Filosofia da muro #116 e #117

Non sono muri, quelli che mi hanno folgorato stasera in stazione, ma container su un lungo treno merci sul binario accanto al mio.

Container di una serie che il suo autore ha chiamato quasi come questa mia rubrica irregolare, ma che -vista la tavolozza- si trasforma in una mostra viaggiante.

Ecco a voi due “filosofi su container”:

IMG_20180330_184252

 

IMG_20180330_184356

La cosa splendida di questa cosa qua -che per me è arte a tutti gli effetti- è che la scelta del medium su cui il graffittaro ha deciso di esprimersi rende ciascuna opera una specie di museo itinerante. I container girano su rotaia, arrivano a un porto, vengono imbarcati e girano tutto il mondo. Ho scoperto che ‘sto Jindu (che è partito come street artist del CollettivoFX di Reggio Emilia) è famoso, e se cercate in rete ci sono decine e decine di container fotografati qua e la.

Tutti con il loro filosofo sopra, numerati come le figurine dei calciatori.

Da oggi farò molta più attenzione ai treni merci.

 

Barney

5 pensieri su “Filosofia da muro #116 e #117

    1. Barney Panofsky Autore articolo

      Ho scoperto che a Reggio Emilia c’è un covo di writers notevole. Se non sbaglio quello che hai fotografato te è nella pagina di CollettivoFX, e dovrebbe essere un’opera a più mani, oppure l’ha fatta lui quando era uno dei membri. La mano sembra sua, in effetti…

      Piace a 1 persona

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.