La Lettera di Lavitola, ovvero “la Luna e il dito” reloaded, pimped&pumped up

I quotidiani oggi sono pieni di estratti, commenti e versioni integrali di una lettera che il fottuto coglione Valter Lavitola, noto per avere partecipato a ennemila truffe a spese di chiunque abbia militato nel centrodestra italiano negli ultimi trent’anni avrebbe scritto a Silvio Berlusconi l’anno scorso, nelle vicinanze temporali del Santo Natale (o Nachele, a scelta. Sono ecumenico…).

La lettera non puo’ essere commentata, a mio modesto avviso. C’ha provato Massimo Gramellini, nel “Buongiorno” di stamani, ma tagliare e ridurre a poche righe le quasi venti pagine di orrori grammaticali, bestialita’ sintattiche, di incredibili richieste da impunito bastardo che non si rende conto d’esser men che merda… Beh, e’ un delitto, e per questo vi metto qua l’originale:

Fa tutto schifo, dal font all’impaginazione al -certamente, non l’ho dimenticato- contenuto: l’elenco dei lavoretti sporchi (Fini incastrato con i documenti dai Caraibi, il governo Prodi fatto cadere comperando i voti di qualche peone, robette cosi’, insomma…), la lista delle compensazioni richieste a Silvio a fronte dei lavoretti summenzionati (assumere tizio, caio, lo Sbuzzagrilli, la moglie… Poi dare 900.000 Euro alla societa’ cinese che ha curato il piano di impresa per il disboscamento dell’appezzamento in Amazzonia -non e’ uno scherzo, c’e’ scritto anche quello-), le istruzioni dettagliate su come citofonare alla moglie… Addirittura il lamento del povero coglione che e’ stato abbandonato dalla “sua fidanzata storica” (ma come, porca maiala? O non eri sposato? Ah, c’avevi anche la ganza… E immagino tu l’avevi perche’ sei cosi’ tenero, profondo, romantico… Si, certo, chiaro. La “fidanzata”… Ok, lasciamo perdere, va’).

Fa cosi’ schifo in tutto che non so se sperare che sia un falso o prenderla per l’ennesima prova di quanto i nostri politici abbiano alacremente scavato, dopo aver raggiunto il fondo. Senza curarsi degli schizzi di fango merda che alzavano.

Ma un giornale tra quelli in edicola oggi non si pone il problema della veridicita’ o meno della lettera. Pare che dia per certo che la missiva sia stata realmente scritta dal Lavitola.

Pero’…

Pero’ fa notare un particolare decisivo, che lascio a futura memoria qua sotto perche’ questa lettura pone l’intera notizia sotto un’altra luce, e dimostra come il colpevole di tutto questo sia Gianfranco Fini (??!!!).

Ecco a voi, signore e signori saldi di stomaco, uno screenshot del Giornale di oggi:

Vi lascio con l’interrogativo che attanaglia Sallusti e i suoi giornalisti: la lettera sara’ stata spedita, oppure no? E se non fosse stata spedita ma l’avesse scritta Lavitola, e tutto quel che c’e’ dentro fosse vero, farebbe qualche differenza? Per il campione della liberta’ di espressione a targhe alterne Mortimer Sallusti pare proprio di si.

Barney

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.