Archivi tag: Dilbert

Accordi Maggiori

Mi trovo troppo spesso a pensare che Scott Adams deve per forza avere qualcuno che lavora per lui nella stessa azienda dove lavoro io. Non per niente ho un muro dell’ufficio tappezzato da sue vignette (credo tra l’altro che questo infranga numerose regole di comportamento aziendale, domani controllo. E in ogni caso le lascio sul muro), prima o poi vi faccio vedere una foto.

Ma veniamo a stamani. Avevo una riunione su un nuovo progetto di cui nessuno che lavora con me capisce moltissimo. Io meno che gli altri, essendo il commerciale. Vabbe’, parte il meeting e tra presentazioni OpenOffice (aveva un PC con Linux, il tizio) e tavole di progetti ingegneristici che definire “arditi” e’ riduttivo, mi ritrovo a chiedermi cosa cavolo ci stiamo facendo li’.

Poco prima di pranzo, e vi dico subito che il tizio in visita -straniero- s’era portato il panino, apro la pagina di Dilbert per avere un minimo di conforto.

E vedo la luce. La striscia entra immediatamente di diritto tra le top five di Adams, e domani avra’ il suo posto sul mio muro.

Eccola, nella sua elementare semplicita’:

Dilbert_polite

Da oggi mi si apre un nuovo mondo, davanti 🙂

 

Barney

Dilbert, tanto per cambiare

E non xkcd. Perche’ questa e’ bellissima:

D_randomNumbers

Una volta si sbuzzavano gli animali per leggere nelle loro viscere il futuro, o per determinare se andare a destra o a sinistra, se comperare o se vendere.

Oggi ci sono Excel e le analisi finanziarie. Oppure i random number generator 🙂

 

Barney

Etologia del posto di lavoro

M’e’ capitato tra le mani un libro che sta leggendo mio figlio: “Le 48 leggi del potere“, di Robert Greene. Una americanata king size, misto di filosofia zen, buon senso spicciolo e cinismo del ventunesimo secolo che dovrebbe spiegare al lettore come fare carriera.

La prima delle quarantotto leggi di Greene fa cosi’:

Mai oscurare il Capo

M’e’ venuta in mente spesso, in questi giorni. E ancor di piu’ me l’ha fatta venire in mente la vignetta di Dilbert di oggi:

smartpeoplePerche’ mi pare che il CEO di Dilbert abbia ottimi propositi, ma poi agisce come molti CEO di aziende italiane, che mai penserebbero d’essere meno svegli di un loro qualsiasi dipendente.

Una ennesima spiegazione dell’effetto Dunning-Kruger, insomma…

Barney

One of those two things is easy…

226093strip

This is the italian way to capitalism 😛

 

 

Barney

Dilbert…

Media_httpwwwfavbrows_ajuvw

Notevole.

BP