Archivi tag: A quick one

Una sveltina (mentre lui e’ via)

Il titolo del post e’ la traduzione fedele (mai aggettivo fu piu’ indicato…) del titolo del brano che rappresentera’ il contenuto del post stesso: A quick one (while he is away). La band e’ la piu’ grande rock and roll band della storia della musica, i Who.

La canzone e’ in realta’ una specie di mini-opera rock che cambia tempo e ritmo cinque o sei volte, e racconta quel che dice il titolo: una donna aspetta il fidanzato che pero’ non torna il giorno dovuto e allora lei cede alle lusinghe di Ivor, un -per dirla alla Guccini- macchinista ferroviere.  Al suo ritorno il marito, dopo avere accolto il racconto lacrimoso della moglie fedifraga, perdona la donna… e vissero tutti felici e contenti.

Non sto a smenarla troppo: “A quick one” e’ un grandioso esempio di come si suona e si canta se si vuole essere una band che fa la storia. Tutti gli strumenti (compresa la voce di Roger) sono accordati e riconoscibili ad occhi chiusi: il pezzo non sarebbe lo stesso se il basso non avesse il suo spazio, e la batteria non fosse quel muro sonico che e’, e se alla chitarra ci fosse uno piu’ tecnico ma meno vitale di Townshend.

Ecco il pezzo (i primi cinque minuti sono di spiegone, la musica inizia dopo):

 

 

Barney