what-if xkcd: compilation

Sono rimasto molto indietro con i what-if di Randall, vedo di rimediare con questo post multiplo.

La domanda di questa settimana e’ “Se i datacenter di Google usassero schede perforate, quante ce ne vorrebbero?“. La risposta e’ “uno stonfo e mezzo”, ma come sempre la domanda e la risposta principali danno la stura a una serie di considerazioni laterali di altrettanto interesse. La chiusura, che spiega esattamente come scoprire la posizione dei segretissimi datacenter di Google una volta determinata la citta’, e’ esilarante.

Image

(C) Randall Munroe

 

 

La settimana prima la domanda era “Se salto giu’ da un aereo con un par di serbatoi di elio e un enorme pallone sgonfio, ce la faccio a salvarmi gonfiando con l’elio il pallone?“. La risposta e’ che ce la si puo’ fare a salvarsi, a patto d’avere un pallone grosso e resistente. E di cadere da molto in alto 🙂

Image

(C) Randall Munroe

 

Ancor prima un quesito che mi sarebbe piaciuto aver posto io: “Quanto posso andare forte in auto per prendere a manetta un dissuasore di velocita’ e sopravvivere?“. La laconica risposta iniziale e’ “surprisingly fast”, per scoprire poi che quel che vi ucciderebbe, alla fine, sarebbe la portanza.

Image

(C) Randall Munroe

 

Poi c’e’ stato questo, molto filosofico-fantascientifico-niueig: “Se ci si potesse teletrasportare in un posto a caso sulla superficie terrestre, quali sarebbero le probabilita’ di vedere segni di vita intelligente?“. La risposta, purtroppo, e’ che -pur essendo la Terra coperta per piu’ del 70% da acqua- le probabilita’ di trovare un segno delle attivita’ umane e’ elevatissimo, dovunque. E spesso questo segno si chiama “inquinamento”… Ma anche in mezzo al piu’ sperduto deserto o in mezzo all’oceano meno inquinato, basta alzare gli occhi al cielo, di notte, e osservare il veloce passaggio di innumerevoli satelliti artificiali. Di giorno ci sono le scie chimiche, chiaramente!

Image

(C) Randall Munroe

 

C’e’ stato poi qualcuno che ha domandato “Se avessi una versione stampata di Wikipedia in -diciamo- inglese, quante stampanti ci vorrebbero per mantenerla aggiornata rispetto alle modifiche fatte nella versione online?“, domanda che ha una risposta sorprendentemente stringata:

Image

(C) Randall Munroe

 

Infine, uno dei miei quesiti preferiti sino ad oggi, che parla di razzi, di spazio e di velocita’ orbitale. La domanda e’ stata posta in molti modi, uno e’ questo “Che succederebbe a un satellite che frenasse al suo rientro in atmosfera usando dei retrorazzi come ha fatto la gru volante su Marte? Avrebbe questo satellite ancora la necessita’ di scudi termici?“. La risposta e’ composita ed accurata come puo’ esserlo quella di un ex-ingegnere della NASA, e parte con una informazione che quasi nessuno ha in mente: lo spazio e’ solamente 100 chilometri sopra di noi. Non e’ difficilissimo fare questi 100 chilometri, il difficile (e il costoso in termini di propellente… ) e’ riuscire poi a stare in orbita girando a velocita’ di 8 chilometri al secondo

Image

(C) Randall Munroe

 

 

Barney

 

 

 

 

 

Annunci

4 pensieri su “what-if xkcd: compilation

      1. Man from Mars

        …e talk show, e “tribune politiche”, e pseudoscienza un tanto al chilo. Comunque confesso di provare un po’ di invidia per la creatività di Munroe: avere costantemente buone idee è un gran dono.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...