Archivi tag: Me

You can’t stop an avalanche

Non si puo’ fermare una valanga.

Una volta partita la si puo’ assecondare, si puo’ prevedere dove colpira’ e si deve (si deve) nuotare attivamente, evitando che la massa ci spinga in basso e ci soffochi.

Soprattutto se s’e’ fatto di tutto per spingere giu’ la prima piccola palla di neve, quella che ha iniziato il processo.

Pero’… non sono preoccupato dalla valanga, e da tutto il resto che gli viene dietro:

 

Barney

Annunci

Fast post: cibi tipici belgi

Un rapido e veloce post dalla terra di Hergé, per consigliare le due specialita’ culinarie del paese.

Che sono le moules-frites (ovvero, le cozze al vapore con patatine fritte) e la carbonnade, un sapido e tenerissimo spezzatino di manzo stracotto nella birra e insaporito da senape, carote, zucchero di barbabietola e alloro.

Le moules-frites rappresentano un piatto unico che va sempre bene, l’importante e’ optare per la variante “a’ la’ marinière“, con sedano e cipolla, che e’ lo standard di queste parti.

Per la spiegazione di come si cucina il secondo piatto, vi lascio a questo bel blog di cucina comunista in cui mi sono imbattuto per caso, cosi’ almeno non sono del tutto inutile.

Birra consigliata in entrambi i casi: una bruna trappista, che i belgi non c’avran nulla, ma la birra non gliela si puo’ toccare :-).  Grimbergen o Maredsous vanno benissimo, oppure una Chimay o una Leffe se si vuole andare sul classico.

 

Barney

Oggi ho avuto paura

Ma prima ho avuto solo tempo per lo stupore, l’incredulita’, la ricerca dei motivi di quel che e’ successo.

Molto succintamente, i fatti. Ero con E., la sorella di Mrs. Panofski su un furgone, qui:

bolzaneto

E’ l’uscita Bolzaneto a Genova. Non e’ importante perche’ fossi li’, ne’ l’ora (saranno state le due del pomeriggio), ne’ cosa contenesse il furgone (nulla che valesse piu’ di 50 Euro). Io guidavo e venivamo dalla rotonda in basso a sinistra (indicata dalla freccia). La stella rossa indica la posizione finale del furgone, al momento dei fatti.

I fatti, dunque.

Venivamo dal casello (lo si vede in alto a destra), perche’ avevamo sbagliato strada e dovevamo rientrare in autostrada. Ho visto il distributore chiuso (il segnaposto e’ nell’area del distributore, quella costruzione bianca a “1”), ho messo la freccia e impegnato -come si dice nelle scuole guida- la mezzeria della strada. Andavo forse a 5 km all’ora quando mi ha superato, clacsonando a mille, un’auto arrivata da chissa’ dove. Non l’ho francamente vista negli specchietti, ma penso sia arrivata dopo avere fatto la rotonda che si intuisce proprio al limite sinistro dell’immagine con due ruote sollevate, a settanta-ottanta all’ora.

La macchina ci supera, quindi, e si piazza esattamente nel punto del segnaposto, con stridore di gomme e sbattimento di porte. Ne escono tre persone: una ragazza che stara’ discosta per tutto il tempo, di cui posso dire nulla, e due uomini con evidente aria da guerra termonucleare globale. Capisco subito che non e’ aria, e alzo le mani chiedendo scusa (di cosa? DI avere effettuato una manovra corretta?). Il guidatore e’ in trance, urla e bestemmia, corre verso il furgone e cerca di aprire la mia portiera. L’intento non e’ quello di stringermi la mano, me lo fan capire la sua faccia e -soprattutto- le manate e i cazzotti che riserva al vetro quando scopre che lo sportello e’ chiuso con la sicura.

L’altro occupante della macchina, il terzo, se ne sta un po’ in disparte ma noto immediatamente che ha una felpa con cappuccio calato in testa, e una sciarpa legata sul viso a tenere scoperti solo gli occhi. Tutti noi andiamo in giro conciati cosi’, no?

E. e’ allibita come me, ma ha la prontezza di spirito di suggerirmi di ripartire. Cosa che faccio, passando sotto la tettoia del distributore e fermandomi all’uscita superiore.

Nel frattempo i tre della macchina si sono avvicinati al loro mezzo, e ci osservano mezzi dentro e mezzi fuori dall’auto.

C’e’ da decidere cosa fare: noi dobbiamo riprendere l’autostrada, e per fare questo dobbiamo passare davanti alle bestie di prima. Parto, e appena la mia direzione e’ chiara i due animali maschi raccattano della roba nella loro macchina e si dirigono verso la strada, ad intercettarci. Io accelero, e supero il luogo della prima aggressione mentre i due, con una certa difficolta, alzano due discrete pietre (entrambi debbono usare due mani per farlo), prendono la rincorsa e lanciano verso di noi. Ci centrano, io sento le botte sul tetto e sulla fiancata, ma i vetri non sono stati colpiti e adesso l’unica priorita’ e’ quella di mettere piu’ strada possibile tra noi e loro. Non ho intenzione di fermarmi a verificare i danni, e velocemente imbocchiamo di nuovo l’autostrada.

Ci mettiamo un quarto d’ora per assimilare quel che c’era successo, e una rapida sosta ad una piazzola ci permette di verificare che il furgone, adesso, ha tre bei bozzi nuovi.

Per tutto il viaggio di ritorno abbiamo cercato di capire cosa abbia potuto scatenare questa esplosione di rabbia idiota, ma non ci siam riusciti. Ho controllato, e la strada non aveva divieti di svolta a sinistra, ne’ doppie strisce continue a vietare la svolta verso il distributore. Ero fermo in mezzo alla strada, e sicuramente avevo la freccia attivata. Ma anche nel caso avessi fatto chissa’ cosa, una reazione cosi’, da animali idrofobi, non l’avevo mai vista. Neanche E., che pure sta a Roma… Ah, non so se v’e’ sfuggito il particolare che le pietre (o i mattoni) li avevano in macchina, le bestie. L’area -lo si vede bene dalla foto di Google Earth- e’ tutta asfaltata.

Solo a un certo punto ho notato quanto fosse vicino al finestrino uno dei bozzi. E vi assicuro che se l’avesse preso, le conseguenze sarebbero state catastrofiche per E., che stava da quella parte.

La conclusione della storia e’ stata una chiamata ad un amico poliziotto, il quale ha suggerito di procedere con la denuncia verso ignoti, ma ha pure detto che in assenza di testimoni, di foto e di numeri di targa, non v’e’ alcuna speranza di beccare le bestie. Si, perche’ nella concitazione, nell’increduilta’ di quel che stava succedendo e nel clima di paura che ci ha preso, non abbiam pensato a segnarci i numeri di targa dell’auto. Mi pare comprensibile, tutto sommato…

Alla fine, m’e’ rimasto un senso di stupefazione massima, e l’idea che il collega FD che sta terminando la pratica per il porto d’armi, allo scopo di dotarsi di Glock 9mm, non sia del tutto nel torto, anzi.

Barney

(E)-Cats are on the floor

Grid2

 

Non i micini carini di faccialibro, ma roba reale.

 

 

Barney