Filosofia da muro #88 (hat trick: Ammennicolidipensiero)

Ancora da Adp questo scatto presumo dal nord Italia, che mischia il veterocomunismo degli anni di piombo col disincanto dei nostri giorni:

superiorità

Due mani si dividono il muro, e ovviamente la scritta a sinistra e’ “di sinistra”. Bella grafia, con i puntini sulle “i” marcati cosi’ chiaramente che a volte si trasformano in barre. Bello e deciso anche l’accento sulla “a” della prima superiorita’. Pare una scritta a meta’ tra i proclami delle BR prima maniera (una sorta di velata chiamata alle armi insomma) e un qualche slogan mutuato da Enrico Berlinguer.

A destra si cambia registro, colore e mano. Due parole in giallo per demolire il costrutto dell’interlocutore sconosciuto, una affermazione apodittica e decisa, resa piu’ dura dalla ruvida spigolosita’ del tratto. Un accenno di nazifascismo sulle due “S” di nessuna, tracciate come si tracciavano nel Terzo Reich sulle mostrine delle Schutz-Staffeln mi fa collocare scritta e scrittore dall’altra parte politica rispetto al primo graffitaro.

Un po’ il ritratto del nostro paese, che non superera’ mai il ventennio fascista e la Seconda Guerra Mondiale.

A chiudere in bellezza mi ci dicono i “Last Internationale” (che sono gia’ passati da qua, ma chissenefrega), tie’:

 

Barney

Annunci

10 pensieri su “Filosofia da muro #88 (hat trick: Ammennicolidipensiero)

  1. blogdibarbara

    Avrà anche una bella scrittura, ma è talmente ignorante da non sapere che la I maiuscola non ha il puntino. Poi magari se qualcuno mi spiega – senza andare sul pornografico – cosa significa che le superiorità si afflosciano…

    Mi piace

    Rispondi
    1. Barney Panofsky Autore articolo

      I puntini sulle i anche maiuscole stanno a ribadire la sua superiorità morale, no? “Si affloscia” una superiorità che non viene praticamente esercitata, mi pare logico. E per questo mette i puntini su tutte le i. Anche quelle dritte e maiuscole.

      Mi piace

      Rispondi
      1. blogdibarbara

        Capolavoro (grazie, non lo conoscevo). Amo molto Gaber, “Qualcuno era comunista” l’ho visto e ascoltato un miliardo di volte, e ogni volta, non c’è niente da fare, quando arriva sul finale attacco a piangere (ebbene sì, anch’io ero comunista, e a tutte quelle belle cose ci credevo davvero). Solo che quella frase, inserita nel suo contesto ha un significato perfettamente comprensibile, ma isolata e spiaccicata su un muro fa cagare, tanto più che sembra trasformare in lezione morale quella che in Gaber è una feroce satira.

        Mi piace

  2. ammennicolidipensiero

    vedi vedi che roba curiosa, io invece avevo collocato la scritta di destra a livello… extraparlamentare 🙂 una qualche mano anarchica o comunque critica nei confronti del considerare la questione morale della sinistra con accezione di “superiorità morale”. però adesso che leggo la tua interpretazione mi s’è instillato il dubbio…

    Mi piace

    Rispondi
    1. blogdibarbara

      No no, non farti deviare da quel losco figuro che è Barney! Lui ha notato le due S, ma non ha fatto caso alle due N, che hanno esattamente la stessa inclinazione: quella è semplicemente la sua scrittura. E il suo messaggio, secondo me senza alcuna connotazione politica manifesta, è che l’altro sta dicendo una puttanata, tutto qui.

      Mi piace

      Rispondi
  3. Pingback: miscellanea (a spasso tra ingerenze religiose, opinabili sentenze in tema di molestie sessuali e petizioni da brivido) | ammennicolidipensiero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...