Una sveltina (mentre lui e’ via)

Il titolo del post e’ la traduzione fedele (mai aggettivo fu piu’ indicato…) del titolo del brano che rappresentera’ il contenuto del post stesso: A quick one (while he is away). La band e’ la piu’ grande rock and roll band della storia della musica, i Who.

La canzone e’ in realta’ una specie di mini-opera rock che cambia tempo e ritmo cinque o sei volte, e racconta quel che dice il titolo: una donna aspetta il fidanzato che pero’ non torna il giorno dovuto e allora lei cede alle lusinghe di Ivor, un -per dirla alla Guccini- macchinista ferroviere.  Al suo ritorno il marito, dopo avere accolto il racconto lacrimoso della moglie fedifraga, perdona la donna… e vissero tutti felici e contenti.

Non sto a smenarla troppo: “A quick one” e’ un grandioso esempio di come si suona e si canta se si vuole essere una band che fa la storia. Tutti gli strumenti (compresa la voce di Roger) sono accordati e riconoscibili ad occhi chiusi: il pezzo non sarebbe lo stesso se il basso non avesse il suo spazio, e la batteria non fosse quel muro sonico che e’, e se alla chitarra ci fosse uno piu’ tecnico ma meno vitale di Townshend.

Ecco il pezzo (i primi cinque minuti sono di spiegone, la musica inizia dopo):

 

 

Barney

Annunci

6 pensieri su “Una sveltina (mentre lui e’ via)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...