli di prima.

L’economia va male? Colpa di quelli di prima, che poi sono il PD -diciamolo-, per tutta una serie di ragioni, non ultima il loro avere accettato l’Euro (di Prodi) e avere perso la prerogativa di stampare moneta (da qua derivano signoraggio, aggiotaggio, abigeato, poteri forti, scie chimiche).

Manca il lavoro? Colpa della riforma del Jobs Act (del PD, e il nome fa davvero schifo al maiale, te ne dò atto).

Siamo in recessione, unico stato europeo? Colpa del PD (anche se non governa da quasi un anno).

Lo spread? Non è un problema, e comunque se lo fosse sarebbe colpa del PD.

La TAV? L’ha decisa il PD, così come la TAP e le trivelle. E anche le pubblicità del gioco d’azzardo. Poi basta fare una “costi-benefici” e passa la paura.

[Incidentalmente ti chiedo, amico grillino: farete la “costi-benefici” anche per salvare per la settima volta Alitalia, o non serve perchè la commissionereste direttamente ai dipendenti della compagnia di bandiera?]

Le buche di Roma? Frutto di anni di incuria, e sarà un caso ma molti di quegli anni vedevano il PD al governo della città.

Il crollo del ponte di Genova? Del Rio sapeva e non ha fatto nulla, e di che partito è Del Rio, eh?

Caro amico grillino, ti capisco. Ma ti ripeto che son dieci mesi che al governo c’è un Premier grillino -non eletto, nè scelto dalle Parlamentarie, ma son particolari-, che le leggi le fate voi assieme ai leghisti, e che le regioni in cui il PD conta ancora qualcosa si contano sulle dita di una mano.

Lo so, amico grillino, tetragono e speranzoso nel futuro descritto da Gianroberto Casaleggio nel suo delirante corto “Gaia“: a volte è difficile giudicare gli atti di questo governo. E allora chiedi tempo per capirci di più (magari fai anche te, da solo, una “costi-benefici”…), o svicoli su argomenti più semplici ed innocui (il tempo -a meno che non si parli di riscaldamento globale-, lo sport, Sanremo…), oppure rimarchi le cose buone fatte dai Serpeverde in questi dieci mesi, incluso il Reddito di Cittadinanza che io personalmente non ho capito come funzionerà, chi potrà chiederlo, quanto dura, con quali soldi si finanzierà.

[Infatti, non essendo grillino, non mi sono preso il tempo per studiare le carte. E quindi sono del PD -che non è vero, ma te lo lascio credere per comodità]

Ma è una cosa buona, alla fine.

Forse.

Perchè hai votato i 5 Stelle, alla fine? Secondo me perchè quelli che c’erano prima non ti rappresentavano, anzi: rappresentavano i poteri forti -le banche, l’Europa, le multinazionali, Bilderberg, la Trilateral Commission-, e hai pensato “beh, votiamo qualcun altro, qualcuno che non è banche, Europa, multinazionali, Bilderberg o Trilateral Commission. Uno come me”.

Ecco, il punto è proprio qua: hai votato uno come te, o come me (anche io non sono banche, Europa ecc ecc ecc), con la convinzione che siccome uno vale uno (ma due gambe è meglio, chiedete ai maiali di Orwell) chiunque può fare tutto. Basta essere onesto, impegnarsi, studiare le carte, chiedere a qualcun altro uguale a te o a me,che come te e me non sa di una certa cosa, e sperare che due ignoranze (o mille) sommate facciano un fine economista, un virologo, un ingegnere strutturale, financo un brillante Presidente del Consiglio (o Ministro dei Trasporti).

Caro amico grillino, la tua fede incrollabile nei tuoi eletti e nei metodi “partecipati” della politica dei 5 Stelle a me ricorda moltissimo un’altra categoria di persone -che da sempre mi affascinano-: quelli che credono a qualsiasi fuffa scientifica perchè l’ha detta qualcun altro rispetto al PD ai veri scienziati, che per loro sono l’equivalente di Renzi e della Bonino. Infatti, tutte le volte che ho la possibilità di interagire con questi credenti della Cargo Cult Science mi ritrovo a chiedergli: “Scusa, mica mica hai votato grillino, te?”, con risultati positivi che sfiorano il 90% di “Si” (conto anche le risposte non date, da persone che si risentono della domanda e svicolano parlando del tempo. Nel 100% dei casi in cui ho potuto controllare, avevano votato grillino: ogni pentastellato che si rispetti sfoggia il simbolo del partito sulla sua pagina facebook).

Amico grillino, ti capisco davvero. Hai visto nel nuovo che avanzava a grandi falcate la traduzione italiana del sogno americano, e come ogni americano che si rispetti hai voluto credere al sogno. Che però sogno rimane: prima o poi ci si deve svegliare, e fare i conti con la dura realtà che non ti permette di usare -ad esempio- i soldi del Monopoli per far fronte alle tue brillanti idee economiche. Prima o poi dovrai dare atto che chi come me considera le parole di un biologo superiori a quelle di una sciampista se si parla di vaccini non è del tutto pazzo, se stiamo parlando di vaccini e non di lavaggio di capelli (puoi sostituire biologo e vaccini con quello che ti pare, ad esempio “economista” e “manovra finanziaria”, “ingegnere” e “trasporti” e così via), e che se tutti abbiamo gli stessi diritti, non vuol dire che abbiamo anche le stesse competenze.

Speriamo sia prima che poi, perchè s’è fatta ‘na certa e un altro anno governati dai dogsitter non credo ce lo possiamo permettere.

Ah, prima che tu lo chieda: arriverà anche la lettera aperta all’amico del PD.

 

 

Tuo,

 

Barney

 

 

 

Filosofia da muro #127

E’ una foto scattata sulle mura di Lucca, che la scorsa settimana è stata presa ad esempio del degrado della città. L’inquadratura era più o meno questa qua:

IMG_20180731_075257

Nel complesso pur non essendo opera d’arte trovo la scritta non male: belle lettere, enfasi sulla prima e sull’ultima parte della frase data dal corpo più grande dei caratteri, e anche la sfalsatura delle parole a dare brio al tutto. Il “+15” a destra non so come interpretarlo, ma la scritta si.

Credevo fosse un elegante giro di parole per tradurre il livornesissimo “la fia ci fa, la fia ci sfa’”, che comunque si capisce bene anche senza sottotitoli, e invece per l’ennesima volta mi trovo di fronte a un testo di una canzone (scusate il termine) rap, o trap, di certo Nerone che canta un pezzo scritto da certo Nitro, pezzo che vi risparmio perché non mi piace quel tipo di roba lì, e allora ne metto un altro che non è trap né rap, ma mi sembra suoni meglio assai, anche in relazione alla scritta:

 

Barney

Altro giro, altra fuffa

A volte mi sembra davvero di avere un magnetismo naturale per le cose assurde e improbabili. Assurde e improbabili per me, naturali e assodate per altri, ovvio.

Domenica mattina aspettavo i miei figli sotto casa quando sono apparsi due giovani sulla trentina, con fasci di volantini in mano. Stavano lasciando il pezzo di carta in ogni buca delle lettere, e pensando fosse l’ennesima pubblicita’ del black friday (che era il venerdi’ prima, ma si sa che e’ una data -come dire?- flessibile…) ho detto a uno dei tizi di darlo direttamente a me. Cosa che non ha fatto, ha voluto imbucare e mentre imbucava m’ha detto “E’ l’annuncio della proiezione di un documentario, la facciamo qua a Lucca”. Avevo intravisto le scritte, e mi era parso di leggere “Goering” sul volantino.

Nazisti, documentario… Potrebbe essere interessante mi dico.

Apro la cassetta delle lettere e trovo invece una faccia cosi’:

 

Bgroeninggem_erfuffaro

Di notte potrebbe avere qualche somiglianza con il Reverendo Nick Cave:

Nick-Cave-010-384x372

Ma per mia e vostra sfortuna non e’ Nick, quello in alto. E’ un tizio morto nel 1959 di cui fino a domenica non sapevo nulla, e che si chiamava Bruno Groning (o Groening, o Rintintin).

Wikipedia ce lo descrive come un “mistico tedesco“, in realta’ fu un santone che diceva di curare le persone con la preghiera, che credeva che i farmaci fossero inutili e che ha fatto -come nella migliore delle tradizioni dei santoni fuffari- proseliti, tanto che anche oggi esistono associazioni e circoli che continuano a tramandare le sue puttanate.

Sul volantino mi si informa con le parole del Mastro fuffaro che “non esiste l’inguaribile“, e che il documentario che verra’ proiettato a dicembre e’ “da oltre 10 anni al cinema”.

Il “cinema” in cui verra’ proiettato il documentario e’ in realta’ un hotel, dove si entra liberamente e dove l’ “offerta libera e’ benvenuta“.

Il documentario verra’ proiettato dalle 14 alle 20 (SEI fottutissime ore???) perche’ e’ diviso in tre pezzi, ciascuno da 95 minuti (??!!!), intermezzati da due “pause” dove mi immagino i seguaci cercheranno di fare pesca a strascico di gonzi in sala.

Sul retro si dice anche che “Molti spettatori riferiscono che guardando il film ad un tratto hanno avvertito nel corpo una forza, un formicolio, un fluire“. Di cosa non si sa, ho dei sospetti ma penso che dopo sei ore il formicolio verrebbe a chiunque.

Si continua dicendo che -seppure il fuffaro sia stiantato nel 1959- anche oggi avvengono guarigioni straordinarie, perche’ “la forza che a suo tempo agiva tramite Bruno Groning continua ad agire” (attraverso il documentario?). “I fatti parlano da soli: guarigioni da cancro, angina pectoris, reumatismi e osteoporosi” (mancano stranamente l’unghia incarnita e il giradito). E “I medici confermano le guarigioni“. E “La marmotta viola incarta la cioccolata“.

Insomma, un classico della fuffa medica da arresto immediato, che continua a far danni da decenni. Come Hamer e la sua Nuova Me(r)dicina Germanica.

E come accade con tutti i fuffari, basterebbe leggere una sua biografia per smontare tutto. Il tizio che curava infallibilmente gli altri, infatti, non fu in grado di salvare ne’ due figli (morti entrambi in tenera eta’), ne’ se stesso (morto di tumore). Fosse morto solo lui, me ne farei una ragione, ma in questi anni parecchi disperati sono stati convinti da lui o da altri aderenti alla sua setta a smettere di curarsi con i farmaci, per affidarsi alla forza interiore. Col risultato di lasciarci la buccia.

Non andro’ al “cinema” a vedere il “documentario” di 5 ore, domenica, e spero non ci vada nessuno.

Preferisco il Reverendo e i suoi semi cattivi: curano senza dubbio piu’ di qualsiasi fuffaro tedesco.

 

Barney

 

 

 

 

Different seasons – Winter again

Era stanco di spiegare a tutti quel che gli era successo. Stanco, e svuotato di energie e di entusiasmo.

Visto che s’era oramai al tramonto di quel sole pallido e gelato, per analogia lo si sarebbe potuto semplicemente definire “vecchio”, e ci si sarebbe risparmiati un lungo spiego, che avrebbe di certo compreso almeno un accenno a lei. E questo, sopra tutto, l’avrebbe stancato e gli avrebbe tolto l’entusiasmo.

Il vecchio -perche’ lo chiameremo cosi’ d’ora in avanti, a significare tutto quello che s’e’ detto poco sopra- respirava piano, e il vapore che gli usciva dalla bocca si materializzava in una piccola nube bianca, poco davanti al viso. Avesse avuto un sigaro in mano si sarebbe pensato che la nuvoletta era in realta’ fumo; cosi’ -con niente tra le dita, e poco addosso- era chiaro che il vapore testimoniava soltanto stanchezza e rassegnazione.

E attesa.

Davanti a lui -nel bianco abbacinante della neve- un solo albero.

E sotto all’albero una sedia.

Vuota.

La donna si avvicino’ al vecchio da dietro, poso’ le sue mani sulle spalle vuote di carne e di speranza e chiese:

“Cosa stai facendo?”

“Aspetto”,

rispose lui con appena un filo di voce e un impercettibile aumento del livello di vapore emesso.

“Aspetto”.

Una singola lacrima apparve al limite del suo sguardo per qualche istante, poi fu riassorbita dall’occhio un attimo prima che il freddo la facesse gelare, e tutto ritorno’ immobile.

[Nessun ricordo e’ stato sacrificato per scrivere questo brano, nessun pezzo di ricambio per cuori scassati ha sofferto inutilmente. E’ semplicemente quel che e’: una storia tirata giu’ avendo in mente Nick Cave e i Bad Seeds. Io lo so, tu lo sai]

Barney

Barney Panofsky’s Music Awards 2013

Un anno che per altri aspetti s’e’ rivelato di merda ha invece sfornato dei gran bei dischi.

Per me, senza stare a farla tanto lunga, il miglior CD dell’anno e’…

Push the sky away“, di Mr. Nick Cave. Il disco racchiude perle sublimi come “Higgs Boson Blues“, o “Jubilee Street“, e riesce a mantenersi a livelli eccellenti in tutte le tracce. Senza esagerare, un fottutissimo capolavoro. E siccome ho avuto la fortuna di sentirlo suonare dal vivo, un doppio strafottuto capolavoro. Il primo brano e’ “We no who UR“, testo splendido:

 

Al secondo posto ci infilo per contratto “Venga il regno“, che in realta’ e’ un disco buono ma non ai livelli di “Gelaterie sconsacrate”, o di “La verita’ sul tennis”. Si parla di Virginiana Miller, ovviamente. Il CD ha alcuni pezzi notevoli, ma suona senza dubbio meglio dal vivo: i virginiani hanno affinato la performance live man mano (ho assistito al secondo e all’ultimo dei concerti del 2013, piu’ un paio nel mezzo tanto per gradire, acustici e elettrificati), sino a dare alla musica di “Venga il regno” una sonorita’ compiuta e profonda, spesso differente da quella della beta version sul disco. Qua sotto il video ufficiale di “Lettera di San Paolo agli operai“, che e’ anche in tema natalizio, e che nel concerto di un par di settimane fa a Pisa ha aperto le danze proiettato sull’ex-schermo cinematografico del Lumière, con la band che si e’ accodata in fondo per chiudere il brano con tonalita’ distorte e cattive (l’ho detto: van sentiti dal vivo…):

 

Terzi -o secondi ex aequo, as you prefer- i torinesi Perturbazione con “Musica x“, sesto disco del gruppo piemontese e gran bel CD. Se cercate nei post precedenti trovate molte delle tracce di Musica x, un disco secondo me piu’ rockeggiante rispetto alla precedente produzione (raramente -per dire- si apprezza il violoncello di Elena Diana), ma con musiche e testi molto, molto belli. Questa qua sotto, che chiude il disco (che ha una distribuzione pessima, lo si sappia… Vi conviene cercare i loro concerti e acquistare direttamente da loro) e’ “Legàmi“:

 

Quarti, dopo un paio di dischi mediamente loffi, i Pearl Jam con “Lightning Bolt“. Suono duro e massiccio almeno in un terzo dei pezzi (e questo non succedeva da parecchio in un disco dei ragazzi di Seattle), ballate rock cantate e suonate da par loro per il resto… Un CD che aspettavo ancora meglio dopo l’uscita del singolo “Mind your manners”, ma direi che li abbiamo ritrovati. Qua una ballatona che esalta la voce calda di Vedder, “Sirens“, nel frattempo sto progettando seriamente una gita in Germania per andarli a sentire a giugno (piuttosto che pagare gli strozzini italiani, preferisco Berlino):

 

Al quinto posto io e l’omino del mio cervello mettiamo “Il testamento“, coraggioso disco solista di Andrea Appino (il cantante degli Zen Circus). E’ un disco da ascoltare -se lo si trova…- perche’ il ragazzo s’e’ impegnato e ha tirato fuori qualcosa che c’entra molto poco con la musica della sua band, che ha velleita’ “alte” nei testi e nelle evocazioni, e riesce tutto sommato benissimo in questi due punti cruciali. L’ispirazione per il lavoro e’ stato il suicidio di Mario Monicelli, ma parecchi brani sono autobiografici e molto pesanti. Ce ne fossero, di dischi cosi’… Eccovi la durissima “I giorni della merla”:

 

Al sesto posto infilo “MVB” dei redivivi My Bloody Valentine. Lo shoegaze non mi entusiasma, ma questo disco ha i primi tre pezzi che sono adattissimi ad essere ascoltati mentre si lavora (almeno, a me riesce benissimo lavorare con i MBV in sottofondo), quindi hanno rappresentato una colonna sonora costante in parecchie delle mie giornate lavorative. E questo forse puo’ spiegare molte cose (e se vi dico che l’altra costante della mia colonna sonora lavorativa sono i Fugazi, allora si spiega tutto…). Questa e’ la seconda traccia del disco, Only tomorrow:

 

Lascio fuori il nuovo disco di David Bowie semplicemente perche’ non l’ho comperato ne’ ascoltato (probabilmente saro’ frustato sulla pubblica piazza), tutto il resto mettetecelo voi nei commenti, se volete 🙂

 

Barney