La precisione geometrica della perturbazione polare

Stamani il cielo a est, visto dalla stazione, si presentava cosi’:

IMAGE00462Non siete sul blog di Cartier Bresson (che tra l’altro e’ pure morto…), quindi non avrete mai qua sopra opere d’arte. Almeno, non opere d’arte fatte da me.

Pero’ la linearita’ della situazione mi ha colpito, e ho cercato di fermarla sul ccd del mio ciottorofonino cinese.

La cosa ganza sono le nuvole, la’ in fondo: finiscono nette esattamente al livello della traversa reggicavi, quasi fossero state tagliate col coltello dalla mano di un gigante. Credo che la cosa sia dovuta a flussi di aria fredda che scorrevano sopra l’aria umida e calda piu’ in basso… ma qualsiasi sia stato il motivo a me e’ piaciuto il risultato di insieme, l’idea delle linee di cavi e pali, le parallele convergenti dei binari e in mezzo, un po’ nascosto dal resto, il Sole che nasce.

Ve lo dicevo, che a me piace di piu’ l’autunno.

Barney

Annunci

6 pensieri su “La precisione geometrica della perturbazione polare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...