Archivi tag: Italian Idiots

Pensavate che la stupidita’ umana avesse un limite, vero?

Beh, ottimisti…

Ma forse, anche se ottimisti non siete cosi’ idioti da credere che questa boccia di acqua demineralizzata al 100% (cioe’, c’e’ solo acqua li’ dentro :-O) riduca i consumi della vostra auto, migliori l’inquinamento e aumenti le prestazioni:

pack_aqqaSi trova online, e dal sito si scopre che…

AQQA è un liquido per circuiti di raffreddamento al 100% naturale
[acqua demineralizzata] e senza conservanti che migliora la resa e ottimizza i consumi, agendo positivamente sulla combustione di tutti i motori e riducendo il potere inquinante.

AQQA in 24 ore subisce un particolare trattamento che consiste nell’inserimento di “informazioni” innovative nell’ambito della combustione interna.

L’acqua demineralizzata rappresenta il mezzo tramite il quale trasportare queste nuove “informazioni” il più vicino possibile alla camera di combustione.

AQQA permette di percorrere più km / litro, una migliore e maggiore resa, maggiore potenza attiva e strada ai motori. Consente anche di ridurre le emissioni di CO2, i gas combustibili e quindi anche i consumi.

Le prove in laboratorio e su strada hanno evidenziato che il potere di AQQA ha effetti sui motori diesel, benzina, gpl, metano, oltre che sugli impianti di cogenerazione a olii vegetali e altri combustibili.

Chi puo’ credere a tutte queste puttanate? Soprattutto quando quella roba li’, naturalissima al 100%, va messa nel RADIATORE, e non nel serbatoio?

Ma gli stessi che si dotano di Fuel Shark Saver! Un fantastico gadget che si pianta nella presa accendisigari dell’auto e -per magia- fa le seguenti cose (copio e incollo dal loro sito, eh?):

  • Diminuisce i consumi L/100 km
  • Emissioni più pulite
  • Più Cavalli
  • Bilancia il Sistema Elettrico
  • Aumenta la Durata della Batteria
  • Installazione Plug-In
  • Economicità
  • Risultati garantiti

Eccovelo, il Fuel Sharp Saver:

product(no, non e’ un sex toy, anche se sembra)

Ma perche’ uno dovrebbe fidarsi si un bussoletto che si pianta nella presa accendisigari (nella PRESA ACCENDISIGARI, porca puttana!)? Ma ce lo dice il sito!

Fuel Sharp Saver è un prodotto di alta qualità. Il dispositivo ha superato tutti i requisiti di sicurezza europei. Molti prodotti in vendita in Europa promettono di ridurre i consumi dell’auto, ma Fuel Sharp Saver è ad alta tecnologia, rivoluzionario e certificato. Fidati solo dell’originale.

Fuel Sharp Saver è un prodotto di alta qualità, efficace e conosciuto in tutto il mondo, che ha reso felici migliaia di famiglie e le ha aiutate a risparmiare soldi sul consumo di carburante.

A differenza di altri prodotti simili venduti in Italia, Fuel Sharp Saver è stato provato in 3 differenti test di laboratorio in Europa. Fuel Sharp Saver ha superato con successo tutti i test. Inoltre, ha ricevuto certificati da ogni tipo di istituzione, come potete vedere sul nostro sito.

Fuel Sharp Saver ha una garanzia di 2 anni. Cosa significa? Entro 10 giorni lavorativi risolveremo il vostro problema o ve ne invieremo uno nuovo.

Facile da usare – collegalo e inizia a risparmiare!

E’ economico ed ha un prezzo competitivo!

E per soli 45 Euro vi potete fare incular dotare di questo geniale marchingegno certificato, che ha superato tre test (chissa’ dove, chissa’ quando…) e che vi garantisce piu’ chilometri con un litro di benzina.

Se poi vi son rimasti 129 Euro in tasca, e volete ridurre le bollette elettriche di casa vostra fino al 35% beh, non potete non comperare il W10, il riduttore di consumi intelligente:

product_header(sarebbe quel caricabatterie piantato nella presa a destra). Il trabiccolo promette le seguenti meraviglie:

Riduce la bolletta elettrica fino al 35%
Conforme a tutte le normative sulla sicurezza
Migliora la tensione
Riduce i picchi di tensione
Riduce le dispersioni elettriche
Stabilizza i voltaggi
Prolunga la durata delle apparecchiature
Amico dell’Ambiente
Facile da usare
Nessuna manutenzione richiesta

Che mah, chissa’ che vuol dire ma magari funziona, no?

No, ne’ questo accrocchio ne’ le altre puttanate funzionano.

Io so che ci sono migliaia di persone che ci credono, che magari si convincono che la loro auto dopo che gli hanno stioccato AQQA nel radiatore e Fuel Sharp Saver nell’acccendisigari fanno 35 chilometri con un litro di benzina ma no: NON esiste un solo motivo per cui debba succedere.

A meno che la vostra auto non avesse proprio voglia di un bel Fuel Sharp Saver…

(Hat trick a OcaSapiens e Gianni Comoretto)

Barney

Annunci

Ancora sull’ignoranza scientifica del komplottista alternativo radicalchic grillino italiano medio

E’ in giro questo bell’articolo, che si intitola “Vaffanculo, stronzi (articolo ad alto contenuto di volgarita’)”, che reitera l’osservazione di quanti coglioni ci siano in giro oggi a proclamare l’inutilita’ di medicine e vaccini, e osannare le magnifiche virtu’ di diete vegan-brethariane.

Solo che i paladini del non vaccino e della cura con le erbe di campo si distraggono sempre quando muore un bambino di morbillo, o quando la paladina della cura “naturale” per il cancro muore dopo essersi trasformata in scheletro vivente.

Auguri a tutti, poi mi raccomando: alla prima bronchite seria curatevi con il pannicello caldo e il brodino di genziana, magari vi passa…

Il finale e’ sempre quello: lalla, lalla, lalalalala lalla…

Barney

Il dibattito politico a sinistra, nella settimana appena passata

Penso si possa condensare in tre o quattro punti-chiave:

  1. Le Cayman sono il male. E chi conosce o frequenta qualcuno che anche di sfuggita ha a che fare con le Cayman, e’ un bucaiolo delle Cascine. Soprattutto se e’ Sindaco di Firenze.
  2. Veltroni dice non si ricandida e punto, ma l’ha gia’ detto tre o quattro volte e la gente mica si fa pigliare per il culo cosi’, Valter… D’Alema dice non si ricandida, ma solo se alle primarie vince Bersani; vincesse Renzi farebbe la guerra, dice, pero’ non ho capito che succede se esce il pareggio o se vince Vendola.
  3. Vendola, a sua volta, s’e’ emozionato in diretta-qualcosa (tv, probabilmente), alla vista di una coppia omosessuale con pargolo. L’ArciGay ringrazia, l’ala cattotalebana del PD (c’e’, c’e’ ancora…) affila i forconi, io mi sono sfranto i maroni di vedere Vendola che s’emoziona a cazzo di cane.
  4. C’era bisogno di trovare un posto ad un ex-Ministro della Repubblica, e contemporaneamente c’era da dare il colpo di grazia ad uno splendido museo, inaugurato appena due anni fa. Due piu’ due, e … Melandri a capo del Maxxi! Game, set and match.

Mi pare non ci sia altro, di fondamentale… Ah, leggo ora che MarioMonti ha ridetto per la trentesima volta che vede la ripresa, la’ in fondo. Qualcuno la chiami, ‘sta ripresa, e le dica di spostarsi, che sono settimane che impalla la catastrofe.

Patti ci sta sempre bene:

Barney

Pensieri sparsi sul maelstrom di merda che ci attanaglia a noi italiani (insomma, parlo di politica)

Il vortice ha tirato giu’ il trota e la nera, gente rappresentativa di quel cul de sac evolutivo che risponde al nome di “leghismo“, ma siamo dalle parti dei primati non evoluti. Lemuri, Tupaie, e Aye-Aye, insomma, con il muschio verde sulla schiena a colorare un po’ il grigio dell’assenza di idee.

Haring-david-aye-aye-juvenile-feeding-on-egg-duke-university-primate-center1

Questo e’ un parente prossimo di Eridiano Sirio. Un Aye aye, per Eridiano e i suoi amici.

Ma il resto dei politici e’ sempre a galla; incredibilmente, contro ogni logica e ogni quota ai picchetti di BetWin, gente come Nicole “igienedentale” Minetti resiste al pezzo (e sorvoliamo sulle dimensioni e sulle forme del pezzo, ovvia…). Addirittura, abbiamo soggetti (mi si scusi l’eufemismo…) come la Santanche’ che riesce a scavare nella montagna di merda da lei stessa prodotta, e ad accomunare Nilde Iotti alla suddetta Nicole Minetti. Come dire: il culo con le quaranta ore. O il silicone con la materia grigia, in questo caso. O anche “darla a tanti rispetto a darla a uno solo”. Che dal punto di vista etologico-evolutivo mi pare meglio, non fosse che per il rischio-malattie cui la Nicole si sottopone.

E non e’ che il resto della truppa politica sia messa meglio, ne’ a destra -dove abbiamo Mr. Angelino “quid” Alfano, abile spalatore di vuoto cosmico supercazzolato-, ne’ a sinistra, zona presidiata dallo sverniciatore maximo di giaguari, e da cazzari vari e assortiti (aBbeppiGrilli, Tunninari, Vendoli, Diliberti e mazzi vari, e certo mi scordo qualcheduno di assolutamente insignificante).

In mezzo, un governo tecnico che sta mostrando tutto il poco fiato che vecchi semidecrepiti e ultraconservatori possono avere: idee zero, coraggio zero, prospettive zero. Zero assoluto, quindi, a parte la facile ricetta delle tasse, delle accise, dell’addizionale, dei soldi chiesti a chi li ha sempre dati. Ma sempre meglio (incredibile!) del meno di zero che un qualsiasi s-governo di coalizione (sia di destra quale abbiamo avuto sino a pochi mesi fa, sia di sinistra come s’e’ tentato un par di volte in cinquant’anni di democrazia italiota) ha ed avrebbe prodotto in questi sei mesi.

No, perche’ uno puo’ anche credere che mr. Quid abbia idee: d’altronde c’e’ chi crede a Scientology, e chi sono io per vietare la libera intrapresa e l’altrettanto libera presa per il culo con maniglie? O che Bersani possa produrre -oltre che idee geniali, che gia’ sarebbe difficile e stupefacente- una qualsiasi riforma che tocchi un privilegio a caso tra quelli che veramente andrebbero toccati (facile prendersela con gli imbianchini, i pescatori a palamito e gli artigiani del sanpietrino. Fai una stracazzo di riforma seria contro i notai, o gli avvocati, o i baroni  universitari, poi se ne riparla, no? Oppure fai veramente una legge che costringa gli statali a lavorare come lavorano i privati! Si, vabbe’… Scherzavo…).

Ma la verita’ e’ che stiamo lentamente morendo soffocati dalle puttanate Montiane perche’, almeno, abbiamo una minima speranza di sopravvivere: con Mr. Quid, o Sir Smacchaigiaguari avremmo gia’ dichiarato fallimento da un pezzo. Monti ci permette almeno di morire con lentezza: una consolazione, rispetto allo stiantare ora e subito che sarebbe stato il programma “dei partiti”. Ah, oggi un mio concittadino quarantaduenne con figlia di 13 anni s’e’ tirato sotto a un treno a Prato, perche’ l’avevano licenziato. Ma la crisi non c’e’, e’ tutta psicologica, e vedrai che se non ne siamo gia’ usciti se ne sorte doman l’altro…

Scrivo nel giorno in cui Bersani e’ venuto a parlare nella mia citta’ a sostegno del candidato sindaco del PD per le prossime amministrative di maggio. Il candidato del PD e’ uno degli UNDICI (porca maiala: UN-DI-CI) candidati sindaci che si contendono lo scranno municipale, in un comune da 85.000 abitanti. Non a New York, a Lucca insomma. Undici candidati. Mah…

Abbiamo di tutto, tra le liste collegate ai candidati: ho contato 24 stracazzo di movimenti, partiti e clan di famigli anelanti alla greppia pubblica e al pubblico guiderdone: da “Donne al governo” (e gli uomini? Allo stadio? Al barrino? Dove li mettiamo, gli uomini?) a “Dignita’ lucchese” (dignita’ e’ una parola grossa…),  passando per “Noi Lucca” (e “Voi Pisa”?), “Impegno Comune” (questo e’ il gioco di parole piu’ intelligente, e vi sia chiaro il livello della contesa) e “Governare Lucca”. Faccio sommessamente notare che “governare” in lucchese e’ l’atto di concimare col “bottino” (ovvero, con il contenuto dei pozzi neri -i contenitori di liquami casalinghi-, gelosamente conservato e fatto maturare allo scopo) i campi, acciocche’ le messi fruttifichino rigogliose. Insomma: in molti sono consapevoli che di merda si sta parlando, e magari pure loro merde si ritengono.

E -cosi’ si parla di cose leggermente piu’ serie- tutti (T.U.T.T.I.) gli stracazzo di undici candidati a sindaco faranno passerella mercoledi’ sera al palasport, ad assistere (probabilmente per la prima volta nella loro vita) alla prima partita di semifinale tra Lucca e Taranto. Serie A1 di basket femminile, non il torneo di lippa o di rubabandiera.

Il sindaco uscente (il vecchio Mauro Favilla, sindaco gia’ nel -dio Nànos!!!- MILLE-NOVECENTO-SETTANTA-DUE: il nuovo che avanza…) se ne e’ accorto pochi mesi fa, quando l’accesso ai playoff era oramai matematico (chissa’ la fatica a spiegare al vecchio il meccanismo dei playoff), ed ha prontamente fiutato la possibilita’ di marketing politico a costo quasi zero, sponsorizzando la societa’ che dalla prima giornata giocava senza nomi sulle maglie e con pochi soldi in cassa. Adesso continua a giocare con pochi soldi, la mia squadra del cuore, ma sulle maglie spicca “citta’ di Lucca”, grazie al vecchio che avanza e che addirittura s’e’ ricandidato. Se per caso viene rieletto, il vecchio stabilira’ un sicuro record mondiale, bissando il mandato del 1972 a quarant’anni di distanza (lo so: e’ difficile da credere ma e’ purtroppo tutto vero).

Mavaffanculo, porca maiala, va…

Ma torniamo al PD, e a Bersani che oggi ha occupato il bellissimo teatro cittadino per spazzolare le briciole con la motosega, e appoggiare il candidato del PD. Anzi, parliamo direttamente del candidato a sindaco.

Io abito a Lucca da quando mi sono sposato, perche’ sia io che Mrs. Panofsky adoriamo la citta’. Nel 1994 abbiamo assistito alle -credo- prime primarie del PDS in Italia. E da li’ abbiamo votato a tutte le primarie, come due coglioni, pensando di poter contare qualcosa nei meccanismi oliati e sovietici del partito.

Quest’anno, a toglierci financo l’illusione del decidere, il PD ha scelto internamente il candidato. Niente primarie, nome benedetto da tutto l’establishment e dai vertici, e dialettica azzerata. Non ho capito perche’, ma non vi preoccupate cari dirigenti di alto livello: stavolta votero’ scheda nulla, e penso che anche Mrs. Panofsky fara’ lo stesso, oppure si dirigera’ verso una lista civica che pero’ -purtroppo-poi appoggera’ il candidato “democraticamente” unto dal Politburo.

Ma ri-vaffanculo, ri-porca maiala, va…

Ora, la reazione sana e partecipata di una persona ottimista dovrebbe essere “Beh, stante la situazione, e stante il maelstrom di merda imminente… Mi butto IO in politica!”.

Ma siamo in Italia, ragazzi! Il paese in cui la barriera all’ingresso di un qualsiasi cane sciolto in politica e’ la piu’ alta al mondo. Un paese in cui sei eletto se la/lo dai al politico/politica giusto (la direttissima per il potere), oppure se ti inserisci nel meccanismo del partito x con anni e anni di portaborsaggio e di yesmanismo con le orecchie piegate (la via “normale”). 

Non lo so: sono leggermente sfavato, e -lo ripeto- per la prima volta quest’anno annullero’ clamorosamente la scheda.

Spero in qualcosa di definitivo, ma –come ci racconta oggi Seminiero su Phastidio– purtroppo nemmeno il default, neanche il fallimento riuscirebbero a cambiare piu’ di tanto le cose, nel nostro paese. 

E allora?

Beh, sto rileggendo “L’ombra dello scorpione“, edizione writer’s cut, e probabilmente un virus letale che colpisse selettivamente i politici potrebbe essere la soluzione definitiva.

Magari, la mortalita’ dovrebbe essere leggermente piu’ alta di Captain Trips. Perche’ col misero 99,4% ipotizzato da King ci sarebbe sempre il rischio non nullo che Rosy Mauro se la sfanghi, no? 

 

 

 

 

Lombroso rivisitato e mixato con Darwin nel 2012 per spiegare l’esistenza delle capre leghiste

Andra’ a finire che Bosso Bossi rimarra’ quello piu’ pulito, dopo il maelstrom di merda che si sta abbattendo sulla Lega Nord in questi giorni. Lui (meglio:i suoi avvocati) almeno potra’ invocare l’incapacita’ di intendere e di volere, come attenuante per tirarsi fuori dall’immenso bordello che s’e’ alzato con la scoperta di come venivano usati i rimborsi elettorali destinati al partito: per esigenze particolari della famiglia del vecchio leader e per quelle del “cerchio magico”, l’accozzaglia di varia umanita’ da circo Barnum che s’e’ accalcata attorno a Bossi dopo l’ictus che l’ha menomato. E che -s’e’ scoperto oggi- disponeva e predisponeva tutto per quel che attiene il vile denaro.

Uno dei protagonisti della storia e’ la fantastica Rosa Angela Mauro, detta Rosy la nera, una che “non sa nemmeno parlare italiano” (cit. qualche leghista che si sta togliendo i talponi dalla gola in queste ore). Una che pero’ faceva il vicepresidente del Senato, con questi esiti agghiaccianti:

Una che non si capisce veramente come possa esser votata da qualche essere minimamente senziente: se anche riesci a non far caso al cotè lombrosiano (e devi quindi esser cieco per non capire a prima vista che la signora non capisce un cazzo…), Darwin e l’evoluziona dovrebbero avvertirti che un’essere vivente che coniuga a malapena tre verbi non puo’ decidere della tua vita.

Ma la fogna aperta da poche ore ci racconta di un gruppo veramente da circo.

Medium_110201-190255_ro030608pol_0213-11

La seconda moglie del vecchio rimbambito, che di cognome fa “Marrone” probabilmente a ricordar la merda, e’ colei che ha distratto milioni di Euro di finanziamento pubblico per finanziare la sua scuola privata: ecco, a me vien la curiosita’ di sapere cosa si insegna, in quella scuola. A castrare i vitelli? A spaccar la legna coi cunei? A raddrizzar le banane? Cosa cazzo puo’ essere insegnato in una scuola la cui direttrice dorme in una mansarda, su una brandina, circondata da letteratura magica, e in particolare da testi di magia nera? E perche’ non ha chiamato “Hogwards” quella scuola?

Manuela-marrone-e-umberto-bossi1

Come si puo’ pensare che questa signora sia equilibrata, quando ha chiamato un figlio Eridiano Sirio, un altro Roberto Liberta’, e quello meno furbo solo Renzo, ma oramai “Trota” anche per suo padre? Come si puo’ passar sopra le centinaia di migliaia di Euro spesi per fare -forse, mica e’ sicuro!- prendere un diploma al Trota in sette o otto anni, e iscriverlo poi a qualche universita’ privata di Londra (la famosa “Inculacoglions”, a naso)?

E torniamo alla fantastica Rosy Mauro. I giornali ci raccontano d’una sua effervescenza sessuale, con marito a casa e amanti in giro per tutta Italia e pure in Senato (a dar conto d’una scadenza del gusto veramente oscena, nel paese tutto: fosse vivo Pacciani, la bollerebbe lombrosianamente come una che “puzza di volpe”). E una predilizione per gente con nomi incredibili, da generatore casuale di puttanate. Si narra infatti d’un amante di nome Pier Moscagiuro, poliziotto oramai in carriera immagino politica, e d’un altro toy-boy dall’assurdo nome di Delmirino Ovieni (che mi sembra di sentirlo chiamare, dalla pastora, come fosse un cane da lavoro: “Ovvieni, Delmirino!!”).

E che dire del figuro che tutto ha fatto iniziare, il fantastico Francesco Belsito, che piu’ lo guardo piu’ penso che riaprire le differenziali non sia tutto sommato una cattivissima idea?

Va a finire che davvero Bossi il vecchio e’ il pezzo migliore della famiglia, ma tutto questo veramente non rende, per me, meno comprensibile come si possa dare il voto a gente del genere. Come sia possibile che -nel 2012, porca puttana!- qualcuno scientemente dia la preferenza a un Calderoli, a un Trota, a un Boso o a un Borghezio qualsiasi. No: proprio non c’arrivo.

Ma poi penso a questi immani coglioni, che fanno queste cose qua:

e allora mi si chiarisce tutto, e sento che pure la crisi economica ha un senso, se ci toglie dai coglioni bestie simili.

Che questi, se gli togli la greppia della rendita di posizione, stiantano in tre giorni. E speriamo che -siamo a Pasqua- non risorgano…

 

Barney

La crisi e’ psicologica, tutti i partiti se ne preoccupano ma alla gente gli importa una sega e si suicidano come mosche. Vorra’ mica dire che la politica in Italia fa tutta cacare il cazzo, eh?

Devo aggiungere qualcosa al titolo?

No, perche’ anche oggi due persone disperate si sono suicidate. Perche’ la crisi e’ solo psicologica, certo. E la gente s’ammazza per scherzo, dio Nànos! No?

Immagine

Fate caso al fatto che i ricconissimi di stramerda invece prosperano, ingrassano e continuano a ridere alle nostre spalle.

Si ammazzano i piccoli imprenditori, gli artigiani, gli operai, sempre piu’ strozzati dai cravattari. Gli inutili sbavatori come Bossi e famiglia di mentecatti piu’ la Rosy Sarcazzo Badans, o Lapo Elkann e la sua trota personale (una aristocratica! Cazzo, esistono ancora le aristocratiche? Mavaffanculo alle baronesse e alle contessine dei miei coglioni!), gente cosi’ -del tutto inutile, diciamocelo- prospera nella crisi: riescono a mimetizzare la propria completa incompetenza e il loro totale non saper sfilarsi neanche un dito dal culo con le vagonate di miliardi che si ritrovano come rendita ignobile di posizione.

No, porca puttana: uno come Lapo Elkann nemmeno alle scuole speciali lo prenderebbero. Neanche ci fosse l’obbligo di avere uno studente particolarmente coglione ogni mille, perche’ tutti i presidi obietterebbero che v’e’ un limite alla coglionaggine, e Lapo l’ha infranto quel limite. Uno cosi’ gli levi il cognome e quello ti stianta in due ore sulla tangenziale, non essendo nemmeno in grado di infilare il bocchettone della benzina nel serbatoio della Ferrari mimetica. No, perche’ ditemi voi: ma quanto coglioni si deve essere per guidare una merda di macchina come questa qua, dopo averla COMPERATA e PAGATA centinaia di migliaia di Euro?

6104401806_d0e442fe201

Insomma: io non dico di prendere i forconi e dare un deciso aiutino a Darwin. Pero’… quando sento i politici (di destra, di sinistra: quel che vi pare) dire che loro si, certo che ci pensano alla crisi! E poi pensare che tutta la politica in Italia costa al cittadino VENTICINQUE MILIARDI di Euro l’anno (fonte: Focus Economia di oggi 4 aprile 2012, Radio24), beh: mi vien voglia di legare assieme Bossi, Casini e Bersani, e usare poi Alfano per dar fuoco alla sympatica pira. E vedere se almeno di riscaldamento e illuminazione qualcosa ci torna in tasca.

Perche’ va bene i subprime, capisco i CDS, certo che i ladri e i grassatori… Ma a comandare la baracca c’erano anche vent’anni fa questi stessi inetti qua, non il povero corniciaio che s’e’ impiccato ieri, ne’ il cinquantunenne che -perso il lavoro, persa la moglie- e’ tornato a casa dei genitori solo per uccidersi in cantina.

Non sono un violento, ma quando sento che la sinistra si prende carico della crisi mi viene goebbelsianamente voglia di metter mano alla pistola (se lo dice la destra vado diretto al fucile a pompa, sia chiaro).Siamo qui, oggi, per colpa di una classe politica che definire “di merda” e’ un’offesa alla merda.

Punto.

Prima si levano tutti dai coglioni, prima l’Italia ha una chance di rialzarsi.

 

Barney

Le piccole soddisfazioni della vita

Ieri mattina ero in giro a Lucca per varie questioni (e cio’ non m’ha impedito di definire un nuovo record satgionale nelle felefonate di lavoro: 50 minuti e spiccioli ininterrotti, entro i quali ho fatto di tutto 🙂 ), e prima di rientrare a casa sono passato a comperare pane e focaccia qua. Se siete in zona, vi consiglio caldamente di provare almeno la focaccia del Giusti: ci sono milanesi che ne comperano a chili, la congelano e ci vanno avanti mesi (a dimostrare che i milanesi capiscono pochino: vuoi mettere la focaccia appena uscita dal forno con quella scongelata?).

Vabbe’: provate e mi saprete dire. Dunque, ero a comperare pane e focaccia, ho chiesto, m’han servito e m’han detto quanto spendevo: cinque euro e ottantacinque centesimi. Ho pagato con venti euro e cinque centesimi, e il garzone m’ha dato di resto diciassette euro e venti.

Ora, io non sono una lince in matematica, ma la cosa non mi tornava, e dopo avere elaborato la giusta sottrazione (usando tutte le dita del mio corpo), ho ritirato fuori i soldi e ho detto al ragazzo che s’era sbagliato, e m’aveva dato di piu’, rispetto a quel che avrei dovuto avere.

Accanto a me, in fila, c’era una anziana signora, avra’ avuto settant’anni. S’e’ girata verso di me e m’ha detto: “Lei andrebbe fotografato, sa?”. Io non avendo capito a cosa si riferiva ho sfoggiato la mia migliore faccia da scemo, e lei: “No, perche’ non credo che molti altri avrebbero reso i soldi in piu'”.

A me e’ sembrato del tutto normale, invece. Veramente, non capivo lo stupore. E, veramente, non e’ la prima volta che mi succede.

Ora, non e’ che io sia speciale, ne’ il piu’ onesto cittadino in circolazione. Semplicemente, penso che ad essere onesti in casi come questi ci si guadagna due volte: la prima e’ la soddisfazione (ripensandoci dopo) d’essere giudicato bene dalle persone che ti stanno accanto. La seconda e’ il credito che acquisti con il commerciante: gli dimostri che sei affidabile, e se in futuro dovra’ fregare qualcuno io penso che ci pensera’ due volte, prima di fregare te.

Purtroppo, penso che la signora avesse ragione, e sicuramente questo e’ uno dei motivi per i quali l’Italia e’ col culo a terra.

Ma per quel che posso fare io, i miei figli impareranno a comportarsi cosi’. Sperando che anche altri figli vengano allevati con valori simili.

 

Barney