A grandissima richiesta: neutroni innocui e gamma termalizzati!

Pare che ieri il circo in autosostentamento dei Monaci Diacci Marmati degli Ultimi Giorni si sia riunito a Roma, per una cerimonia periodica che si chiama “Coherence“. Il rito prevede un collettivo parlarsi addosso, a confermare -tra i vari partecipanti- la bonta’ del proprio vino senza etichetta rispetto al Sassicaia imbottigliato da quei cattivoni di scienziati “regolari”. Il giUoco riesce sempre benissimo (e’ un po’ come fare un dibattito tra voi e la vostra immagine allo specchio, no? Non e’ difficile avere ragione, in questi casi, ne’ ricevere entusiastici consensi e approvazione incondizionata), e si esce dal rito rafforzati nei propri convincimenti e nella propria fede.

Prendo a prestito alcune frasi da un lungo ed entusiastico resoconto che Vincenzo Valenzi ha pubblicato su “Villaggio Globale”(tanto l’ha gia’ fatto il Poeta Fusionista (TM e Copyright Barney-Bolaño 2005-2013) per commentare la giornata.

Valenzi inizia aulico e ispirato con un incipit alla Nicolo’ Carosio, che risulta in certi passaggi forse anche troppo ispirato e aulico:

Con i favori del Cielo in una giornata dell’ottobre romano in controtendenza con il cosiddetto Global Warming, alle spalle del Colosseo, nello splendore di San Pietro in Vincoli dopo una scalinata mozzafiato per la bellezza, in perfetto orario (memori forse del recente meeting in Crimea) al Cirps si è tenuta con Coherence, una giornata di lavori scientifici che possiamo dire storica e che segna la definitiva inversione di tendenza dopo anni, diciamo, «difficili», fatti di incomprensioni e lotte improbabili da comprendere per un mondo accademico che dovrebbe essere tutt’altro che oscuro.

A parte l’ottimismo e la speranza che permea tutto l’articolo e che contraddistingue anche la parte finale dell’attacco, rimango spiazzato dalla “giornata dell’ottobre romano in controtendenza con il cosiddetto Global Warming“. Non vorrei dire stupidaggini, ma ieri 16 ottobre era una splendida giornata, e credo lo sia stata pure a Roma. Il che non mi pare ne’ in controtendenza, ne’ in accordo con quasivoglia teoria, ne’ global warming ne’ piccola o grande glaciazione. Direi, semplicemente, una bella giornata.

Dopo il ricordo del Professor Focardi, recentemente scomparso, la parola e’ passata ad Alberto Carpinteri del Politecnico di Torino. Carpinteri e’ ingegnere strutturista di chiara fama, folgorato sulla via dell’INRIM dalle –presunte– reazioni piezonucleari. L’introduzione di Valenzi alla prolusione di Carpinteri e’ -tanto per cambiare…- di sfrenato ottimismo e pare preludere a dimostrazioni e scoperte in grado di demolire la fisica tradizionale:

“Fortunatamente per qualche pista che rallenta, piste parallele accelerano con inediti e formidabili contributi che vengono da settori vicini come quello del Gruppo torinese del Politecnico di Alberto Carpinteri che in una splendida presentazione ha chiarito in modo inequivocabile la fondatezza dei suoi lavori sul Piezonucleare nella letteratura, nel laboratorio e nella teoria.”

Poi, uno si scarica la presentazione di Carpinteri e la legge:

Carpinteri Coherence 2013

No, attenzione: a parte i quasi sei mega, il .pdf linkato li’ sopra contiene CENTO fottutissime slides. E’ chiaro che Carpinteri non le ha mostrate tutte (non ne avrebbe avuto il tempo), ma inserire negli atti d’un Convegno una presentazione di CENTO strafottute slides e’ per me una bestemmia enorme. Oltre che un affronto al pubblico. E’ una cosa che solo a un Professore Universitario Italiano puo’ venire in mente di fare…

Il titolo del megaslideshow e’ lo specchio del contenuto: la summa theologica delle LENR, dal piezonucleare alla fusione fredda passando per l’evoluzione chimica del nostro pianeta e chissa’ cos’altro.

La prima parte del malloppo di slides si concentra sull’emissione di neutroni da fratture (immagino della crosta terrestre/di rocce) e terremoti. Capisco che le fratture di cui si parla sono quelle causate dai terremoti. Dopo il titolo abbiamo i documenti di riferimento: quattro su cinque sono scritti dallo stesso gruppo di ricercatori russi, il quinto e’ d’un altro gruppo russo. Strano non vi sia nessun altro al mondo che studia questi fenomeni, ma non impossibile.

Andiamo avanti.

La prima slide scientifica parte cosi’: As reported in the literature (e io con l’omino del mio cervello traduciamo: “Come si trova scritto in quei cinque lavori citati prima“)… e poi dichiara che -come si trova in letteratura appunto- un flusso di neutroni per centimetro quadro per secondo mille volte superiore al fondo naturale e’ misurabile in corrispondenza di terremoti con magnitudo superiore al quarto grado Richter. L’articolo di riferimento e’ questo qua, che ha un titolo -come dire?- curioso: “Lunar periodicity of the neutron radiation burst and seismic activity on the Earth”.  Il lavoro riporta un grafico solo, una misura di flusso di neutroni fatta la notte del 21 luglio 1997.

Carpinteri cita anche una serie storica di dati, che mi pare di capire derivano dal Laboratorio di precursori geofisici di Oblast’ Murmansk, penisola di Kola, e questo grafico qua sotto (Copyright Carpinteri 2013):

carpapiezoSi nota una certa correlazione, ma non si sa nulla si quei dati: cosa sono i punti, da quanti valori sono rappresentati, dove sono state fatte le misure…

Immediatamente dopo si passa all’esposizione della nota teoria piezonucleare, e dell’esperimento della frattura per compressione di provini di marmo di Carrara (che non produce nulla) e di granito di Luserna (il campione P3 fa registrare un picco di neutroni in corrispondenza della frattura). Il lavoro e’ stato ampiamente criticato nel recente passato, non mi pare il caso di rivangare ulteriormente la cosa. Mi cito addosso, cosi’ la facciamo breve. Anche perche’ siamo alla slide nove di cento… ma da qua in poi e’ tutta discesa. Si susseguono le citazioni a tutta slide di lavori di Widom, Srivastava e Swain (in varie combinazioni), e si spiega la presenza di molti (se non di tutti) gli elementi naturali con il piezonucleare. Poi si passa a spiegare come l’alluminio derivi dal ferro per fissione (o non era fusione? Mah…), poi c’e’ una mappa della salinita’ del Mediterraneo che -giuro- non capisco cosa voglia dimostrare se non che il nostro mare e’ il piu’ salato del mondo. Ah, ho capito! Il cloruro di sodio del Mediterraneo e’ dovuto ai terremoti che spaccano il nickel in cloro, sodio e un neutrone (E chi s’oo piglia, il neutrone bBello?). E via cosi, allargandosi a Marte e passando, alla slide 47, a disquisire di fusione fredda e insomma, non facciamola lunga:

piezo2Ecco qua su la risposta alla domanda sulla vita, l’universo e tutto quanto. Si noti il fastidiosissimo “giallo su blu”, marchio di fabbrica di molti geni incompresi, wannabe cinture nere di PowerPoint Engineering.

Apprezzabile (sul serio) che tra le possibili applicazioni della teoria piezonucleare la produzione di energia pulita sia seguita da un punto interrogativo.

Da pagina 66 iniziano le appendici, francamente pesanti come il granito che trattano.

Oh, e questo era il primo articolo!

Il resto del convegno ha visto tra le altre le presentazioni di Srivastava e Celani, due habitués di “Coherence“, le immancabili discussioni sulla memoria dell’acqua e le altrettanto immancabili dissertazioni su Mesmer, Reich, l’orgone e l’ORAC. Fuffa, per semplificare al massimo.

E “Fuffa” e’ anche la risposta che mi piacerebbe dare ad un lettore del blog del Poeta Fusionista, che chiede ai Monaci Diacci Marmati:

“Salve a tutti,
c’è qualcuno qui che potrebbe darmi una definizione dell’ “effetto Rossi”?
Quanto più formale è, tanto meglio.”

La chiusura la lascio -tanto per cambiare- ai Virginiana Miller che ci deliziano con un brano del tutto a tema (“la fuffa”), almeno al primo ascolto. Poi, e’ un’altra cosa…

“Qualcuno si ricorda di Uri Geller, la mente che piegava i cucchiaini?”

Barney

Annunci

13 pensieri su “A grandissima richiesta: neutroni innocui e gamma termalizzati!

    1. Barney Panofsky Autore articolo

      Si, certo. Mi convince sempre che e’ tutta fuffa. L’ho anche incontrato, e’ indisponente per come gira le frittate ed evita di rispondere alle domande. O se risponde, spara una serie di numeri casuali non supportati nemmeno dai suoi stessi lavori. Uri Geller gli fa una pippa 😛

      Mi piace

      Rispondi
  1. Pingback: Fermate le rotative – Ocasapiens - Blog - Repubblica.it

  2. Pingback: A grandissima richiesta: neutroni innocui e gam...

  3. dv8888

    ciao,
    ho provato pure io a seguire il “circo” della fusione fredda.
    Mancano fatti, numeri, esperimenti, dati.
    E quando ci si avvicina a qualche cosa in apparenza di interessante diventa tutto sfuggevole.
    Mi metto in posizione di osservatore interessato
    Daniele Vanoncini

    Mi piace

    Rispondi
    1. Barney Panofsky Autore articolo

      Se leggi gli ultimi deliri dal Poeta Fusionista, puoi osservare il modus operandi tipico dei fuffologi: affermazione apodittica 1, cui segue dibattito e sostanziale demolizione degli argomenti a sostengo di 1. Nel frattempo pero’ s’era gia’ passati ad affermare 2, che con 1 ha pochissimi punti in comune, e cosi’ via. La Teoria della Montagna di Merda, insomma, con gente che se va bene ha studiato Scienze Politiche a soloneggiare su fisica quantistica, biologia molecolare e astrodinamica. Un perfetto specchio dell’Italia, dove sapere qualcosa non conta una mazza: l’importante e’ sparare cazzate a coppiole…
      Ciao, B.

      Mi piace

      Rispondi
  4. blogdibarbara

    Assomiglia alla dimostrazione dell’esistenza di Dio dei testimoni di Geova, che funziona così: noi siamo sicuri che Dio esiste perché sta scritto nella Bibbia. Al che tu dici sì va bene, ma chi è che mi garantisce che la Bibbia dica la verità? Come chi te lo garantisce?! La Bibbia l’ha scritta Dio! Come può venirti in mente che Dio racconti balle?!
    PS: una cosa però ancora non mi è chiara: i cerchi nel grano, chi è che li fa? Sono le scie chimiche che passando tra le spighe fanno quel lavoro lì, o sono gli spifferi della fusione fredda che si arricciolano su e poi aspettano il momento giusto come crescere il gran guarda il villano finché non sia maturo per la falce e a quel punto intervengono loro e zac! ci passano in mezzo e lasciano tutti i cerchi? Io non ci dormo la notte, guarda.

    Mi piace

    Rispondi
  5. Pingback: Lenzuola sporche | BarneyPanofsky

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...