Michel Platini

No, il titolo e’ fuorviante. E’ solo che stamani in ottanta chilometri di autoroute francese, verso Orly, avevamo la radio accesa su un canale all news. E l’unica notizia che in un’ora e venti e’ passata a nastro riguardava lui. Pare che abbia perso l’appello e che rimanga sospeso per un po’ da non so quale carica UEFA o FIFA (o NASA).

La cosa buffa e’ che tutte le volte che e’ stato nominato (una media di almeno una ogni tre minuti, ma con punte di sette o otto al minuto) chiunque fosse a parlare lo chiamava Michel Platini. Nome e cognome, sempre.

Non credo ci siano tanti Platini famosi in Francia. Non mi risulta un Gaston Platini, una Fleur Platini, un TizioCaio Platini.

E allora perche’ sempre “nomeccognome”?

L’unica risposta sensata che m’e’ venuta mente e’ che per i francesi dire solo “Platini” e’ cacofonico. “Michel Platini” gli suona piu’ musicale.

Di sicuro quel canale (mi pare si chiami “Info”, sara’ una roba tipo IsoRadio) ha l’abitudine di martellare i maroni dei radioascoltatori con la solita notizia  mandata avanti a manovella per ore e ore. All’andata, grazie a ingorghi vari, il viaggio ha sfondato le due ore, e la radio s’e’ premurata di sfrangerci i testicoli con il nome del terzo kamikaze del Bataclan. Senza soluzione di continuita’. Ogni tanto la cosa si inframmezzava con previsioni e servizi sul secondo turno delle regionali di domenica, ma davvero poca roba: il terzo kamikaze (avevo anche imparato il nome,  ovviamente l’ho scordato, ma Google mi da una mano) imperava e riempiva l’etere.

Mah, ho quasi rivalutato il livello del nostro giornalismo, questa settimana…

 

 

Barney

Annunci

4 pensieri su “Michel Platini

  1. Gintoki

    Se ci pensi però lo facciamo spesso anche noi italiani: utilizziamo nome e cognome laddove ci sembra più musicale.
    “Matteorenzi”, laddove il semplice “renzi” mi sembra poco utilizzato, per dire.

    Mi piace

    Rispondi
  2. blogdibarbara

    Io la differenza la vedo con le donne: noi diciamo regolarmente la Bonino, la Mussolini, la Camusso, all’estero sono decisamente più rispettosi e dicono per esempio (cito quella che era il primo ministro in carica quando ero a Parigi ) madame Cresson, o Mrs. Thatcher, però poi anche mr. Berlusconi (mister Grillo però mi suonerebbe abbastanza grottesco)

    Mi piace

    Rispondi
  3. cartaresistente

    Anch’io la penso come Gintoki, anche noi abbiamo personaggi che diventano più famosi con nome e cognome, come fossero dei marchi. Certo ripeterlo così ossessivamente… Evidentemente poi la notizia ha toccato particolarmente l’opinione pubblica francese.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...