Dall’alto

[Per colleghi pedanti e precisini: il linguaggio usato in questo post NON E’ scientifico, si fa per divulgare]

Una delle cose piu’ interessanti della conferenza cui ho partecipato in questi giorni e’ stata la presentazione di uno dei capi di Urthecast, che sarebbe un’azienda americana che fa una sola cosa: fornitura di immagini dalla Stazione Spaziale (ISS) attraverso loro telecamere, e rielaborazione di immagini da altri satelliti. La ISS, per chi non lo sapesse, orbita a circa 400 km di altezza, passando ogni tanto anche  sopra ciascuno di noi.

La ganzata e’ che dalla ISS quelli di Urthecast riprendono video HR, se andate sul loro sito c’e’ sempre il live streaming (se vedete nero, vuol dire che la ISS e’ nell’emisfero notturno).

Le cose che si vedono da lassu’ con un satellite sono impressionanti per qualita’ e risoluzione (e ricordiamoci che stiamo parlando di dati disponibili per i civili, la risoluzione tipica e’ di un metro a terra -un pixel= 1 metro-, ma i satelliti militari, che girano anche piu’ in basso della ISS fanno molto meglio).

Alcuni esempi per giustificare il mio entusiasmo.

  • Il sito di Palmira, ripreso prima e subito dopo lo scempio dei talebani dell’ISIS e’ qua.
  • Londra ripresa da IRIS, la loro telecamera ad alta risoluzione sulla ISS. Notate le auto, le barche, la ruota panoramica che si inclina allo spostamento del satellite (cioe’: si muove la camera non la ruota :-))…
  • La Mecca, e qua fa quasi male agli occhi il grattacielo che ti spunta dalla destra e che sembra voglia uscire dallo schermo mentre la ISS continua la sua orbita.
  • Barcellona, zona Montjuic. Auto, palazzi, lo stadio…

C’e’ di tutto. Ovviamente, quello che vedete e’ il loro biglietto da visita; per il resto c’e’ da pagare. Ma e’ giusto cosi’, il loro lavoro e’ quello e come uno si abbona a Sky, si puo’ anche rivolgere a questi simpatici americani e farsi fare studi prima/dopo, analisi dello stato della vegetazione, controllo delle rotte migratorie… Un casino di cose che interessano poca gente per adesso, ma che in futuro saranno il pane di tutti (non vi dico i progetti mondiali per le costellazioni di satelliti in orbita bassa -da 500 a 1000 km-, perche’ non credereste mai che si parla di MIGLIAIA di satelliti per i prossimi cinque o sei anni… Pero’ continuate che alla fine mi tocca parlarne 🙂 ).

Questa roba ha un enorme impatto anche in ambito miltare e di sicurezza, chiaramente. Le risoluzioni li’ sono dell’ordine delle decine di centimetri, non ancora in grado di riconoscere la targa di una macchina, ma il modello certamente si.

Ora, una roba del genere potrebbe (ed e’) essere utilizzata proficuamente per operazioni di guerra e di antiterrorismo. Il problema attuale e’ che le splendide cose che avete visto cliccando sui link sopra sono video “non a richiesta”, nel senso che Urthecast non sceglie giorno e ora per le riprese, ma deve affidarsi all’orbita della ISS per ottenere il filmato. Un satellite, per dirla semplicemente (e la ISS e’ un satellite) gira su un’orbita a una velocita’ diversa da quella di rotazione della Terra, a meno che non sia sull’orbita geostazionaria (36.000 km circa). Li’ pero’ ci stanno i satelliti per le telecomunicazioni (Sky, perlappunto) in modo che le loro antenne sparino il segnale SEMPRE nello stesso punto. Ma da 36.000 chilometri, anche con il miglior telescopio, vedi poco e male.

Piu’ in basso, dove stanno quasi tutti gli altri satelliti, la velocita’ orbitale e’ maggiore di quella di rotazione terrestre, e piu’ si scende piu’ il nostro satellite artificiale deve “andare veloce”, altrimenti semplicemente non puo’ stare in quell’orbita. Quindi, passera’ per un punto x a terra ogni tanto, e ci stara’ solo pochi minuti.

Pero’, se avessimo tanti satelliti che girano su orbite differenti ma alla stessa distanza dalla Terra, avremmo la possibilita’ di vedere un punto a scelta in modo quasi continuo, semplicemente “cambiando satellite che guarda” quando uno e’ troppo lontano dal punto che ci interessa.

Questa e’ una delle costellazioni previste per i prossimi anni, e’ per telecomunicazioni in orbita bassa, ma il concetto e’ applicabile anche a una flotta di satelliti ottici:

oneweb

Ganzo, no?

Anche un po’ inquietante, perche’ questa roba (e questa, ripeto, e’ UNA delle tre o quattro costellazioni che si faranno) apre scenari che il Grande Fratello gli fa una pippa; ma sara’ il futuro prossimo, sappiatelo.

E forse ci aiutera’ anche ad essere un po’ piu’ sicuri dagli attacchi terroristici…

 

 

Barney

Annunci

12 pensieri su “Dall’alto

  1. ijk_ijk

    A livello di indagine sarà possibile ricostruire il percorso di un’auto dalla sua messa in strada alla rottamazione., senza parlare dei dati raccoglibili a terra dai varchi stradali alle telecamere varie. Se po l’auto ha anche un’antifurto satellitare tracciarla diventa banale.

    Mi piace

    Rispondi
    1. Barney Panofsky Autore articolo

      Si, qua siamo al “gia’ fattibile ora”. Tra poco, con la combo “piccoli satelliti-orbita bassa” si potra’ davvero inventare una serie di servizi utilissimi, oltre che tracciare con una estrema precisione navi (i barconi degli immigrati, per esempio), truppe e altro. E se poi si passa ai radar ad apertura sintetica, e agli altri spettri non visibili… Auguri.

      Mi piace

      Rispondi
  2. CimPy

    gli ultimi due link (Mecca e Barcellona) puntano a vimeo e mi danno “Forbidden”.
    Erano forse parte di questi?

    http://gallery.urthecast.com/mecca-before-and-after-its-tragic-crane-collapse

    http://gallery.urthecast.com/barcelona-spain

    Notevole, comunque – e sì, un domani avremo (o fose lo avranno i nostri figli) un Grande Fratello che, a richiesta, saprà dire dove saremo andati a fare la spesa anche se avremo il cellulare spento o fuori campo, ma riusciremo a conviverci anche perché dubito che avremo molta scelta (dalla nostra resterà solo il fatto di essere, almeno in maggioranza, poco interessanti per analisi di dettaglio)

    Liked by 1 persona

    Rispondi
  3. blogdibarbara

    Mi sa che gli emiri della Mecca ci perderanno il sonno, loro che sull’autostrada hanno messo due cartelli, “muslim only” per il tratto che prosegue fino alla Mecca e “non muslim” sulla deviazione che se ne allontana: adesso che se non i nostri piedi infedeli ci possiamo mettere almeno i nostri occhi infedeli, come la mettiamo?
    PS: bello.
    PPS: a CimPy l’hanno vietato perché è un gattaccio cattivo e antipatico.

    Mi piace

    Rispondi
    1. Barney Panofsky Autore articolo

      Mah, direi molto vario :-), bello non saprei. Sono un umile commerciale aerospaziale, con nicchia di prodotto ristretta e una delle cose belle è che ormai ci conosciamo tutti, ci troviamo in giro in posti improbabili a seguire questi circhi Barnum di conferenze e fiere di settore… Alla fine siamo più amici che concorrenti 🙂

      Liked by 1 persona

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...