Mad World (but good cover)

L’altra sera sono andato a vedere “Donnie Darko” al circolino del cinema della mia citta’. Il film e’ sicuramente da vedere ma non ne parlero’ qua, perche’ vorrei presentare un solo brano della splendida colonna sonora, quasi tutta rock-pop anni ’80 del secolo scorso. Si va da “The Killing Moon” di Echo and the Bunnymen a “Love will tear us apart” dei Joy Division, a “Under the Milky Way” dei Church, a “Proud to be Loud” dei Pantera (ma accreditati come una band fittizia. Il brano e’ quello della festa di Halloween a casa di Donnie).

Le musiche originali furono scritte da un certo Michael Andrews, un -leggo da wikipedia- musicista californiano che aveva suonato in diverse band prima di intraprendere la strada di compositore di colonne sonore per serie tv e film.

(Andrews e’ famoso solo per la colonna sonora di “Donnie Darko”, non vi scervellate a cercare altro di lui…)

Tra i gruppi in cui aveva suonato c’erano i “The Origin”, in cui cantava un tal Gary Jules.

(…e i The Origin non credo siano famosi per altro se non l’avere ospitato al loro interno Jules e Andrews)

Bene: come e’, come non e’ il film -a bassissimo budget- ha un discreto successo al cinema e diventa poi negli anni un vero e proprio cult movie. Parallelamente (anzi, probabilmente con maggiore velocita’) acquista notorieta’ la bella colonna sonora che oltre ai pezzi sopra ricordati contiene una cover d’un brano del 1983 dei “Tears for Fears“. Non esattamente la mia band a quei tempi (dire “mi facevano schifo” e’ un eufemismo), e il brano in questione e’ esemplificativo della loro produzione. Eccolo nella versione originale:

Questo e’ il video piu’ visualizzato di questa canzone, e conta ad oggi poco piu’ di 2.800.000 visitatori.

Andrews prende il brano, lo riarrangia e lo propone al suo vecchio amico Gary Jules. Il risultato e’ semplicemente un’altra canzone, a mio modestissimo avviso molto migliore dell’originale. Eccola nella versione “video ufficiale”, che totalizza ad oggi 61.110.00 visualizzazioni. Avete letto bene: sessantun milioni contro i meno di tre dell’originale…

Tra l’altro il tono e’ tagliato esattamente addosso al film, e il video e’ molto bello.

Tutto qua: a volte una cover non e’ soltanto una copia brutale di un brano, ma qualcosa di piu’, come l’Halleluyah” di Jeff Buckley, o l’ultimo bacio dei Pearl Jam

 

Barney

Annunci

7 pensieri su “Mad World (but good cover)

    1. Barney Panofsky Autore articolo

      Il film ha il pregio di non essere scontato, e di finire non benissimo.
      Mi son rifiutato di andare a vedere S. Darko, il sequel girato nel 2009; ho visto il trailer l’altra sera e mi pare una roba inqualificabile tra la spazzatura e il tentativo di rapina a mano disarmata. Per la cover non posso che concordare 🙂 Ciao, B.

      Mi piace

      Rispondi
  1. Man from Mars

    Pensa te che il film mi aveva talmente lasciato “perplesso” (ed è un fortissimo eufemismo…) che non avevo assolutamente fatto caso alla colonna sonora. Notevoli tutti i pezzi, (forse) i Pantera su tutti – sono un rockettaro!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...