“Limit”, Frank Schatzing. (Ed. Nord)

“Limit” e’ molte cose differenti.

Limit

Per prima cosa, e’ un balenottero da 1360 pagine. Schatzing ha abituato i lettori a mattonate oversize sin dal suo primo libro (il bestseller thriller-techno-ambientalista “Il quinto giorno”), quindi non c’e’ molto da sorprendersi. Ne risente pero’ la maneggevolezza del tomo, impossibile da portare in treno durante il tragitto casa-lavoro e relegato, quindi, a letture serali a letto, scomode e torcicolliche. Consiglio a Schatzing: se vuoi continuare a scrivere questi malloppi, pubblica solo ebook.

Poi, e’ un concentrato di infodumps che “L’energia del vuoto” gli fa una pippa. E qui le informazioni che vengono scaricate sul lettore sono di due tipi: quelle tecniche sul mondo aerospaziale “vero”, e quelle che riguardano argomenti classici della Science Fiction rispiegati ai lettori del romanziere tedesco, evidentemente poco avvezzi a queste cose. Siccome pero’ sia l’industria aerospaziale che la SciFi sono mondi che frequento abbastanza da vicino, il risultato -per quel che mi riguarda- e’ un buon 40% di libro di troppo. Se poi si aggiunge che la parte spaziale e’ in gran parte la descrizione della regolite lunare e delle sue proprieta’ schermanti-strutturali, mi viene quasi da segnare la lettura del romanzo come “lavoro” sui timesheet aziendali…

Ancora: e’ un libro che cambia registro spesso, e che ambisce (e -almeno fino a circa 200 pagine dal termine- con discreto successo, va detto) a far confluire tre filoni narrativi -nettamente distinti in partenza- nella storia che tiene assieme il romanzo.

Infine, vi sono veramente molti esempi di colpi di scena seguiti da contro-colpi di scena e da contro-contro colpi di scena. Il tutto in poche pagine, a rendere veramente pesante la lettura: nessuno crede piu’ a quel che succede, dopo la terza sequenza di colpi e controcolpi.

Il libro lo si puo’ vedere come un cocktail composto da 1/3 di Arthur C. Clarke, cui si deve tutta la parte iniziale basata sull’ascensore gravitazionale (Reference Document: “Le fontane del Paradiso“), 1/3 di William Gibson, che va ringraziato per almeno l’80% della sottotrama “cinese”, piena di hacker, di computer semi-senzienti, di ologrammi e di feroci serial killer psicopatici (Reference Documents: “Monna Lisa cyberpunk“, e -soprattutto- “Luce virtuale”), 1/6 di Cormac McCarthy + 1/6 di James Ellroy (Reference Documents: per CMcC “Non e’ un paese per vecchi“, per JE “American tabloid“), una spruzzatina di Frederick Forsyth (Reference Document: “Il quarto protocollo“), ghiaccio a piacere e frullare ben bene. Aggiungere le classiche du’ ulivine e bere diaccio marmato sotto un ombrellone, d’agosto. Poi mi rammentate di sicuro.

La trama, molto succintamente e senza troppi spoiler (quelli che abbastano per far capire di che stiamo a parlare, e ci state larghini): nel 2025 un visionario industriale britannico riesce a costruire -su un’isola piazzata esattamente all’Equatore, ma che ve lo dico a fare? E’ logico!- un ascensore gravitazionale. Come contrappeso, in GEO, viene realizzata una stazione orbitale che funge anche da centrale operativa per le operazioni di estrazione di Elio3 dalla superficie lunare. L’Elio3 viene ovviamente impiegato nelle centrali a fusione inventate -c’e’ bisogno di dirlo?- dallo stesso genio britannico, e altrettanto ovviamente le compagnie petrolifere stanno collassando.
Una organizzazione segreta (Hydra, pare la Spectre di JamesBondiana memoria…) non trova di meglio che organizzare un attentato sulla Luna, anzi gia’ che ci sono progettano DUE attentati; ma sulle loro tracce, per motivi di sfiga clamorosa/di congiunzioni astrali irripetibili, si mette un detective informatico americano trapiantato a Shangai…

Finale telefonato qualche centinaio di pagine prima dell'”the end”, che serve a giustificare una serie di palesi incongruenze nella trama e a far sembrare dei coglioni i protagonisti, e in minor misura il lettore.

Altre cosette sparse qua e la:

  1. al termine (??!!!) del libro ci sono DIECI PAGINE con nomi e ruoli di tutti i protagonisti del romanzo;
  2. si scopre che sulla stazione spaziale non mangiano fagioli e cipolle perche’ altrimenti le scorregge puzzerebbero;
  3. si scopre che fare sesso in assenza di gravita’ non e’ facilissimo, e quindi i letti hanno delle cinghie per bondage (ma non ci sono le manette…);
  4. Si rimane sorpresi dallo scoprire che in italiano “botnet” si traduce “botte per il vino”. Per chi non conoscesse il significato di botnet: ve lo cerco io su Google :-). Qui c’e’ da sottolineare che la colpa potrebbe essere tutta delle due traduttrici dal Crucconese all’Italiano, ma vai a sapere te…;
  5. si assiste ogni tanto a una strage efferata/catastrofe seminaturale/altro a caso; eventi che hanno tutti un unico scopo: sfoltire il numero di attori sul palcoscenico, veramente esagerato (si veda infatti sopra il punto 1);
  6. si scopre (in rete) che Schatzing e’ un idolo per i grillini (e i tunninari, forse). Solo questo motivo sarebbe sufficiente per mandare al rogo la sua opera omnia;
  7. secondo il mio modestissimo parere, Schatzing e’ di un prolisso che gonfierebbe i maroni a Giobbe, ma potrei pure sbagliare, sia chiaro.

Giudizio sintetico: leggersi i Reference Documents invece del romanzo potrebbe essere piu’ divertente. Sicuramente piu’ formativo.

Barney

Annunci

3 pensieri su ““Limit”, Frank Schatzing. (Ed. Nord)

  1. Barney Panofsky

    “Il quinto giorno” e’ stato osannato come un capolavoro, ma Schatzing ha sempre il problema di chiudere duemila sottoplot dopo mille pagine scritte in due anni: molto complicato, se sei crucco…Anche quel libro secondo me e’ mediocre. E pure quello l’ho letto a scrocco ;->

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...