Filosofia da muro #137 (hat trick: Pendolante)

Tre parole spruzzate su un anonimo muro di un’anonima città italiana, mandatemi da Pendolante, a definire una verità assoluta-almeno per me-, comunque le si voglia leggere.

Eccole:

img_0976

Intanto ammiro la capacità di fotografare dritto di Katia, e pure la drittezza di chi ha scritto magari al buio in quasi perfetto piombo con l’orizzonte.

Poi, non posso che concordare -in qualunque maniera si intenda la scritta- con lo scrivente: sia che si parli di bevanda gassata al caramello, sia che ci si riferisca alla polverina da naso, sia che la “e” abbia o meno l’accento siamo comunque secondo me dalla parte della vera mediocrità. La coca da naso non credo la proverò mai, quella da bere a me ha sempre fatto schifo, credo che da quando ho memoria ne avrò bevute una decina, e direi tutte con aggiunta di rum.

Il blues invece mi piace, e mi piacciono Margo e i suoi fratelli.

 

Barney

3 pensieri su “Filosofia da muro #137 (hat trick: Pendolante)

  1. blogdibarbara

    Coca ha le prime tre lettere piegate in avanti, mediocrità le ha diritte o leggermente piegate indietro. Le C di coca sono quasi chiuse, l’altra è molto aperta. Anche le due A sono diverse: sono due mani. La e, essendo in corsivo, non saprei. La prima è un inno (o un’invocazione), la seconda una randellata sulle gengive.

    "Mi piace"

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.