Archivi tag: cattotalibans

Una garanzia: CitizenGO

In questa campagna referendaria pensavo di averle viste e lette tutte.

Mi sbagliavo, ovviamente.

I miei “amici” di CitizenGO (la risposta scema de noantri ai TeoCon americani) mi fanno sapere proprio oggi che c’e’ un motivo profondo e  decisivo per votare “NO” al referendum di domenica prossima.

Eccovelo qua:

citizengo1

citizengo2

citizengo3

 

Adesso sono tranquillo, sappiatelo. Adesso ho almeno un buon motivo per andare a votare, e -nel caso decidessi di andare- per votare si: voi, immensi coglioni retrogradi e cattotalebani di CitizenGO. Voi, che se al governo ci fosse Forza Nuova fareste due settimane di festa perche’ loro li’ si che rispettano i vostri valori del cazzo, e che sicuramente impedirebbero anche solo di parlare di gender.

Grazie di esistere, davvero.

E -come sempre- vaffanculo.

 

Barney

Annunci

I cattotalebani de noantri

La notizia del giorno e’ l’uscita sul Foglio (il quotidiano nazionale dei Tea Party AteiDevoti NeoCatecumenali Italiani con scappellamento a destra) di un commento di Camillo “PioDevoto” Langone.

Langone e’ un coglion talebano della destra cattolica antiriformista lefevriana, che si diverte a giustificare la sua esistenza facendo da giullare a pagamento (e qua giu’ il cappello per Langone, e incredulita’ per chi paga) sul giornale inventato da Giuliano Ferrara (scusate il termine forte).

Oggi s’e’ applicato nel suo compitino preferito: l’umiliazione del ruolo della donna nella societa’ moderna. Prendendo come bersaglio nientepopodimenoche’ Samantha Cristoforetti.

Uno dei pezzi forti del trafiletto e’ la contestazione a Samantha del suo nome con la acca, un nome adèspoto (ma che cazzo vuole dire, coglion Camillo? Adèspoto?!? Adèspoto??!!??? Mavaffanculo, diocristo!), derivante secondo il coglion cattotalebano del cazzo da “Vita da Strega”, seguito a ruota dalla splendida considerazione lapalissiana che la Cristoforetti stara’ sei mesi lontana, anzi lontanissima dal “suo uomo”. Questa seconda affermazione rivela quanto il cialtrone baciapile del cazzo sappia dell’argomento di cui argutamente discetta da ignorante completo: la stazione spaziale ogni 90 minuti e’ a 400 km da noi, io e Napoli siamo piu’ lontani.

Il pezzo lo trovate qua, vi raccomando i commenti che per la maggioranza sono di persone (uomini e donne) con normale vita sessuale e sociale.

La minoranza e’ rappresentata da coglion cattotalebani come il nostro Camillo, dediti all’accoppiamento solo a fini riproduttivi, alla zoofilia con galline e capre, o al cilicio per evitare anche queste tentazioni. Come le bestie, insomma. E come le bestie convinti -col nostro Camillo- che lo scopo principale della donna nella societa’ sia quello di lavare i piatti e sfornare figlioli come il forno sforna il pane.

Io vi metto sotto la foto del coglion Camillo, che sicuramente stimola pensieri positivi, bestemmie terzarolate e inni alla teoria dell’evoluzione cosi’ ben dimostrata dal cercopiteco in effigie.

camillo-langone-3-anteprima-400x398-530468I funghi, per i biologi, sono quelli in basso. E le banane sullo sfondo non penso siano casuali.

Il Maggiore Tom mi serve per tornare calmo:

Barney

La mauvaise réputation

Pare che l’ambasciatore francese in vaticano sia stato nominato ad inizio anno da Hollande. E che fino a oggi non abbia potuto svolgere il suo incarico perche’ la Santa Sede (™ e ©) non gli ha convalidato la carica.

Il motivo?

Pare che l’uomo sia omosessuale.

Che abbia, per dirla alla Brassens, una cattiva reputazione. Almeno per chi comanda in Vaticano.

Mhhhh… O non era Papa Francesco quello buono, aperto, moderno, futurista?

…no, eh?

Eh, pare proprio che in Vaticano si sia bravissimi a fare i finocchi col culo di quegli altri.

Come diceva, Georges?

“…Mais les brav’s gens n’aiment pas que
L’on suive une autre route qu’eux”

Barney

I grossi probBlemi d’aa vita moderna

Meno male che i miei amici cattotaliban di CitizenGO mi tengono informato sui veri ed enormi problemi che attanagliano la nostra nazione, in tempi di crisi.

Il piu’ enorme di tutti i problemi pare sia questo qua:

conchitaasanremoSiamo -come potete vedere- all’apice della questione cruciale di questi anni, il fulcro che spiegherebbe sia la crisi economica mondiale, sia la strabordante quantita’ di teste tagliate da quei coglioni dell’Asciugamanistan dell’ISIS.

Io questo/a Conchita Wurst non l’ho mai sentito/a, ma quasi quasi compro il disco a spregio…

E mi raccomando: attenzione affinche’ la comparsata sanremese non si traduca in un momento di propaganda contro i valori della famiglia, che poi diventate tutti ciechi!

I valori della vera famiglia italiana standard son quelli portati avanti da Michele Misseri, da Chiatti, dalla Franzoni, da Erika e Omar… Famiglie normali, senza donne barbute o figlioli finocchi, senza negri e albanesi a turbare l’equilibrio cattotalebano che fa tanto bene al Papa Francesco e ai coglioni di CitizenGO.

Attenzione a Sanremo, insomma: oltre che per la classica musica di merda, quest’anno si rischia di rimanere scioccati dalla visione di un travestito austriaco.

Nel 2015…

Mavaffanculo, CitizenGO.

Ci vuole Giorgio Canali, via, e se non ci metto la lettera del compagno Lazlo al colonnello Valerio (che e’ una bestemmia continua, diciamolo) e’ solo perche’ questa e’ una delle piu’ belle canzoni italiane degli ultimi decenni:

Barney

[Catto]talebani

“Sono contrario all’utilizzo dei preservativi. Abbassano il piacere e
interrompono il momento… fidetevi di me, che non li uso… non salvano
nemmeno dall’Aids. La condizione ideale è quella di avere un solo uomo o
una sola donna nella vita… la moglie sottomessa cristiana è la pietra
fondante, la pietra su cui si edifica la famiglia

La frase qua sopra l’ha detta Mario Adinolfi, giornalista e direttore de “La Croce“, giocatore di poker e blogger [1] piddino con rigurgiti medievalisti, il 17 gennaio 2015.

Quando inorridiamo -giustamente- ai proclami da uomini delle caverne di questo o quell’Imam del cazzo, ricordiamoci per favore che ci sono anche fior di cattotalebani in giro per le strade. E che le stronzate sono stronzate sia se vengono dette da AlCazzaqr, supremo capo dell’ISIS, sia che le dica il signor Adinolfi, moderno crociato dell'”armiamici e partite” di benemerita memoria e fervente cattolico di ritorno, un po’ come Magdino Cristianino Allamino insomma.

[1]: che stracazzo di mestiere sia “blogger” lo devo sempre capire. Pero’, tutte le volte che qualcuno si professa “blogger”, mi viene da pensare che esistono mestieri meno dignitosi della puttana o dello spacciatore.

Barney

MozZzilla, i bimbi abBruciati, le canNne. E due fettine di culo no?

Ho gia’ raccontato -che per motivi a me ignoti- sono capitato tra le fauci di CitizenGO, il petizionificio famoso per mischiare culo (a camionate) e quaranta ore (di piu’!).

Le mail che mi arrivano a ondate quotidiane sono sempre un’ottima finestra sulla coglionaggine catto-fascio-talebana cui fanno schifo gli omosessuali e il sesso in generale (che tanto, diciamolo chiaramente: quello e’ il target!), e ogni tanto ci si imbatte in chicche eccellenti. Ve ne presento un paio come mi sono arrivate:

ImmagineQua, a parte l’errore ripetuto di chiamare Mozilla “MozZilla”, si sottolinea come Eich e’ stato allontanato da Mozilla per avere finanziato, anni fa e con mille dollari -una miseria…- una campagna per la famiglia tradizionale. Eich NON E’ omofobo, ma e’ stato deciso il suo allontanamento dopo che gli attivisti GLBT hanno cominciato a fare casino. CitizenGO alza il polverone in nome della liberta’ di pensiero e di parola; mi immagino faccia lo stesso in Polonia a favore della liberta’ di parola e di pensiero degli omosessuali nel paese di Papa GPII.

Dite di no, eh? Mhhh… Penso di no pure io…

 

Il secondo e’ Grand Guignol di classe. Non commento, lascio tutto allo screenshot:

ImmagineTra Matrix, la raccolta differenziata nel cassonetto e gli incentivi sul fotovoltaico, CitizenGO si muove con la levita’ d’un elefante in un negozio di porcellane.

Ma cosa non si fa per tirare su l’ennesima petizione antiaborto…

E le canne? Beh, quelle ve le leggete da soli, eh?

 

Colonna sonora da Simone Lenzi e compagnia. Anche io e’ un po’ che non li ascolto…

 

 

 

Barney

Questo e' Makkox su Don Stronzelli