Che Natale sarebbe, senza il fottutissimo disco di Skala e Kolacny?

Apprendo dalla radio (il medium mainstream di casa Panofsky, cosi’ ho gia’ mandato in vacca il post in mezza riga…) che per avere un Natale veramente splendido dovrei acquistare il disco di Skala e Kolacny.

Mai coverti, ‘sti eccelsi e ignoti sbrindellatori di note musicali oltreche’ -mi immagino- stracciatori di maroni senza anestesia, ma in sottofondo al refrain pubblicitario si sente un orrendo coro di voci bianche che canta “a capellaViva la vida dei Coldplay in una maniera che mi spingerebbe piu’ a comperare un AK-47 d’occasione e cercare questi Skala e Kolacny (uomini o bestie che siano) in Belgio (no, dico: ma quando mai in BELGIO s’e’ sentito dire che fanno musica decente? Ecco…), raggrupparli assieme alle ragazze del loro coro e vedere di rifare “Stille Nacht” con accompagnamento calibro 7,62 e randelli di quercia.

Ma siamo tutti piu’ buoni, a Natale, via!

Quindi, lasciamo pure al negozio il disco di Scazzo e Colite e le loro ragazzine passibili di attenzioni pedofile dai solerti preti belgi, e vediamo di consigliare qualcosa di veramente divertente. E di addirittura gratis, incredibile dictu. E partiamo citando un gruppo che in molti (io, l’omino del mio cervello e un altro paio a caso) ricorderanno: i Fugazi. I Fugazi sono -erano?- un gruppo indie rock post punk che prende il nome da un acronimo militare che i Marines USA usavano durante la guerra del Vietman: “Fucked Up, Got Ambushed, Zipped In“, il cui significato tradotto semplicisticamente e’: “Siamo nella cacca sino all’attaccatura dei capelli”.

I Fugazi sono stati una delle prime band punk-hardcore merregane, e non hanno mai inclin- sottosta–  non si sono mai piegati alle major del disco, preferendo rimanere un fenomeno di culto per pochi adepti piuttosto che diventare i Green Day prima della nascita dei Green Day. Gente di sanissimi principii e di solidissimo rock, come testimonia questo pezzullo live qua sotto:

Scusate i ragazzi per il suono sporco e la bassissima qualita’ degli ampli, ma l’energia che trasuda da ogni secondo di questo brano e’ raggiungibile da Legadue e Vasco Bossi solo se al posto loro suonassero i Who, giusto per mettere i puntini sulle “i”.

Ma cosa c’entrano i Fugazi con Scampia e Collecchio? Oh, calmini che c’arrivo, su! Allora, c’e’ un gruppo, o crew, o mandria di rappettari che si chiama “Wu-Tang Clan“. Roba da negroni di tre metri con il radiolone sulla groppa e lo “Yo, brotha!” sempre sulle labbra. Ecco, ‘sti scoppiati qua hanno dato vita all’incrocio genetico Wugazi, che unisce il rap dei Wu-Tang con l’hardcore dei Fugazi.

Il risultato e’ assolutamente godibile, altro che la puttanata del disco “Skala e Coppia di tre” che mi pubblicizzano alla radio! E soprattutto, non si compra: si scarica gratuitamente da qui.

Buon Natale!

 

Barney

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.