Complementarieta’

Questo pezzo di Fabio Scacciavillani e’ perfetto complemento al mio delirio di ieri. Leggetelo, e’ lungo ma chiaro, pieno di cose semplici e di proposte chiare. Non di “aboliamo l’articolo 18”, o di “facciamo adottare un bambino alle coppie gay”.

Il fatto che persone del genere non lavorino in Italia e abbiano una probabilita’ pari a zero di incidere sul dibattito politico nazionale e’ ulteriore prova dello stato di coma profondo cui versa il nostro paese.

Barney

Annunci

5 pensieri su “Complementarieta’

  1. Theodore

    Sono misure insufficienti.
    E si vede che vuol piegarsi alla speculazione (se non sta facendo proprio SEO writing a favore degli speculatori) quando parla, da finto ingenuo, di distribuire azioni alla gggente (la quale se le venderà per pagare le bollette, o mi volete dire che volete favorire i neolaureati/dottori in Economia e Commercio? LOL) dopo aver venduto quelle quattro aziende a controllo statale. O quando non parla per nulla di un commercio e di un’industria che vivacchia come artigianato grosso, spesso colluso colle mafie e con le ka$te. Per “cambiare verso” serve più Stato, e se in apparenza sembra paradossale, sono pur d’accordo che bisogna licenziare a tutto spiano negli enti locali e sostituire i front-office dove possibile con l’IT… Dove non sono d’accordo è parlare di tagliare ciò che lo Stato usa per proteggersi, che siano asset, organi militari o la Banca d’Italia. Se si vuol togliere tutto, va perlomeno rafforzato il raggio d’azione come organo di sorveglianza finanziario. E vanno create autorità o enti che facciano rientrare in Italia tramite formazione e bandi almeno una parte degli smisurati fondi europei che “stanno lì e li toccano solo i fancazzisti”.

    Mi piace

    Rispondi
    1. Barney Panofsky Autore articolo

      E’ chiaro che non e’ tutto oro colato, ma c’e’ parecchio di buono, e’ un inizio che a mio modestissimo avviso va via agile alle stronzate renziste piene di aria fritta e basta.
      Sono d’accordo con te sullo statalismo aziendale (ossia produttivo), e totalmente d’accordo sulla questione dei fondi europei. E’ il meccanismo perverso che ne regola l’erogazione che ne indirizza la maggioranza verso truffatori e banditi senza scrupoli (non so come chiamare gente che RUBA soldi pubblici senza fare un cazzo di quello che doveva fare). Le piccole imprese non strutturate sono spaventate dai meccanismi complessi di destinazione e rendicontazione e lasciano spessissimo stare. Chi ha pelo sullo stomaco ci sguazza e ci guadagna…

      Mi piace

      Rispondi
    2. Barney Panofsky Autore articolo

      Aggiungo che il pezzo merita un giudizio positivo non fosse che perche’ suggerisce una delle cose che ero arrivato a pensare indispensabili pure io: passare immediatamente -e FOTTENDOSENE delle proteste- tutte le pensioni retributive a contributive. Saranno rimaste in poche (non ci credo), ma non vedo una ragione una per mantenere questo status. E ripeto: e’ una delle cose positive che Scacciavillani propone.

      Mi piace

      Rispondi
  2. amleta

    un coma così profondo non c’è mai stato in nessun altro paese al mondo credo. Insomma, una specie di incantesimo fatto da uno stregone o cosa? perchè non si spiega la letargia perenne di questo paese.
    Ti mando un saluto. ti ho trovato per caso. mi piace il tuo blog 🙂

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...