Servizio Pubblico: traduzione in italiano corrente dell’ultimo camion di puttanate dichiarate da Andrea Rossi in un’intervista in inglese (PRIMA PARTE)

[Premessa: ho deciso di spezzare la traduzione in due o tre post, perche’ l’intervista e’ lunga. La prossima puntata forse gia’ domani]

Siccome sono buono, e generoso, e altruista… e soprattutto mi dispiace che la gente venga presa per il culo anche quando la gente stessa fornisce agevoli maniglie e comodi appigli alla presa per il culo, siccome insomma secondo me e l’omino del mio cervello il sig. Ing. (col cazzo) Dott. (in filosofia) Andrea Rossi rimescola vaccate in un gran calderone ogni giorno, e la gente con le maniglie al culo ci crede… Beh, allora il mio compito e’ quello di far prendere atto a quella gente che viene presa per il culo, e illustrare le incongruenze logiche del sig. Ing. (si, dell’Universita’ di Paperopoli) Dott. (ma in filosofia, lo ribadiamo) Andrea Rossi mentre spara la sua dose quotidiana di stronzate.

Trenodeirifiuti1

Vi presento quindi la traduzione di una intervista [[1] rilasciata oggi dal sig. Ing. (Honoris Causa) Dott. (umanistico) Andrea Rossi al syto “Oilprice.com”, nota rivista peer reviewed (ma anche no, per la verita’) dove si decide la bonta’ delle nòvissime invenzioni che ci cambieranno la vita da cosi’ a cosi’ (mòve impercettibilmente la mano, e la rimette uguale a prima). Quando, chiederanno i tre lettori? Beh, oggi no, domani forse, ma dopodomani di sicuro.

Vien da se e non occorre che lo dica: sono -come dire?- assai scettico che l’accrocchio di Rossi funzioni in una qualsiasi maniera, pero’ prometto che la traduzione dell’intervista che leggerete qua sotto e’ assolutamente fair. Tutto quello che NON ho scritto io e’ riportato cosi’ come e’ stato scritto e detto dai protagonisti.

L’intervista parte su toni sommessi e pacati sin dal sobrio, misurato e contenuto tytolo, che vò qui sotto ad illustrare:

I potenziali illimitati dell’E-Cat: una intervista con Andrea Rossi

Salto la intro discorsiva e chiacchierologica, e vado direttamente alla sessione domande-risposte, in cui “JB” e’ l’intervistatore James Burgess, e “AR” e’ – ma va?- Andrea Rossi. “NdB” (Nota del Bischero) definisce invece l’intervento mio, che -per comodita’ dei leghisti e dei veri credenti della Chiesa del Monaco Diaccio Marmato degli Ultimi Giorni– e’ colorato in rosso.

So… Let’s rock!

 

JB: Cosa e’ esattamente l’E-Cat, e come funziona?

AR: Sostanzialmente, l’E-Cat e’ un boiler. Usa un catalizzatore segreto per fondere assieme idrogeno e nickel, ed ottenere rame [NdB: si parte con calma e misura, sparando subito che l’E-Cat e’ un trasmutatore di specie atomiche. Hai presente la pietra filosofale? Uguale! E no, non sto scherzando]. Il rame ha uno stato energetico piu’ basso di quello del nickel, e l’energia in eccesso viene rilasciata sotto forma di raggi gamma [NdB: AR dice qua senza mezzi termini – rileggete, e’ li’ sopra, a sinistra- che l’accrocchio produce raggi gamma. Occome? O non aveva dichiarato una decina di giorni fa che l’aggeggio NON EMETTEVA raggi gamma? Beh, pero’ un mese prima li emetteva, e due mesi fa no, quindi forse c’e’ una logica in questo, e probabilmente l’accrocchio emette raggi gamma nei mesi dispari, e non li emette nei mesi pari. A meno che questi ultimi non abbiano una “r” nel loro nome inglese: allora si possono mangiare. Coi cavoli e coi Re]. I raggi gamma colpiscono una parete di piombo dove sono assorbiti e trasformati in calore. L’intero processo e’ incredibilmente efficiente e puo’ scaldare qualsiasi fluido che passi attraverso l’apparato. [NdB: e’ la teoria dei gamma che si termalizzano sullo schermo di piombo. E lasciando da parte la questione tecnica, che non ho idea se cio’ sia possibile o meno -a naso puzza di stronzata sesquipedale con una spruzzatina di selz, ma lo ripeto: sono ignorante-, c’e’ il problema che il piombo fonde a 600 K, che in unita’ comprensibili da tutti fanno piu’ o meno 330 °C. Ehi: 330 GRADI CENTIGRADI? E Rossi dice che la macchina e’ sicura? Ma se la temperatura supera i 330 °C, e il piombo fonde, chi fermera’ i gamma rays? Gesu’ bambino? Goku? Vegeta? Andrea Rossi?]  

JB: Il suo E-Cat sfida le leggi della fisica standard. Lei s’aspettava la fiera resistenza e le critiche che sta affrontando?

AR: Si, mi sono sempre aspettato una certa forma di resistenza da parte di quelle persone che non sono disposte ad accettare cambi di paradigma, ma questo succede in tutti i campi della vita, non certo solo nella fisica.

JB: Questa [NdB: la storia dell’E-Cat] potrebbe essere la notizia piu’ sconvolgente della nostra epoca. Eppure, i mass media evitano di parlarne, per usare un eufemismo. Perche’ pensa che succeda questo?

AR: Una naturale resistenza contro le rivoluzioni [NdB: a braccio direi “resistenza contro le idee rivoluzionarie”].

JB: Ci puo’ raccontare di quando non stava ancora lavorando all’E-Cat? Cosa faceva?

AR: Lavoravo ad impianti per la produzione di energia da biomasse. Principalmente biomasse di scarto, che non competono con coltivazioni alimentari [NdB: “cippato”, diciamo. Oppure residui da potature, da lavorazione di olio e vino… Robe cosi’. E’ una cosa abbastanza di moda, di questi tempi, ma vi si lavora da parecchio. Ed e’ una cosa interessante].

JB: Darwin stette moltissimo a rimuginare se raccontare o meno al mondo la sua Teoria dell’Evoluzione [NdB: Dio santo, no!!!! L’accostamento Rossi-Darwin e’ quanto di piu’ scientificamente blasfemo e misleading si possa pensare… Non avevo preconcetti su JB, ma questa vaccata mi fa ricredere. Penoso…]. Lui sapeva benissimo che avrebbe completamente scombussolato la scienza nei cervelli della gente, e che tale sconvolgimento nonn sarebbe stato accettato da tantissimi. La sua macchina E-Cat e’ simile [NdB: andiamo benissimo! L’E-Cat come la teoria dell’evoluzione…]. Molti scienziati non vogliono crederci perche’ questa sfida i loro attuali paradigmi scientifici. Ha mai pensato a questo aspetto, quando lei per la prima volta ha fatto la sua scoperta? Ha rifiutato di credere lei stesso alla sua scoperta, inizialmente?

AR: Beh, certamente ho messo in discussione quel che avevo scoperto.E’ stata dura credere che a un certo punto io avessi prodotto un esempio funzionante di reazione LENR. Ho pagato Sergio Focardi, fisico e Professore Emerito all’Universita’ di Bologna, perche’ provasse a convincermi che m’ero sbagliato, e perche’ mi liberasse dalla mia ossessione per le reazioni LENR. Alla fine e’ successo che sono stato io a convincere lui, e Focerdi ha deciso di lavorare con me allo sviluppo della macchina E-Cat.

JB: Ci puo’ raccontare qualcosa in piu’ sulle sue discussioni con Sergio Focardi?

AR: Beh, non furono veramente discussioni: Focardi, come me, e’ uomo di poche parole. Gli dissi solo che gli avrei dato 10.000 Euro perche’ mi spiegasse come mai la mia tecnologia era sbagliata, e lui accetto’. Ma non ha guadagnato i 10.000 Euro, perche’ non e’ stato in grado di spiegare dove la mia idea fosse sbagliata. E questo l’ha portato a diventare mio partner.

JR: Lei ha discusso con Focardi nel 2007. Come mai la sua scoperta c’ha messo cosi’ tanto a diventare di pubblico dominio? Avete lavorato 4 anni sui prototipi, o cosa?

AR: Prima di annunciare pubblicamente la scoperta, volevo essere certo di quel che avevo in mano. Io scendo in campo solo se sono sicuro di vincere [NdB: se dico che Rossi e’ uno sborone, secondo voi sono passibile di Querela? Io dico di no…].

JB: Le LENR sono state pubblicizzate come una fonte di energia pulita e a basso costo, ma nessuna nuova tecnologia e’ economicamente conveniente. Ci puo’ dare un’indicazione del prezzo per megawatt ora di energia elettrica prodotta dalla sua macchina LENR? Spannometricamente, per quel che riguarda le altre fonti energetiche i costi in dollari per megawatt ora sono i seguenti:

Carbone: 95-135

Gas: 66-103

Nucleare (fissione): 113

Eolico: a terra 97, offshore 243

Solare: 210-310 [NdB: per quest’ultima categoria immagino che JB fornisca i dati per il fotovoltaico. Il termovoltaico e’ molto piu’ economico, e secondo me eventualmente l’E-Cat deve essere confrontato solo con quello, visto che per adesso dovrebbe essere in grado di fare acqua calda e stop…].

AR: Beh, saro’ in grado di rispondere ufficialmente alla domanda soltanto quando l’E-Cat iniziera’ a produrre energia elettrica [NdB: sono totalmente d’accordo con AR, stavolta, come preannunciato nella nota sopra], al momento siamo concentrati sulla produzione di calore. Stiamo collaborando con Siemens per realizzare un sistema che trasformi il calore generato dall’E-Cat in elettricita’ [NdB: AR sta parlando della oramai famosa turbina Siemens in grado di usare vapore a 260 °C. Lui vorrebbe farci un impianto da 45 MW…]. Abbiamo fatto delle stime, e nel caso di cogenerazione (ossia, produzione combinata di calore ed elettricita’) il costo sarebbe di circa 10 dollari a megawatt ora.

JB: La transizione completa alla fusione nucleare probabilmente potrebbe durare decenni [NdB: nel caso che la fusione fredda funzioni, caro il mio pallette. No?]. I costi sempre piu’ alti dei prodotti petroliferi potranno essere un incentivo, ma il fornire il prodotto a sette o otto miliardi di persone sara’ un compito improbo. Una volta che lei avra’ i brevetti, quali sono i suoi piani per la produzione e la distribuzione? 

AR: Roma non e’ stata costruita in un giorno. Provo a seguire la stessa filosofia, e porto la stessa pazienza. Lo sviluppo progredira’ esponenzialmente man mano che andiamo avanti, fino a livelli che oggi non possiamo immaginare, ma per adesso ci stiamo focalizzando nella realizzazione di una linea di produzione in grado di produrre un milione di E-Cat l’anno.

[fine prima parte]

 

 

[1]: ho cercato sulla pagina un riferimento a copyright e diritti, non li ho trovati, e cerco di rimediare almeno attribuendo qua meriti e demeriti. Ovviamente l’intervista e’ frutto del lavoro di James Burgess, cui vanno tutti i crediti (virtuali, soldi nulla, eh?). Io ho solo pedissequamente tradotto in italiano; laddove ho inserito i miei salaci commenti la cosa e’ resa evidente al lettore che sa benissimo che quello che fa il bischero sono io, e non il sig. Burgess, ne’ il sig. Rossi.

 

Barney

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.