Con l’idiota, in giardino, ad isolare le rose migliori

Il titolo e’ un brano della colonna sonora, e mi serve solo per introdurre l’argomento.

Che e':

l’immane stronzata razzista propinata alla stampa dall’inutile travet gasparriano che l’establishment del pallone nazionale aveva opportunamente scelto per farne il nuovo Presidente della FIGC.

L’idiota in giardino, perlappunto, che isola le rose migliori. Solo che invece che rose sono cacche di segugio…

L’ometto e’ gia’ lombrosianamente impresentabile, come dimostra l’immagine qua sotto.

tavecchioneLa frase incriminata che ha scatenato un discreto macello gliela facciamo pronunciare a lui, va:

Ora, questa personcina di elevato spessore e’ ancora il candidato in vantaggio per la Presidenza della FIGC; pare che solo la Fiorentina abbia stasera revocato la fiducia al genio della comunicazione. I padroni del pallone sono tutti tetragonicamente convinti che si, abbia detto una stronzata, ma e’ il meglio che il nostro calcio puo’ adesso produrre. Auguri…

Ci pensate? In Inghilterra per eleggere un Presidente della FA non e’ che fanno entrare un Carlo Tavecchio qualunque, che al suo paese fino a un mese prima raddrizzava le banane col culo, e lo fan diventare capo supremo della Federazione!

Col cazzo, signori!

Li’ leggono il curriculum, controllano il pedigree e la purezza della razza, e alla fine fanno anche un test di cultura generale.

Son sicuro che Tavecchio, esperto uomo di mondo, sarebbe immediatamente arruolato nella FA, anzi: perche’ non ha ancora applicato, mi chiedo io?

Preferisce mica lavorare ancora qua con le banane, eh?

 

Ah, me stavo a scorda’ er mejo…

 

Barney

xkcd: Luke

Qua Randall va giu’ peso di doppi sensi grafici e semantici:

lukeL’alt-text recita “Don’t turn it on”, ma per capire appieno la vignetta bisognerebbe sapere cosa e’ una <NSFW> fleshlight </NSFW>.

Ora e’ tutto chiaro, no?

:-O

 

Barney

Servizi sociali: aiutare i fuffari

Come ho avuto modo di dire a M.elle T. dopo la visione di “The Master” (che non vale per me una recensione piu’ lunga di “delusione completa”, o un quattro di benevolenza su una scala che arriva a dieci…), ci sono alcune cose che mi mandano in bestia da sempre. Una e’ l’omeopatia, e questo si spiega per i miei studi di biologia di un secolo fa (oltre che per il fatto che l’omeopatia non ha un motivo per funzionare sulle malattie serie).

L’altra sono le sette religiose. Tutte.

Scientology non e’ certamente fuori dal mazzo, anzi: per come L. R. Hubbard ha mischiato religione, fantascienza e merda, Scientology e’ in pole position per farmi incazzare se si parla di fuffa religiosa. E il fatto che “The Master” non mi sia piaciuto per nulla e’ dovuto anche al taglio neutro che l’autore ha dato alla storia -assolutamente “ispirata” a Dianetics e Scientology-, senza chiaramente dichiarare “Ragazzi, qua siamo di fronte alla mMerde de la mMerde, se non lo aveste capito“.

Devo dire che di Hubbard ho sempre ammirato la pertinace ricerca del guadagno e della fama, uno che e’ partito come scrittore mediocre, e che all’ennesima premiazione del premio Hugo in cui un suo romanzo non veniva premiato (giustamente, peraltro…) se ne usci’ con la sua frase piu’ famosa: “Basta, ho deciso: per fare soldi mi tocchera’ fondare una nuova religione”. Detto, fatto. Che ci caschino Tom Cruise e John Travolta m’importanasega, che invece il morbo si possa diffondere mi preoccupa non poco. Siamo oltre la fuffa religiosa, qua: siamo di fronte a una serqua di vaccate propinate al povero depresso di turno che io mi vergogno tutte le volte che sento parlare di thetan operativo, di livelli di clearance e di vulcani che custodiscono le anime dei cattivi alieni. Xenu poi mi fa armare il cane di una ipotetica calibro 38…

Ma il post serve ad aiutare i fuffari, non a sparargli nel cul, no dicevo: a dir loro quanto stronzi sia… ok, abbiamo capito.

Quindi, ecco un fantastico strumento che servira’ d’ausilio per i novelli fuffari, per i giovini che -spinti dalla crisi e dalla fame- vedono nella fuffa un metodo plausibile per tirare avanti.

Ecco a voi, cari miei Hubbard in potenza, il bellissimo Woo-woo sento di credo, un sistema infallibile per creare in pochi giorni la vostra personalissima setta/religione/scienza alternativa/partito politico. Il curatore italiano non poteva che essere Leonardo Serni…

Disclaimer per i dubbiosi: NON E’ un sistema per rimorchiare. Con le donne non ha mai funzionato. Ma funziona con i Monaci Diacci Marmati degli Ultimi Giorni e la fusione fredda!

 

La colonna sonora credo di averla gia’ giocata una volta, ma sono i PJ, ed e’ una canzone contro un fuffaro di primissimo livello, so enjoy:

 

 

Barney

Il caso, la sfiga, la guerra…

Questo qua sotto e’ il grafico dei miei spostamenti “macro” degli ultimi 30 giorni:

dashboardOltre che dimostrare quanto Google sappia oramai quasi tutto di noi (s’e’ perso Pechino perche’ ci siamo stati solo due giorni, e li’ la censura Internet funziona meglio che a Shanghai…), e quanto abbia volato in cosi’ poco tempo, mostra anche la rotta di ritorno da Shanghai a Roma.

Che passa esattamente sopra l’Ucraina, dopo avere percorso tutto il Kazakhstan (che e’ enorme) ed avere fatto un po’ di Russia meridionale.

Giuro che domenica 29 giugno, quando siamo passati da li’ (era pomeriggio inoltrato) ho pensato a quanto fosse pericoloso volare sopra un teatro di guerra e a quanto sia drammaticamente facile buttare giu’ un aereo, ai nostri giorni.

Oggi, purtroppo, e’ successo. Proprio li’… Perche’ la guerra, come ci canta Mick Jagger, e’ solo uno sparo piu’ in la’.

 

 

Barney

L’ottavo pianeta

Corollario perfetto alla serie conclusasi la settimana scorsa chez Cartaresistente e’ questa foto che sono finalmente riuscito a scattare stasera, prima di tornare a casa. Gli altri affreschi li avevan cancellati prontamente, pochi giorni dopo che una mano anonima li aveva bombolettati attraverso uno stencil che vorrei avere anche io.

Questo deve essere nuovo di pacca.

Eccolo qua, tutto per voi: l’ottavo pianeta.

IMAGE00335Non c’e’ manco bisogno del documento, per partire…

… forse perche’ non c’e’ nemmeno bisogno di partire, per trovarsi nel Pianeta Merda…

 

Barney