Archivi tag: Blackest eyes

Filosofia da muro #22 (guest photo. Hat trick: Cartaresistente)

Ringrazio anche stasera Cartaresistente (sia l’1 che il 2) che oltre che spedirmi il capolavoro di pop art acida (nel senso che l’artista vandalo probabilmente e’ devoto a qualche setta che fa uso nemmen troppo moderato di LSD o robe simili…) che vedete qua sotto, m’ha(nno)  pure inviato per posta “normale” uno degli ultimi quaderniresistenti prima serie, che a me piacevano tanto:

Bart_TrainChi volesse invece un quadernoresistente seconda serie, puo’ cliccare qua.

Tra l’altro, la foto e’ un crossover tra le mie “rubriche” Filosofia da muro e Still life, essendo la tela che ospita l’opera l’interno d’un treno.

E ora ho il problema di chiudere il pezzo con musica adatta.

Mhhhh… La cosa che si avvicina di piu’ a “Hitech trance” e che posso mettere io sono i Porcupine Tree con uno dei loro pezzi meno acidi e piu’ rock.

Si, dai, puo’ andare:

Barney

Spiegare concetti semplici ai Grillanti Coglioni Complottardi

E’ un tentativo disperato, ma ho dalla mia Leonardo Serni, gia’ citato qua dentro mille volte (oppure tre) e personaggio di spicco della Usenet italiana.

Si parte dalla roboante affermazione di abBeppeGrillo sulle mammografie, che in pratica si traduce cosi’: i medici impongono la mammografia ogni due anni perche’ cosi’ $Big$Pharma fa i soldi, e le statistiche dicono che le donne si ammalano di cancro al seno ugualmente, sia che si facciano la mammografia, che se non se la fanno.

Il commento del Serni su it.discussioni.misteri e’ qua sotto copincollato per voi che Usenet manco sapete che esiste 😛

Oh, Grillo ha detto la verità e nient'altro che la verità:

    > ...mammografie. E dice di farle  ogni due anni ma la differenza
    > percentuale di malattia fra chi le fa ogni due anni e chi le fa
    > meno spesso è solo del due per mille

anzi: la differenza è probabilmente ancora meno del due per mille; è zero.

Ma quello che Grillo lì non dice, è "tutta" la verità. Manca un pezzo, che
è un pezzo importantissimo.

Una donna che fa una mammografia ogni due anni ed una che la fa ogni dieci
hanno la stessa probabilità di avere un tumore al seno. E' ovvio, no? Dato
che la mammografia non protegge contro il tumore al seno - ti dice solo se
ce l'hai o non ce l'hai.

E' come fare un salto in cantina della casa al mare, per vedere se l'umido
ha chiazzato l'intonaco. Che tu guardi, o che tu non guardi, l'umido fara'
sempre la stessa cosa: o avra' chiazzato, o non l'avra' fatto.

Ma la donna che fa la mammografia ogni due anni ha il *cento per cento* di
probabilità (salvo errori diagnostici!) di scoprire di avere un tumore che
e' li' da "meno di due anni". Cioe' e' ancora piccolo e vulnerabile.

La donna che la fa dopo dieci anni, magari il tumore ha avuto cinque anni,
o sei, per crescere, incattivirsi e diffondersi.

Una cosa e' entrare in cantina, trovare l'intonaco chiazzato e correre dal
Brico a comprare un deumidificatore, e magari mettere in salvo gli oggetti
più "preziosi" della cantina.

Un altro e' entrare nella cantina e scoprire che da tre anni l'intonaco di
mezzo soffitto si e' staccato, e' caduto sulla roba che c'era, e' marcito,
e a questo punto bisogna svuotare la cantina e buttare via ogni cosa. Puoi
fare un intervento di ripristino, certo, ma sara' molto piu' distruttivo.

===

Capisco che uno non si fidi di Big Pharma o di chi ha una laurea, ma hanno
almeno una cantina?

Leonardo

Ce la faranno i nostri grillanti a capire la metafora della cantina? Non lo so mica…

I Porcupine Tree son qua sotto solo per liberarmi la bocca dal sapore di complotto del cazzo:

Barney