Filosofia da muro #126

Livorno, città multietnica e multidimensionale, porto di mare e rifugio di molti miei sabato sera, mi ha regalato questa colonna istoriata:

brucialebanche

Un classico di quarant’anni, fa vergato di fresco con pennarello verde, e l’immancabile A cerchiata a definire -ce ne fosse bisogno- il coté politico del pensiero di chi ha lasciato il messaggio.

Meno male che per adesso siamo solo al messaggio, e l’azione è ben lungi dall’arrivare, altrimenti saremmo messi peggio di quanto già siamo: tra chi vuole sparare a tutti, e chi vuol dare fuoco alle banche sarebbe un buon inizio di guerra civile.

Che non è detto non scoppi, prima o poi…

In attesa degli eventi, a Livorno non si può chiudere con musica non livornese:

 

Barney

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.