Filosofia da muro #38 (hat trick: Pendolante)

Oramai questi post si reggono sulle segnalazioni di Pendolante e di altri benevoli delatori sparsi qua e la’ per il mondo.

Stasera ringrazio di nuovo Katia, cui va un plauso per lo scatto, e ancor prima per avere avuto l’idea dello scatto, e presento l’opera: splendida nello stridente contrasto tra la scritta (impreziosita pure da un murales un po’ naif-manga, ma assolutamente niente male nel suo complesso) che promette amore eterno, e la precaria situazione strutturale del muro che la sostiene.

Ecco qua:

Life is a song

Ora dovrei rovinare tutto con una qualsiasi canzone tirata fuori dall’ultimo Festival di Sanremo, o da una puntata a caso di Amici o X-Factor. Ma non me la sento, quindi vi propongo Mr. Smith e i suoi Cure per l’ennesima volta. Questa, ovviamente, non puo’ che essere “Lovesong”:

 

Barney

 

Annunci

10 pensieri su “Filosofia da muro #38 (hat trick: Pendolante)

  1. blogdibarbara

    Ma io non ci vedo mica contrasto: un amore durato dalla salita a bordo all’affondamento del Titanic è stato un amore eterno nel senso più letterale del termine. Poi nota la cauta progressione: in questo momento… ancora per molto (“penso”!)… per sempre. C’è proprio tutta la saggezza dell’universo, lì dentro.

    Mi piace

    Rispondi
    1. Barney Panofsky Autore articolo

      E’ il muro che mi preoccupa, piu’ che la giovine coppia. Perche’ -citando i cani- “anche se non fosse amore non per questo è da buttare, com’è logico che sia”. Per il muro mi pare ci siano meno speranze, ecco.

      Mi piace

      Rispondi
      1. blogdibarbara

        E tu stai attento a non mettertici sotto, e che diamine. Che poi non so, c’è stato uno, per dire, innamorato degli ebrei e di Israele, che un po’ di mesi fa ha scoperto che Beppe Grillo è antisemita e gli è crollato il mondo addosso, e tu stai a fare tante storie perché potrebbe crollarti addosso un muro, sei di un egocentrismo, guarda, che non so come faccio a frequentarti ancora.

        Mi piace

      2. blogdibarbara

        Dunque, la storia è questa. Questo tizio, oltre a commentare nel mio blog, che amava soprattutto per la mia posizione nei confronti di ebraismo e Israele, un giorno sì e uno no mi scriveva privatamente per dirmi cose tipo sei fantastica, sei un mito, sei il mio mito, la prima volta che vieni a Padova preparati che ti devo abbracciare per almeno un quarto d’ora di fila. Eccetera. Poi un giorno qualcuno nel mio blog scrive qualcosa di critico nei confronti di Grillo e grillini, io rispondo rincarando la dose e allora il tizio scrive: vorrei una presa di posizione chiara da parte della gestione di questo blog nei confronti di Beppe Grillo per sapere se lo devo frequentare ancora o no, perché non sono disposto a leggere critiche all’uomo che ha salvato il parlamento italiano dal cadere in mano ai nazisti tipo alba dorata (tranquillo: non mi sono mai sognata di pensare che i filoisraeliani debbano necessariamente essere intelligenti). Io chiarisco la mia posizione nei confronti di Grillo e lui cancella l’iscrizione al mio blog e scompare nel nulla. Passa un bel po’ di tempo e un giorno mi scrive disperato, stravolto, sconvolto: ha scoperto che Grillo è antisemita. Ha pianto per tre giorni di fila. E’ distrutto. Il suo mondo è crollato. Per un momento aveva addirittura meditato il suicidio. Poi passa dell’altro tempo, un giorno si trova a parlare con un grillino e trova che quello non è antisemita, riconosce anche, almeno in parte, le ragioni di Israele, insomma, forse non sono tutti persi e allora comincia a mobilitarsi con grande entusiasmo, mi chiede contatti a Padova per organizzare serate, per informare, per recuperare almeno quelli a metà strada… Fino al triste giorno in cui ha scoperto che io non solo mangio carne e non mi ritengo un’assassina, ma sono addirittura convinta che mangiare carne sia un diritto degli umani. E quella è stata la fine: dopo avermi coperta di insulti e contumelie e tonnellate di disprezzo, è scomparso per sempre.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...