Filosofia da muro #26: l’EXPO e Milano Porta Garibaldi

Dell’EXPO non so cosa dire, se non che e’ una puttanata mostruosa, un circo Barnum pieno di gGente che si puppa file disumane per fare non ho capito bene cosa (“visitare i padiglioni”, sembra. Noto una certa assonanza con “stritolare i coglioni”, ma deve essere che ho l’orecchio musicale… Pero’ mi pare d’aver capito che c’e’ anche una specie di tessera-fedelta’, e che ad ogni padiglione visitato ti puoi far mettere un timbro. Non so se alla fine vinci qualcosa, ma francamente m’importanasega).

Ho fotografato queste scritte al padiglione austriaco, chi era con me c’era gia’ stato mi pare due volte e ha detto che all’inizio non c’erano scritte su quegli enormi dischi di ferro. Meno male c’erano ieri, cosi’ ho giustificato il post:

IMAGE00556La folla oceanica vagava senza meta apparente, la gGente parlava di “cardo” e “decumano” come se sapesse il significato delle due parole e avesse sempre abitato in citta’ in cui si parla latino classico, ogni cesso faceva somigliare uno stallino per maiali ad una reggia, le navette di collegamento potevano competere con scatole di sardine da quanta gente contenevano… Un immenso bordello, insomma, con una incredibile quantita’ di scolaresche in gita che m’ha fatto subito venire in mente come cazzo faranno gli insegnanti a ritrovare tutti i figlioli a fine giornata. E una quantita’ di specchi per farsi i selfie, quasi mi dimenticavo della cosa piu’ importante per la gGente: dimostrare all’universo mondo dei social media che tu ci sei stato, sei te quello ripreso -sorriso da scemo, zainetto sulle spalle, odore di giungla che s’avverte anche dal dagherrotipo elettronico- nello stand della Guadalupa.

Sul treNo(rd) che mi riporta in stazione siedo accanto a un gruppo di mature signore meneghine, che si raccontano della loro quinta volta all’EXPO, di come stavolta siano state al padiglione dell’Azerbaigian e non han fatto le sette ore di fila per il giapponese. Poi fanno i conti di come quella volta (una delle cinque) han fatto quasi dieci ore di coda e visitato ben due padiglioni. Infine le carampane si mettono a parlare di cinema, e decidono che gli unici due film da vedere per la prossima stagione sono “Woman in gold” e “Marguerite“. So cosa non andro’ a vedere io, alla mia fermata le saluto e mentalmente ringrazio per la dritta.

Arrivato a Porta Garibaldi ho rivisto la luce. Mi sa che i murales del sottopassaggio li ho gia’ fatti vedere, se e’ cosi’ ho sicuramente messo questa foto qua che mi piace assai:

IMAGE00585E’ meglio di tutto quel che ho visto a EXPO.

A parte, forse, la mostra minimalista di Fabrice Gygi, artista svizzero contemporaneo che ha cercato di far pensare la gGente con la sua installazione (due sculture allestite in uno stand volutamente in dismissione) e il catalogo che ci e’ stato gentilmente regalato: un quaderno con fogli bianchi, sopra ogni foglio un quadrato vuoto -simbolo dell’imperfezione per Gygi- da riempire a piacere.

Poteva sicuramente andare peggio. Ma non ha piovuto…

Il commento musicale lo affido -per contrappasso rispetto all’odio da me sparso a piene mani qua sopra- ai B.R.M.C.:

Barney

Annunci

7 pensieri su “Filosofia da muro #26: l’EXPO e Milano Porta Garibaldi

  1. Ul Magnàn

    Onestamente mi sento un privilegiato a non averci messo piede. Lo potrò raccontare ai nipotini! Nonno non è stato a EXPO 2015!
    Ho raccolto raccconti e impressioni da amici e colleghi che vi ci sono recati. E’ indubbiamente un miracolo tutto italiano. Come hanno fatto a rendere un costoso semi-inferno in un place-to-be?
    Quasi 40 euro di ticket (lasciamo da parte coloro che l’hanno preso coi punti del bennetz o altri canali paraculici) per infilarsi in una avventura fatta di fatica, code, sudate e vedere alla fine un bel cazzone della vita pieno di lampadine? Come hanno fatto a piegare l’ita(g)liano medio(notoriamente intollerante e incazzuso a farsi 15 miniuti di coda alla cassa del super o allo sprtello delle poste) a subire attese di ore in fila come pecore in attesa della tosatura? E sottoporlo a prezzi fuori dall’ascia per mangiarsi un merdoso spuntino?
    Io sospetto che nell’acqua delle fontanelle abbiano aggiunto del bromuro o qualche altro tipo di tranquilante.
    P.S. Il figlio mi ha confessato come, durante la visita scolastica, riuscivano a mangiare aggratis.
    In parecchie rivendite di cibo gli addetti erano talmente rincoglioniti che si poteva ordinare N volte la consumazione con lo stesso scontrino. Un po’ di giustizia finalmente!

    Mi piace

    Rispondi
  2. ijk_ijk

    Questa cosa dell’expo è il mistero piu mistero dell’anno. I colleghi si interrogano l’un l’altro per sapere quando e come andarci se non ci sono gia stati. L’ipotesi di non andarci non è contemplata a meno di non passare nella categoria dei mentecatti a cui appartengo. Faccio mio il sentimento di Ul Magnan e detto cio’ e letto quanto sopra, la domanda è: ma tu, Barne(si è rotta la ipsilon!!) perchè ci sei andato?? Scommessa persa? Ricattato da ISIS? Sei andato a spacciare coca? Perchè??

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...