Filosofia da muro #154

A volte ci si sente inadeguati, fuori posto, fuori tempo.

Altre volte la sensazione è quella opposta: è il resto del mondo che non è al nostro stesso livello.

Chi ha vergato la scritta qua sotto in un buio vicoletto di Pisa con mano malferma e pennarello prossimo all’esaurimento appartiene senza dubbio alla categoria di chi sente l’inadeguatezza non addosso a se stesso, ma tutta attorno a lui.

20191214_232302

Chissà quali livelli di fantasia e creatività raggiunge il soggetto, chissà se questa affermazione regge alla prova della realtà in una regione che dal punto di vista delle imprecazioni creative non teme confronti…

Chissà infine se il problema non sia proprio il mondo in declino, oggi come oggi non in grado di competere in una gara di bestemmie artistiche?

I Massimo Volume potrebbero essere d’accordo con quest’ultima lettura.

 

Barney

 

Un pensiero su “Filosofia da muro #154

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.