Il paese dei genii, spesso incompresi

Sto parlando dell’Italia, ovviamente.

Dove tutti i Presidenti del Consiglio sono membri onorari del Mensa, tutti i Ministri per l’Economia (e qualche volta anche i reggenti di altri dicasteri) sono premi Nobel in pectore, e ad ogni angolo della piu’ infima strada incontri un inventore che ha appena scoperto la maniera di risolvere uno a caso dei problemi che affliggono l’umanita’ tutta.

Stasera incredibilmente non parlero’ di Rossi e del suo E-Cat (un birroccio a vapore che dovrebbe permettere a tutti di fare concorrenza ad Enel e Snai Gas. E avanzerebbe anche della carta stagnola viola per le marmotte che incartano le cioccolate!), ma di un altro bel personaggione uscito fuori da un paio di giorni, tal Ingegner Ugo Abundo, che e’ alla ribalta per -ancora- un nuovo accrocchio a fusione fredda…

Pero’, prima di parlare del nuovo fenomeno della ricerca italiana, devo a due o tre miei amici ed ex colleghi un riassunto d’una visita che ho avuto al lavoro il giorno 24 aprile. Anche perche’ e’ assolutamente in topic con il post.

Dunque, per ridurre al minimo i preamboli racconto solo che quattro o cinque anni fa ricevemmo una mail da un ingegnere del nord Italia, che ci spiegava come il nome dell’azienda nella quale lavoro l’aveva avuto da EADS-Astrium Germania (aziendona che fa satelliti, razzi, aerei… Robine cosi’, insomma), e che siccome aveva scoperto un fantastico sistema di propulsione spaziale, doveva per forza parlarcene. Chiaramente, il signore chiedeva che noi firmassimo un Non Disclosure Agreement, prima dell’incontro. Accettammo, e un certo giorno l’ingegnere si presenta da noi. Lo ricevo, firmiamo il NdA e -prima di iniziare la riunione- gli dico che appena lui mi tira fuori un po’ di fisica esotica, e qualche negazione di principi basilari di termodinamica, io riterro’ chiusa la presentazione. Lui mi rassicura che non ci saranno problemi, e inizia a parlare della sua scoperta. Va tutto piu’ o meno bene, sintanto che l’uomo non inizia a parlare di un sistema completamente isolato (una “bolla” di plastica) che -senza scambiare alcunche’ con il resto dell’universo- si poteva comunque muovere.

Nel vuoto.

Senza ovviamente espellere massa.

Visto che non sono un tecnico, e che l’ingegnere non crede a quello che gli dico io, rischio il licenziamento e lo porto dal mio capo, professore ad ingegneria aerospaziale e specializzato in propulsione.

Bastano dieci minuti per fare arrivare il povero ingegnere sull’orlo delle lacrime. L’inventore a me pare sinceramente consapevole degli enormi errori concettuali che stanno alla base della sua teoria, quindi lo accompagno fuori e lo rincuoro. Passano un paio di minuti, e l’uomo riprende piglio, e mi saluta dicendomi che ci saremmo comunque risentiti, perche’ lui aveva ragione. Per la cronaca, visto che sono arrivato io a capire che aveva torto, ha torto. Sempre per la cronaca, e cercando di non violare il NdA firmato a suo tempo, quello che ci proponeva era una variante incasinata del famoso “motore alla Wile Coyote“. Una roba piu’ o meno cosi’, ma con l’aggravante che si doveva operare nello Spazio:

wile e coyote troll science looney tunes

Spero nessuno abbia dubbi sul fatto che il motore fuoribordo, messo nel catino, NON fa avanzare Wile d’un millimetro (a parte le vibrazioni indotte, che in effetti qualcosa possono causare…). Bene, fine del preambolo.

Lo stesso signore si rifa’ vivo un mesetto fa. Mi ricorda il nostro primo incontro, e mi dice che adesso ha una cosa completamente nuova, che non viola alcun principio fisico, e che vorrebbe presentarla proprio ad un fisico. Io gli rispondo che al momento non abbiamo laureati in fisica da noi, ma siccome c’e’ pieno di ingegneri non ho difficolta’ a farlo parlare di fronte a qualche giovane virgulto con il cervello meno addormentato del mio. L’inventore accetta, e ieri si presenta puntualissimo da noi. Stavolta parla davanti a sette o otto ingegneri aerospaziali, la meta’ pure dottori di ricerca. E inizia la sua dissertazione parlando del principio di azione e reazione, e di un sistema “isolato” ma pero’ non proprio isolato: l’energia puo’ entrare, e il calore uscire.

In estrema sintesi, partendo da premesse piu’ o meno corrette (pincipio di conservazione della quantita’ di moto, per esempio, usato abbastanza correttamente), introducendo ogni tanto della scienza eterodossa ma -mettiamola cosi’- “quasi plausibile”, arrivava a conclusioni clamorosamente errate ancora una volta. Anche perche’ s’era portato degli apparati dimostrativi che in effetti funzionavano: si muovevano senza che alcuna massa venisse espulsa, solo grazie a complessi sistemi di molle, leve, mazze e respingenti in spugna. Il piccolo problema e’ che quell’aggeggio si muove sulla Terra grazie all’attrito che le ruote fanno sul terreno. Nello spazio, col cavolo che si puo’ muovere (intendo “muovere efficacemente”) una astronave sparando biglie su una delle sue pareti. Ma non c’e’ stato verso di convincere il nostro interlocutore, il quale si e’ quasi arrabbiato perche’ nessuno gli contestava le premesse -di nuovo: giuste!- di fisica 1 dalle quali era partito. Lui voleva che gli si distruggessero le premesse, non le conclusioni. E cio’, francamente e’ impossibile.

Mi ricorda, questo fatto, una fantastica risposta di Leonardo Serni ad un utente su chissa’ quale gruppo di discussione. Ecco il botta e risposta di qualche annetto fa:

Utente: Come si chiudono le porte non usate con NT?

Serni: Ora, io so come si apre una porta chiusa e come si chiude una porta aperta, ma tu vuoi sapere come chiudere una porta chiusa, e questo, lo ammetto, non ho la piu’ pallida idea di come si possa fare.

Ci siamo comunque lasciati amichevolmente, e l’inventore ha addirittura lasciato due copie della sua teoria a due miei colleghi (ritenuti da lui tra i piu’ interessati, vulg.: tra i meno pessimisti), con la promessa che se riusciranno a spiegargli dove e’ che lui sbaglia, avranno una vacanza pagata assieme alle fidanzate.

Sospetto che nessuno potra’ godere del premio, purtroppo, visto che le stesse identiche nostre confutazioni sono state fatte in precedenza da chissa’ quanti altri personaggi in giro per l’Italia, cui il nostro inventore si e’ rivolto.

Non ho piu’ spazio per parlare del nuovo Andrea Rossi, che come vi ho gia’ detto si chiama Ugo Abundo (Google fa scoprire cose interessanti sul personaggio…), e che adotta un paradigma direi “comunista” per lo sviluppo e la validazione del suo apparato chiamato Athanor che pare sia un termine alchemico (?!!): rilascia tutti i disegni e le specifiche a chi le richiede, nel migliore dei modelli Open Source. Date le premesse e quello che s’e’ letto sinora – e data la mia completa e totale ignoranza unita a dosi massiccie di boria-, l’accrocchio ha le stesse identiche probabilita’ di funzionare che i dimostratori del mio amico inventore; staremo a vedere, che il mio problema attuale e’ riuscire a comperare il biglietto per gara-4 di semifinale, che domani sera vedra’ le mie biNbe giocarsi il match point contro le favoritissime di Taranto.

Barney

Annunci

2 pensieri su “Il paese dei genii, spesso incompresi

  1. Claudio

    Quando ho visto l’ingegnere parlare di SNAI Gas ho capito che il mondo delle scommesse è la sua fascinazione. Scommetere contro tutti ma senza versare alcuna posta!
    Mica fesso.

    Mi piace

    Rispondi
  2. Pingback: Ancora sul perche’ la gGente crede alla fuffa, ovvero: perche’ anche un capraro pretende di essere un Nobel della fisica (con tutto il rispetto per il capraro) | BarneyPanofsky

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...