Filosofia da muro #67 (hat trick: Daniele Vanoncini)

Ho ricevuto questa scritta da Daniele Vanoncini, il quale si interrogava se fosse troppo banale:

coione

Non e’ troppo banale, anzi: scritta a due mani e due colori, con riflesso sul cofano dell’auto di fronte (questo particolare e’ davvero una raffinatezza).

La scritta principale e’ tra virgolette, ho paura sia una citazione ma di quelle che si comprano all’Autogrill un tanto al chilo di parmigiano (nel senso che te ne regalano tante quanto parmigiano hai comprato). Oppure un momento altissimo di una canzone nuovissima dell’ultimissimo campione di “Amici”.

Giusta chiosa, quindi, quella della seconda mano che in rosso romagnolo la finisce cosi’: “Coione”.

Che poi, se cerchi su Google quella roba la’ ti si apre un mondo…

Una colonna sonora che affastella parole in ferrarese stretto e’ quel che ci vuole per chiuderla qua:

 

 

Barney

 

Annunci

7 pensieri su “Filosofia da muro #67 (hat trick: Daniele Vanoncini)

  1. dv8888

    Cercando un po’ mi sa che il testo proviene da “Le Luci Della Centrale Elettrica – Cara Catastrofe” in cui una strofa dice: “… scrivere sui muri che mi pensi raramente”
    Probabilmente tale strofa è stata presa alla lettera 🙂

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...