La fuffa brevettata non e’ meno fuffa della fuffa liscia

Ieri e’ stato finalmente svelato il brevetto che e’ stato applicato al fantasmagorico E-Cat, l’aggeggio che secondo i Monaci Diacci Marmati degli Ultimi Giorni dimostra mandatoriamente (non vi preoccupate, chi ha da capire capisce…) che la fusione fredda esiste, Andrea Rossi e’ il suo profeta, e tutti gli scettici del mondo dovranno inchinarsi al nuovo fuoco che scaldera’ le nostre vite non da oggi, non da domani, ma di sicuro vedrai dopodomani esce sul mercato.

Un mesetto fa era stato “pubblicato” il reportindipendente” “di terze parti” che avrebbe dovuto provare mandatoriamente che l’E-Cat funziona. Potete aggiungere “col cazzo” ad ogni frase tra virgolette, per ottenere il giusto significato delle affermazioni secondo l’omino del mio cervello: un report scientifico non si pubblica su un sito-blog, se e’ indipendente l’inventore non si avvicina neanche al setup sperimentale (figuriamoci se ci puo’ mettere le mani sopra), e per essere terza parte rispetto all’inventore stesso devi almeno NON avere partecipato all’altro inutile test che si e’ dimostrato fuffa. “Col cazzo”, quindi, che il report e’ pubblicato, indipendente e di terze parti.

Ma andiamo avanti: oggi c’e’ il brevetto da analizzare, del #thirdpartyreport #cimportanasega.

Perche’ secondo i Monaci Diacci Marmati, se brevetti qualcosa, allora quella cosa e’ sicuramente funzionante.

Evito di andare sul tecnico, perche’ molti piu’ preparati di me hanno gia’ evidenziato dove il report fa acqua e dimostra proprio il non funzionamento dell’accrocchio, e mi concentro in queste ultime cinquanta righe (meno, meno… tranquilli!) sul brevetto e sul perche’ esso puo’ invece essere la prova che Rossi sta producendo fuffa a getto continuo.

Qualcuno dei miei due lettori si ricordera’ della storia del Quadro Tracker. Chi non l’ha mai sentita non ci credera, ma e’ tutto vero. Oggi il Quadro Tracker NON si puo’ piu’ vendere negli USA, perche’ e’ stato dimostrato che l’aggeggio e’ un pezzo di plastica con una antenna di rame collegata al nulla e -ovviamente- non alimentata. Sandia (come dire uno dei laboratori di fisica migliori al mondo) ha dimostrato che tra il Quadro Tracker e una bacchetta da rabdomante non c’e’ alcuna differenza, e gli stessi risultati si ottengono anche tenendo in mano un topo morto. Caso chiuso, almeno negli USA.

Ma…

Esiste un’altra azienda che invece e’ ancora sul mercato, e vende aggeggi dichiarando che con questi si scoprono persone vive a 500 metri di distanza. Funzionano anche sotto le macerie, secondo l’azienda, e si basano su tecnologie coperte da otto brevetti differenti. Bene: anche qui prove veramente terze (ancora i Sandia National Laboratories!) hanno dimostrato che il LifeSaver non funziona (meglio usare un cane, se si cercano superstiti sotto le macerie), eppure anche oggi negli USA si possono comperare questi aggeggi, a caro prezzo. Come direbbe Rossi, il mercato ha scelto, e ha scelto la fuffa.

Perche’?

Perche’ sopra quegli accrocchi immondi ci sono otto brevetti, e le persone si fidano dei brevetti anche se essi sono assegnati per cose del tutto inutili e non funzionanti. Pero’, cazzo! Otto brevetti, mica li danno a caso, no? Deve funzionare!

Ecco, vi sconvolgera’ sapere che no: non bastano i brevetti per far si che una invenzione fantasmagorica funzioni. Come non basta dire che esistono i draghi rosa a pallini blu per dimostrare che esistono i draghi. Con o senza pallini blu, ovviamente.

Leggetevi questo illuminante articoletto sui brevetti assegnati a quelle che si chiamano inoperable inventions, e alla fine capirete perche’ m’e’ venuto in mente proprio lui leggendo l’ennesima fuffa al cubo tirata fuori per “spiegare” (nella diciottesima maniera differente, peraltro) il “funzionamento” dell’E-Cat.

Ve lo dico io perche’ funziona, se funziona: e’ magia!

Barney

Annunci

12 pensieri su “La fuffa brevettata non e’ meno fuffa della fuffa liscia

  1. gigio

    >Andrea Rossi e’ il suo profeta
    Sbagliato. Il profeta, che ha avuto il maggior merito nel diffondere per il web la fuffa Rossiana nei ruggenti ’11 è un blogger di gran successo con pochi capelli che vive a Perugia
    Rossi è l’essere supremo che i monaci diacci … adorano e sleccazzano nella speranza di beccarsi una cadaietta a NiH omaggio per l’inverno ’14/’15

    Mi piace

    Rispondi
  2. CimPy

    “Come direbbe Rossi, il mercato ha scelto, e ha scelto la fuffa”

    My two cents (che devo portare a casa la pagnotta, eh?!) sul perché:

    Perché il mercato di cosa funziona realmente se ne sbatte: il mercato premia solo quello che si vende e i sogni si vendono che è un piacere per tutti, almeno finché uno non si sveglia col portafoglio vuoto.

    Si vende la Barbie? Si vende meglio se si fa vedere che balla e si muove da sola? E allora la si fa vedere che balla e si muove da sola. ‘Azzi del bambino che ci ha creduto se invece poi ci vogliono anche le manine

    (…e mi mancano ancora più di 200 interventi per raggiungere la quota di oggi…Ah, che vita grama quella dello scettico a pagamento!)

    Mi piace

    Rispondi
  3. Pingback: Tre gradazioni di serio – Ocasapiens - Blog - Repubblica.it

    1. CimPy

      Certo, eppoi non sarebbe nemmeno giusto. “Giusto” è, tanto per dire, smentire l’ingannevole, fermare l’imbroglione e arrestare la frode. Anche sanzionare il parcheggio in seconda fila pare inutile, petò resta giusto lo stesso – figurati il passare col rosso, con una targa finta e il veicolo truccato…

      Mi piace

      Rispondi
      1. dmitri

        Non ho auspicato il non rispetto delle leggi, sostengo invece che, dove le cose sono legali, le teste devono funzionare altrimenti si finisce per proibire la vendita di corde e sapone perché c’è chi si impicca.
        La maggior parte dei prodotti in commercio sono inutili o comunque non sono conformi alle dichiarazioni dei produttori-venditori-pubblicitari, partendo dalle creme che fanno diventare madre e figlia coetanee per arrivare agli yogurt che curano dalla stipsi al colesterolo.

        Mi piace

      2. Barney Panofsky Autore articolo

        Il problema e’ che mi pare vi sia un generale arrendersi al non pensiero, e un abbracciare idee (non solo sul mercato, ma pure per esempio in politica) gia’ predigerite da altri. Non vorrei essere troppo pessimista, ma “1984” mi sembra vicinissimo. E ogni giorno gli strumenti per pensare con la propria testa vengono eliminati.

        Mi piace

  4. Barney Panofsky Autore articolo

    Visto, visto. La fede scorre forte nelle loro vene. Il Sacerdote dei Monaci mi ha segato un commento in cui replicavo alla sua “battuta” (ha un senso dell’umorismo inferiore a quello che ha un tombino di ghisa, BTW) sulla prestidigitazione come possibile spiegazione ai risultati dell’ennesimo fuffa report. Ma va bene cosi’: se la cantino e se la ballino tra di loro, che se il tubo Tuck^W l’E-Cat non e’ in commercio, e’ solo colpa delle kattive multinazionali del petrolio/dei militari/dei rettiliani.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...