Archivi categoria: raddrizzare le banane e’ il lavoro del futuro

La mia risposta alla crisi mondiale

Il Paese e’ (ir)reale

Sono di ritorno da una due giorni in giro per -soprattutto- aeroporti, in cui ho avuto modo di verificare -sempre ve ne fosse il bisogno…- uno dei motivi per i quali l’Italia arriva sempre dopo la banda.

Ho avuto davanti due CEO (ossia due amministratori delegati) di due aziende, una grande (circa 800 dipendenti), l’altra enorme (40.000 dipendenti). Mercato aerospaziale e difesa, quindi per definizione globale e ancor piu’ per definizione strategico.

Tra le tante cose che accomunano i due (ottimo inglese pur non essendo nessuno dei due inglese, preparazione notevole sulle innumerevoli cose che fanno le due aziende, brillantezza nell’eloquio) quella che e’ saltata piu’ ai miei occhi e’ stata l’eta’. Il piu’ vecchio, quello dell’azienda enorme, ha 48 anni.

L’altro non arriva a 40, anzi credo ne abbia appena 35.

Mi chiedo se avremo mai in Italia una situazione del genere (retoricamente; la risposta e’ “col cazzo che l’avremo”), con aziende che fatturano miliardi di Euro guidate da un neanche cinquantenne che s’e’ presentato sul palco di Monaco di Baviera appena dopo essere rientrato da una conferenza negli USA, che ha spaziato su decine di argomenti a braccio, con slide di sottofondo (parete di dieci metri per tre) fatte solo di fotografie di aerei, satelliti e razzi. Senza una scritta in Comics Sans, magari gialla su sfondo blu come ho visto fare migliaia di volte in Italia[1].

Uno dei motori del cambiamento e’ il ringiovanimento della classe dirigente, e qua il ringiovanimento piu’ clamoroso lo ha portato uno come Matteo Renzi, profittando di congiunzioni astrali irripetibili e uniche, aggiunte alla capacita’ di cavalcare l’onda empatica del malessere nazionale. Piu’ che un ringiovanimento mi e’ sembrato un rimescolamento, perche’ di novita’ fattuali non mi pare ne abbia portato. A discorsi si, ma si sa che i discorsi li porta via il vento.

Ma torniamo a noi.

Stamani il CEO quarantottenne era accompagnato dal suo top management. Anche li’ i giovani non mancavano, e anche stavolta il paragone con l’Italia e’ impietoso. Basti dire che io (il cinquantenne italiano) abbassavo notevolmente la media dell’eta’ della pattuglia nazionale industiale, formata da ben tre persone.

La finisco qui, lascio a Manuel Agnelli il commento musicale.

[1] mi piacerebbe sapere a chi e’ venuta per prima l’idea di usare il Comics Sans per una presentazione che non sia quella di un bambino di terza media. Probabilmente ad un CEO italiano di almeno sessant’anni, che ha visto usare powerpoint dalla nipotina…

Barney

 

 

Annunci

Selezione

Sto davvero cominciando a pensare che la civilta’ occidentale sia vicina al precipizio, se non gia’ con due piedi nel baratro.

I fatti: al lavoro stanno facendo dei colloqui di selezione per assumere un PA junior. Un PA sarebbe quello che si occupa di Product Assurance, La Product Assurance sarebbe a sua volta un processo per il quale un’azienda fa in modo che i requisiti del prodotto x, richiesto dal cliente y, siano rispettati sia qualitativamente che temporalmente, e che tutta la produzione sia efficiente.

Il ruolo del PA in un’azienda qualsiasi genera spesso reazioni un po’ sopra le righe da parte dei colleghi, che si sentono impastoiati da norme, regole, controlli, richieste di report e prove… Tutto cio’ spesso sfocia in pacate proteste verso il PA, uno dei classici parafulmine buono per ogni stagione. Proteste come questa qua:

Bene. S’era detto che ci sono selezioni per junior PA. I colleghi che si occupano della cosa ricevono una rosa di candidati da cui molti sono gia’ stati esclusi per via del loro curriculum vitae, o a seguito di un primo colloquio via Skype . Arrivano quindi quelli che teoricamente rappresentano il meglio di coloro che hanno applicato per la posizione.

I colloqui di selezione, essendo la posizione “junior”, mirano a capire quanto la persona sia adatta in prospettiva al compito, dal punto di vista tecnico ma anche come carattere. L’esperienza non puo’ esserci, o se c’e’ e’ davvero limitata.

Alla fine del colloquio di selezione a tutti i candidati vengono fatte due domande che hanno lo scopo dichiarato di vedere come ragionano di fronte a problemi nuovi. La prima domanda ha una certa attinenza al lavoro che dovrebbero fare se fossero assunti, e non credo interessi a molti.

Ma la seconda si’: “Secondo te quanti matrimoni sono stati contratti l’anno scorso in Italia?“.

E’ chiaro che lo scopo NON E’ quello di assumere chi si avvicina di piu’ al numero esatto, ma vedere il processo logico che porta ad un qualunque risultato. Il candidato viene quindi invitato a raccontare come sta ragionando per arrivare alla stima finale.

E qua pare esca fuori di tutto. Due candidati in particolare si sono distinti nel compito. Uno e’ partito dal numero di chiese esistenti nella sua citta’ e poi ha tirato fuori cifre da vincita alla lotteria di capodanno (tra l’altro la domanda non fa differenza tra matrimoni civili e religiosi, e quelli civili sono la maggioranza).

L’altro ha iniziato cosi’: “Mhhh… la mia citta’ ha 100.000 abitanti, citta’ come Milano ne avranno 200.000, poi bisognerebbe moltiplicare per il numero di citta’… In Italia ci saranno due milioni di persone…”. Sconfortante.

Questi due sono i casi eclatanti, e abbiamo parlato per adesso solo dell’inizio dei ragionamenti: trovato un numero di abitanti in Italia si deve andare avanti a determinare un sottoinsieme di “sposabili” ogni anno, e poi assumere quanti di questi “sposabili” si sposa davvero .

Buona parte dei candidati parte con considerazioni localissime da cui cerca di estrapolare informazioni di scenario generale. Il processo e’ sicuramente valido, ma se vuoi che abbia successo hai bisogno di parecchie informazioni di contorno che contestualizzano il tuo particulare e ne fanno il quadro d’insieme.

Evidentemente tali informazioni di contorno e alcuni dati di massima (per dire: il numero di abitanti dell’Italia e’ un dato che ciascuno dovrebbe avere almeno come ordine di grandezza. Il numero di regioni, quello delle province…) non ci sono. E non ci sono in neolaureati, giovani che han passato circa vent’anni della loro giovane vita a studiare.

Mancano queste informazioni nozionistiche, ma manca soprattutto la capacita’ di affrontare uno scenario sconosciuto con il ragionamento logico. Manca la capacita’ di improvvisare, il pensiero laterale insomma.

Tutta la societa’ e’ responsabile di questo stato di cose: la scuola ovviamente, ma ancor prima la famiglia. Gli smartphone che ti fiondano in un mondo di microtribu’ sui social network da cui uscire e’ faticoso, e le serie tv che ti danno le coordinate del tuo orizzonte degli eventi: la prossima stagione/la prossima puntata.

 

 

[Questo pezzo e’ dedicato a dem, morto ieri l’altro a 45 anni. Sarebbe stato interessante avere il suo parere]

 

Barney

Qualcuno l’ha gia’ detto…

…mi aggiungo anche io: Game of Thrones e’ una cagata pazzesca.

Questa settima stagione non resta in piedi nemmen con le stampelle, dalla quantita’ di contorsioni logiche e temporali che si sono viste. Il culmine (ahahahahaha!), quello che i fan piu’ accaniti aspettavano da anni, e’ arrivato alla fine: Jon Snow che in realta’ non e’ Jon Snow ma un Targaryen, che si tromba Danaerys Targaryen. Si e’ inziato con i fratelli Lannister che scopano a Winterfell, si finisce -per ora- con questi due che non ho capito quale grado di parentela abbiano. E la scena avviene su una nave, che fa taaanto Titanic…

In attesa, nell’ottava stagione, di un bell’accoppiamento tra il Mastino e il drago blu caduto in mano ai non morti, perche’ -diciamocelo- l’incesto avrebbe anche un po’ rotto i coglioni, spazio alla zoo-necrofilia, perdio!

L’interesse in Game of Thrones e’ oramai di tipo ginecologico: s’aspetta di vedere se le ovaie di Danaerys sono infiammate o no (dovrebbero, d’altra parte lei e’ la Madre dei Draghi, no?), e fanculo se succedono cose a caso nel mezzo, se i personaggi si bilocano che Padre Pio gli fa una sega, se il riassunto delle puntate precedenti sembra un frullato di fegato di canguro,cetrioli sottaceto e vodka al metanolo. L’importante e’ non solo guardare Game of Thrones, ma commentare estasiati ad ogni scorreggia di drago, ad ogni battuta acida di Cersei, a qualsiasi apparizione del Nemico al di la’ della Barriera.

Ho letto i libri della serie pubblicati sin qui, e sebbene i romanzi di Martin non siano la mia lettura preferita si innalzano di miglia sopra la serie tv, soprattutto da quando -spinta dall’enorme successo e da un pubblico formato dal mix perfetto di abbonati a YouPorn e lettori di locandine alle stazioni dei treni- la serie stessa ha deciso di non aspettare gli altri romanzi, ma di andare avanti da sola. A cazzo di cane: facendo morire gente a caso tanto per sfoltire il cast, infilando sotto-sotto-sotto trame dovunque senza la minima pretesa di portarle avanti con un minimo di coerenza. Le cose accadono come se fosse antani, e se gli sceneggiatori sono in difficolta’ basta piazzare davanti l’obiettivo il culo della Madre dei Draghi, e lo share e’ salvo.

Cosi’ e’ facile, forse troppo. Ma il prodotto vende, i fan sono gia’ in fibrillazione per l’ottava stagione e le ipotesi su quel che succedera’ in futuro non si contano piu’. E cosa volete che succeda, se non un altro giro di frullatore?

Nel frattempo, si parla di trasformare in serie tv anche “La ruota del tempo“, ciclo fantasy di Robert Jordan che ha due pregi: e’ terminato ed ha una coerenza che denota un progetto alla base della scrittura, una cosa che Game of Thrones se la sogna. Jordan, insomma, aveva in mente la storia quando inizio’ a scriverla. Un po’ come la serie de “La torre nera” di Stephen King, oggetto di un film che non ho visto per decenza e che dovrebbe trainare l’ennesima trasposizione televisiva spalmata immagino su otto stagioni.

In tutto questo, sempre meno persone leggono. E’ piu’ facile mettersi davanti allo schermo e farsi raccontare la storia dalle immagini, piuttosto che immaginare quel che si legge nella storia.

Soprattutto se ogni tanto Danaerys si esce le tette.

 

Barney

Man Vs Machine

Vince spesso la macchina, nello scozzo con l’umano: scacchi, go, bridge sono tutti giochi in cui un enorme potere di calcolo e la possibilita’ di gestire decine di migliaia di scenari diversi in frazioni di secondo fanno la differenza. A volte questa differenza non basta, soprattutto quando le cose non possono essere definite a priori, e l’improvvisazione dell’uomo puo’ venire fuori.

Il poker, per esempio, si presta poco a un campione computerizzato che non bari: se la macchina “vede” solo le sue carte e quelle eventualmente in tavola il giocatore professionista in carne e ossa ha piu’ o meno le stesse informazioni. Con in piu’ la capacita’ di usare quelle informazioni per ingannare il computer.

Per bluffare, insomma.

Cosa che non e’ permessa negli scacchi e -teoricamente, poi a volte succedono scandali inenarrabili ai tornei…[1]- nel bridge.

Ma non di Texas Hold’em, ne’ di dama cinese volevo parlare.

Tutto lo sproloquio qua sopra sta li’ per introdurre l’ennesimo scontro gastronomico che mi vede schierato nella fanteria umana contro l’armata motorizzata del Bimby, gia’ apparso su questi schermi tempo fa in tutto il suo splendore.

L’altro giorno a pranzo un collega s’e’ presentato con questa roba qua:

IMG_20170807_131122

Sembra un risotto, o il pastone del cane, o anche -ad esser creativi- un bel tegame di hummus.

Invece il collega che poi l’ha mangiato l’ha presentato come “la panzanella fatta ieri sera con il Bimby”.

Ora, siamo in Toscana e da noi (come in quasi tutta l’Italia centrale) la panzanella rappresenta il cibo tipico dell’estate. Un po’ quel che succede d’inverno con il cinghiale in umido con le olive.

Quindi, la sera mi sono preparato (con il solo aiuto di tagliere, coltellaccio da squarto e insalatiera) la mia panzanella, c’avro’ messo dieci minuti scarsi e il risultato e’ questo qua:

IMG_20170807_212510

 

 

 

Il giorno dopo l’ho mangiata davanti al collega, che ha avuto da ridire sui pezzi troppo grossi e le cipolle troppo cipolle.

Cioe’, le cose troppo simili alla realta’.

Quello che il Bimby non riesce a fare, insomma. Meno male c’e’ John Frusciante che a suonare la chitarra riesce assai bene.

 

 

[1] La soria raccontata nel link merita d’esser letta, anche se e’ lunga.

 

 

Barney

E’ del tutto inutile

Inutile dialogare con i complottardi, i talebani del sospetto, i crociati della liberta’ di pensiero e di istruzione. Gli anti vaccinisti (o meglio: quelli che dicono di essere a favore dei vaccini maanche di essere in grado di decidere da soli quali vaccini fare ai propri figli, quando, perche’ e percome. D’altra parte hanno studiato su Youtube, no?), gli sciachimisti, i signoraggisti, gli undicisettembristi che era un inside job, i nonsiamostatisullaLuna, il global warming che e’ una montatura… Questi che lentamente stanno diventando legione e che se non sono maggioranza poco ci manca, insomma.

Inutile, lo dice uno studio pubblicato qualche giorno fa su PLOS (no, non e’ Youtube, e non ci sono filmati. Quindi nessun talebano del complotto leggera’ quell’articolo…): cercare di smontare una qualsiasi delle mille cazzate che circolano ogni giorno sulla rete produce zero risultati.

Perche’ -e non ci voleva certo uno studio su PLOS…- oramai la gGente vive divisa in mille tribu’ ideologiche, e le idee buone sono solo quelle che circolano all’interno di una specifica tribu’. Contatti con altri gruppi? Solo se la pensano come te. Altrimenti ci si tappano le orecchie e si comincia a fare “lalalalalalala” per evitare anche il rischio di prendere in considerazione un pensiero altro da quello cui il gruppo ti ha abituato.

Molte colpe le ha chi di scienza dovrebbe occuparsi seriamente, pure lui spesso troppo occupato a coltivare le sue relazioni intertribali. Altrettante ne hanno i politici: il recente decreto vaccini, gia’ di per se una mezza sciocchezza per il modo in cui e’ stato tirato fuori (un ottimo esempio di come fare una cosa giusta nel modo piu’ sbagliato possibile), e’ caduto nel ridicolo di rimangiarsi in una settimana due vaccinazioni obbligatorie: prima dodici, poi dieci per motivi che anche a spiegarli alla Lorenzini credo manco lei capirebbe.

Ma secondo me la causa scatenante di questo degrado culturale ce l’hanno i media.

Gia’ venti o trent’anni fa si poteva capire -guardando i talk showin tv- che la gGente trovava comodo e facile schierarsi acerebralmente da una parte o dall’altra. Internet e i social media hanno acuito questo comportamento, ed in piu’ hanno aggiunto la facilita’ di poter diventare -una volta scelto lo schieramento- protagonisti della narrazione. E siccome oggi come oggi non e’ che la gGente abbia moltissimo da dire, si diventa protagonisti schiacciando il “like” su facebook, duplicando articoli senza nemmeno leggerli, ripetendo a macchinetta una serqua di puttanate imparate -non capite, imparate– a memoria su nanoparticelle di alluminio nei vaccini, nanotermite nel World Trade Center, correlazioni tra il vaccino per il morbillo e l’autismo e via andare.

Se ne esce solo ricominciando a leggere, andando in giro invece che su facebook, vivendo la vita vera, insomma.

Magari anche ascoltando roba meno commerciale di quella che passa per la radio d’estate.

 

Barney

 

Tutti al mare

Sto terminando di leggere un libro splendido, “Postwar” di Tony Judt. Sottotitolo: “A history of Europe since 1945“, che dice esattamente quel che il lettore si trovera’ di fronte: gli ultimi 70 anni dell’Europa raccontati con chiarezza, lucidita’, a volte distacco, direi anche con equidistanza e buon senso. Andrebbe fatto leggere obbligatoriamente a scuola -anche se sono un migliaio di pagine-, soprattutto nelle scuole italiane, cosi’ da evitare o almeno attutire il periodico tornar fuori delle nostalgie fasciste, cui fan da contraltare le alzate di scudo comuniste.

Come se fascismo e comunismo fossero ancora concetti con un senso, nel 2017.

O meglio: come se chi inneggia alla resurrezione del Duce come panacea di tutti i mali di queste stagioni sapesse di cosa sta parlando.

Andrebbe reso obbligatorio -come i due minuti d’odio Orwelliano- anche l’ascolto quotidiano de “La zanzara“, su Radio24. Perche’ gli ascoltatori che telefonano sono l’esatto specchio del paese, quello che “I Rom andrebbero bruciati vivi”, “I migranti metteteveli in casa voi/se li pigli il Papa”, “Le donne sono tutte puttane” e soprattutto “Hitler e Mussolini tutto sommato han fatto moltissime cose buone e un paio di cazzate di poco conto. Grandi statisti, i migliori del secolo passato e di quelli a venire”. Ultimamente va di gran moda il raffinatissimo adagio “Ma se il fascismo e’ proibito, perche’ non lo e’ il comunismo?”, giusto per dare l’idea del serraglio… I conduttori -soprattutto Cruciani- paiono le macchiette dell’Uomo Qualunque di Gianniniana memoria, che interrompe qualsiasi ragionamento piu’ complicato di piscia-cacca-culo con un “E allora? Embe’? E quindi, cosa vorresti dire?” ripetuto a manovella a chiudere qualsiasi possibilita’ di discorso.

“Postwar” e “La zanzara” potrebbero aiutare a capire come mai questa settimana la discussione in Italia e’ stata incentrata sull’oramai strafamoso Bagno di Punta Canna, a Chioggia, dove il proprietario vorrebbe rivivere il ventennio fascista attraverso simpatici (per lui) cartelli inneggianti ad ordine, disciplina e amor di patria o a credere, obbedire, combattere. Inframmezzando i bagni di sole con discorsi da ducetto malriuscito,  con soddisfazione degli avventori, attratti dal luogo e dall’ometto come le mosche dalla merda.

In settant’anni di dopoguerra questa nazione, che si e’ sin dall’inizio basata sul compromesso e sul girarsi dall’altra parte invece che fare i conti col proprio passato, non e’ riuscita a chiudere i conti con la storia. Ha leggi che in teoria puniscono l’apologia di fascismo (e spero non vi sia bisogno di spiegare perche’ da noi c’e’ questa legge…), ma in pratica saluti romani, svastiche e fasci littori sono simboli all’ordine del giorno dovunque. Ed e’ possibile andare al mare ricordando con malinconia “quando c’era lui”. Che poi sanno una sega quelli del Bagno Punta Canna di quando c’era lui: si basano su racconti di terza mano, lievitati come l’impasto del pane in anni di mantrugiamenti, su nessuna lettura (che leggere e’ faticoso), e sul comodo assioma che la colpa sia sempre di qualcun altro. Prima dei partigiani, ora degli zingari e dei negri.

Ma prima dei partigiani la colpa fu degli ebrei, non ce ne dimentichiamo. E si: anche Stalin e il suo comunismo ne ammazzarono a milioni, come il fascismo e il nazismo.

E allora aspettiamo che torni lui (quello pelato o il nano sifilitico coi baffetti, o l’altro -il contadino russo ubriacone-) un lui a caso che ci risolva i problemi. Che tanto se dobbiamo imparare a risolverceli da soli, imparando dal passato, non ci leveremo mai le gambe.

 

 

 

Barney

Good vibrations

La quantita’ di fuffa che si trova in giro mi stupisce sempre, eppure dovrei ormai essermi abituato a tutto…

Invece ieri scopro i Body Vibes. Che sarebbero degli adesivi tondi e colorati, dimensione spannometrica una moneta da due Euro, che sono -cito il sito del produttore-…

“adesivi intelligenti, programmati per fornire bio-frequenze naturali che ottimizzano le funzioni del corpo e della mente, ripristinano le connessioni cellulari ed accelerano la naturale capacita’ del corpo di auto-curarsi”

Cioe’, fuffa al cubo.

Secondo le istruzioni del sito, questi appiccichini vanno messi sulla spalla o sul braccio sinistro, oppure sul petto vicino al cuore. E aiutano a ripristinare la frequenza vibrazionale ottimale del nostro corpo, che sta da qualche parte attorno ai 62-72 Hz (una frequenza ottimale che -nel caso esista- non sorprendentemente si situa dalle parti della frequenza dei battiti cardiaci della maggioranza di noi umani).

Ah, non dimenticarsi di bere molta acqua quando si indossano gli adesivi (che van tenuti su almeno un mesetto, senno’ non si ha un perfetto reset mente-corpo), e date retta a Gwyneth Paltrow, accanita fan di questa e altre puttanate: siccome vi potrebbe restare un segnaccio sulla pelle quando strappate l’appiccichino, incollatevelo in un posto non esposto (l’interno del braccio -sinistro mi raccomando- va benissimo, secondo lei).

Ora, siccome son cose tènniche, i Body Vibes ve li potete comperare “informatizzati” per i piu’ svariati disturbi della vostra frequenza vibrazionale ottimale. Tutti i tipi costano uguale (60 Dollari il pacco da dieci pezzi, sia per il post-sbronza che per i disturbi di attenzione), ma ci sono splendide offerte speciali da non mancare.

Ecco, siamo alla musica; ora dato il titolo uno s’aspetta i Beach Boys. E invece no: siccome c’e’ Gwyneth, bisogna dare visibilita’ anche al suo ex-marito. Accattatevelo, per una volta, su questi schermi. Non succedera’ piu’, credo.

 

 

Barney